Gli Esperti Sollecitano attenzione sulla Prescrizione dei Comuni Medicinali per ADHD ai Ragazzi

giù le mani dai bambini news

Di Megan Brooks – Fonte articolo originale: “

Experts Urge Caution When Prescribing Common ADHD Drug in Kids. Medscape. Nov 26, 2015.” http://www.medscape.com/viewarticle/855098?nlid=92656_2052&src=wnl_edit_medn_psyc&uac=38624HK&spon=12&impID=910696&faf=1

Traduzione a cura di Maurizio Prisco

Una rassegna esaustiva della Cochrane mostra che vi sono prove di bassissima qualità per sostenere l’uso di metilfenidato (Ritalin, Concerta e altre marche) nei bambini con deficit di attenzione e iperattività (ADHD), portando i revisori a sollecitare più cautela nel prescrivere uno stimolante.

“L’evidenza non è così convincente come molti medici hanno creduto, per quanto riguarda i benefici del metilfenidato,” hanno dichiarato a Medscape Medical News gli autori principali Ole Jakob Storebø, PhD, psicologo clinico, Regione della Selandia, Roskilde, Danimarca, e Morris Zvi, MBBCh, consulente dei bambini e psichiatra adolescenziale, Whittington Health, Londra, Regno Unito.

“In generale, i nostri risultati sollevano preoccupazioni su quanto dovremmo aspettarci da questo medicinale, e ci deve essere più cautela nel prescrivere il metilfenidato. Penso che probabilmente richieda un cambiamento di mentalità più che un cambiamento nella pratica”, hanno fatto notare i ricercatori.

La recensione è stata pubblicata online il 25 novembre nel Cochrane Database of Systematic Reviews.

Percezioni al Passo con le Prove

La rassegna include dati pubblicati a febbraio 2015 da 185 studi randomizzati controllati che hanno coinvolto più di 12.000 bambini e adolescenti di età compresa tra i tre e i diciotto anni (età media 9.7). Gli studi, condotti principalmente negli Stati Uniti, in Canada e in Europa, hanno confrontato il metilfenidato con un placebo o con nessuna terapia. La durata del trattamento con metilfenidato variava da 1 a 425 giorni, con una durata media di 75 giorni.

Settantadue studi (il 40%) sono stati finanziati dall’industria. I recensori hanno detto che tutti i 185 studi sono stati valutati quali ad alto rischio di bias.

La loro analisi ha rilevato che il metilfenidato può migliorare i sintomi dell’ADHD relativi agli insegnanti (scarto medio standard [SMD] -0.77; 95% intervallo di confidenza [IC] -0,90 a -0,64), che corrisponde ad una differenza media (DM) di -9.6 punti (95% IC -6,38 a -13,75) sulla scala di valutazione ADHD (ADHD-RS).

I recensori notano che una variazione di 6,6 punti sulla ADHD-RS è considerata, dal punto di vista clinico, la minima differenza rilevante.

I dati suggeriscono inoltre un miglioramento con metilfenidato del comportamento generale valutato dall’insegnante (SMD -0,87; 95% IC -1,04 a -0,71) e della qualità di vita come riferito dai genitori (SMD 0,61; 95% CI 0,42-0,80) sul Child Health Questionnaire.

Il metilfenidato non è stato associato a un aumento di eventi avversi gravi potenzialmente letali (rapporto di rischio [RR] 0,98; 95% IC 0,44-2,22), ma vi è stato un aumento del rischio di eventi avversi non gravi (RR 1,29; 95% IC 1,06 – 1,56), più comunemente problemi di sonno e diminuzione dell’appetito. I bambini che assumono metilfenidato hanno avuto il 60% in più di rischio di disturbi del sonno/problemi ad addormentarsi (RR 1,60; 95% IC 1,15-2,23) e il 266% in più di rischio di diminuzione dell’appetito (RR 3,66; 95% IC 2,56-5,23).

La cautela degli autori, tuttavia, che la “bassa qualità delle prove a sostegno indica che non si può essere certi dell’entità degli effetti.” E “molto poco” è noto circa gli effetti a lungo termine o i danni, in quanto la maggior parte delle prove nella rassegna non ha misurato i risultati oltre i sei mesi.

“La nostra fiducia nei risultati delle analisi è molto bassa”, hanno detto il dottor Storebø e il dottor Zvi a Medscape Medical News. “Anche se l’effetto del metilfenidato sui sintomi dell’ADHD, sul comportamento generale, e sulla qualità della vita nei bambini (fino a e inclusi i 18 anni) è favorevole, gli studi inclusi nella nostra rassegna hanno mostrato un certo numero di debolezze metodologiche”.

“Dovremmo vedere la riduzione media del punteggio dei sintomi attribuibili al trattamento con un elevato grado di cautela”, aggiungono. “I medici devono pesare ciò che noi oggi riteniamo essere un livello incerto di beneficio contro i molteplici eventi avversi che sono noti per essere associati al metilfenidato, come la soppressione dell’appetito e le difficoltà del sonno. La percezione generale del metilfenidato quale farmaco efficace per tutti i bambini con ADHD sembra non al passo con le nuove evidenze. Queste nuove informazioni provenienti dalla nostra rassegna dovrebbero sfidare la mentalità dei medici, perché c’è molta più incertezza nei fattori del bilancio tra rischi e benefici di questo farmaco “, hanno notato i ricercatori.

D’altra parte, hanno aggiunto, “i medici devono essere consapevoli delle conseguenze della sospensione del metilfenidato nei bambini i cui sintomi ADHD sono diminuiti, il comportamento generale è migliorato, e la qualità della vita è migliorata, a patto che non soffrano anche degli effetti avversi del farmaco”.

Nel complesso, questa rassegna “mette in evidenza la necessità di studi a lungo termine meglio progettati, che reclutino un numero sufficiente di partecipanti in modo da essere più certi sui benefici e sui rischi del trattamento con il metilfenidato (rispetto al placebo) in bambini e adolescenti con ADHD,” hanno concluso i ricercatori.

I ricercatori notano che il loro gruppo di ricerca “, si sta preparando a una revisione sistematica di accompagnamento che si occuperà specificamente di prove da studi non randomizzati. Speriamo che questo fornirà migliori indicazioni sul rischio a lungo termine di eventi avversi relativi all’assunzione di metilfenidato”.

Maggior punto debole

Commentando la recensione di Medscape Medical News, Bonnie J. Kaplan, PhD, del Child Development Centre, Università di Calgary, Alberta, Canada, ha detto che i complimenti alla squadra sono al fine di “riconoscere che uno dei punti deboli più importanti negli studi che hanno esaminato erano ‘i brevi periodi di controllo tipici degli studi coinvolti'”.

“Questa è una limitazione molto, molto importante”, ha dichiarato il dottor Kaplan, “perché i bambini che mostrano benefici nel caso di situazione grave sono spesso tenuti sotto questo farmaco per anni e anni. E gli ultimi dati a lungo termine dal trial dell’MTA [Multimodal Treatment Study of Children With ADHD] suggeriscono che i benefici sono trascurabili nel lungo periodo”.

Cochrane Database Syst Rev. Pubblicato online il 25 novembre 2015. Abstract

 

Comments are closed.