Trattamento del disturbo depressivo maggiore con Iyengar Yoga e respirazione coerente: uno studio di dosaggio controllato randomizzato

Chris C. Streeter, MD,1–6  Patricia L. Gerbarg, MD,7 Theodore H. Whitfield, ScD,8 Liz Owen, BArch,1  Jennifer Johnston, PhD,1   Marisa M. Silveri, PhD,1,3,5  Marysia Gensler,1 Carol L. Faulkner, BS1, Cathy Mann,1 Mary Wixted, JD,1 Anne Marie Hernon,1 Maren B. Nyer, PhD,3,9  E. Richard P. Brown, MD,10,* and John E. Jensen, PhD3,5,*
Pubblicato su THE JOURNAL OF ALTERNATIVE AND COMPLEMENTARY MEDICINE 2017
Traduzione in italiano a cura del Dott. Claudio Ajmone per GiùleManidaiBambini.org

Testo originale in inglese, disponibile a questo link

1Departments of Psychiatry
2Neurology, Boston University School of Medicine, Boston, MA.
3Department of Psychiatry, Harvard School of Medicine, Boston, MA.
4Department of Psychiatry, Boston Medical Center, Boston, MA.
5Department of Psychiatry, McLean Hospital, Belmont, MA.
6Department of Psychiatry, Edith Nourse Rogers Memorial Veterans Hospital, Bedford, MA.
7Department of Psychiatry, New York Medical College, Valhalla, NY.
8Biostatistical Solutions, Boston, MA.
9Department of Psychiatry, Massachusetts General Hospital, Boston MA
10Department of Psychiatry, Columbia University College of Physicians and Surgeons, New York, NY.
*Joint senior authors.

Riassunto

Obiettivi: Gli obiettivi di questo studio erano di valutare gli effetti di un intervento di Iyengar yoga e respirazione coerente a cinque respiri al minuto sui sintomi depressivi e di determinare il dosaggio ottimale dello yoga di intervento per studi futuri in individui con disturbo depressivo maggiore (MDD).

Metodi: I soggetti sono stati randomizzati al gruppo ad alto dosaggio (HDG) o al gruppo a basso dosaggio (LDG) per un intervento di 12 settimane di tre o due classi di intervento a settimana, rispettivamente. I soggetti idonei erano di età compresa tra 18 e 64 anni con MDD, avevano punteggi Beck Depression Inventory-II (BDI-II) al basale ≥14 e non assumevano farmaci antidepressivi o assumevano una dose stabile di antidepressivi per ≥3 mesi. L’intervento comprendeva lezioni di 90 minuti più i compiti a casa. Le misure di esito erano punteggi BDI-II e compliance all’intervento.  

Risultati: Quindici soggettiHDG ( età M  = 38,4 ± 15,1 anni) e 15soggettiLDG ( età M = 34,7 ± 10,4 anni) hanno completato l’intervento. I punteggi BDI-II allo screening e alla compliance non differivano tra i gruppi ( p  = 0,26). I punteggi BDI-II sono diminuiti significativamente dallo screening (24,6 ± 1,7) alla settimana 12 (6,0 ± 3,8) per l’HDG (–18,6 ± 6,6; p  <0,001) e dallo screening (27,7 ± 2,1) alla settimana 12 (10,1 ± 7,9 ) nell’LDG (–17,7 ± 9,3; p  < 0,001). Non ci sono state differenze significative tra i gruppi, in base alla risposta (cioè, diminuzione >50% nei punteggi BDI-II; p = 0,65) per HDG (13/15 soggetti) e LDG (11/15 soggetti) o remissione (cioè numero di soggetti con punteggi BDI-II <14; p  = 1,00) per HDG (14/15 soggetti) e LDG (13/15 soggetti) dopo l’intervento di 12 settimane, sebbene un numero maggiore di soggetti nell’HDG avesse punteggi BDI-II di 12 settimane ≤10 ( p  = 0,04).

Conclusione: durante questo intervento di 12 settimane di yoga più respirazione coerente, i sintomi depressivi sono diminuiti significativamente nei pazienti con MDD sia nell’HDG che nell’LDG. Entrambi i gruppi hanno mostrato compliance e miglioramenti clinici comparabili, con più soggetti nell’HDG che mostravano punteggi BDI-II ≤10 alla settimana 12.

Introduzione

Il disturbo depressivo maggiore (MDD) è comune, ricorrente, cronico e invalidante. A causa in parte della sua prevalenza, la depressione è globalmente responsabile di più anni persi a causa della disabilità rispetto a qualsiasi altra malattia. 1 Fino al 50% degli individui trattati con farmaci antidepressivi per MDD non raggiunge la remissione completa. 2 Pertanto, i trattamenti attualmente disponibili per la depressione non riducono in modo efficace o sufficiente la morbilità o la mortalità associate. 3 Per ridurre l’onere della MDD, sono necessarie terapie più efficaci e aggiuntive.  

Le terapie basate sullo yoga sono promettenti sia come monoterapie che come trattamenti aggiuntivi. Una meta-analisi e una revisione di studi randomizzati controllati (RCT) che utilizzano lo yoga come trattamento per la depressione hanno scoperto che lo yoga era significativamente migliore delle cure abituali, degli esercizi di rilassamento e dell’esercizio aerobico. 4 , 5 Un RTC che ha dimostrato risultati positivi ha impiegato lo yoga Iyengar e ha valutato la riduzione dei sintomi utilizzando il Beck Depression Inventory, in modo simile all’intervento e alla valutazione utilizzati in questo studio. 6  

Nei disturbi con basso tono parasimpatico (misurato dalla bassa variabilità della frequenza cardiaca [HRV]), come la MDD, gli interventi basati sullo yoga sono associati a un miglioramento sintomatico. 7  Gli esercizi di respirazione lenta sono stati anche collegati a un aumento della HRV e a un miglioramento dell’umore. 8 Nei soggetti con MDD trattati con respirazione risonante (respirazione coerente con espirazione resistiva a labbra serrate) a 4,5-6,5 respiri al minuto (bpm), la HRV è aumentata e l’umore è migliorato. 9

Pertanto, gli obiettivi di questo studio erano valutare gli effetti di un intervento che combina lo yoga Iyengar e la respirazione coerente sui sintomi depressivi in ​​soggetti con MDD e determinare la dose ottimale dell’intervento yoga per futuri RTC.   

Materiali e metodi

Strumenti e gestione dei dati

Questo studio è stato approvato dall’Institutional Review Board del Boston University Medical Center (BUMC). Il consenso informato scritto è stato ottenuto da tutti i partecipanti durante l’intervista di screening. Lo screening e l’intervento sono avvenuti al BUMC da ottobre 2013 a settembre 2015. I soggetti sono stati reclutati da Internet e dagli annunci locali. Il codice di randomizzazione è stato generato utilizzando un design a blocchi permutati ( n  = 4). I numeri di randomizzazione e le assegnazioni di gruppo sono stati conservati in buste sigillate, numerati in sequenza e aperti in sequenza quando un soggetto è stato randomizzato. Le scale dell’umore sono state auto-completate dai soggetti, in modo tale che il personale di ricerca non in cieco non ha somministrato le scale dell’umore. L’intervista clinica strutturata per i disturbi di asse I del DSM-IV (SCID) è stata utilizzata per diagnosticare la presenza di disturbi di asse I.10 Il Beck Depression Inventory-II (BDI-II), un questionario autocompilato di 21 elementi, è stato utilizzato per monitorare i sintomi depressivi con il seguente punteggio: depressione grave 29-63, depressione moderata 20-28, depressione lieve 14-19 e depressione minima 0-13. 11 Altre scale dell’umore completate verranno riportate altrove. La Columbia-Suicide Severity Rating Scale (C-SSRS) è stata utilizzata per valutare il rischio di suicidio. 12 Timeline Follow Back è stato utilizzato per determinare il consumo di alcol nei 3 mesi precedenti lo screening. 13  I dati dello studio sono stati raccolti utilizzando Research Electronic Data Capture (REDCap). 14

Criteri di inclusione ed esclusione

Lo studio è iniziato con i seguenti criteri di inclusione: 18-55 anni; diagnosi attuale di MDD; punteggio BDI-II ≥14 e <28 allo screening; i disturbi d’ansia in comorbidità erano consentiti se non interferivano con la partecipazione. I seguenti erano esclusi: trattamento con antidepressivi, benzodiazepine o stabilizzatori dell’umore prima dello screening; psicoterapia per la depressione nei 3 mesi precedenti lo screening; più di sei pratiche di 1 h mente-corpo negli ultimi 6 mesi; una pratica di preghiera attuale >2 ha settimana; malattia bipolare; storia di psicosi; tentativo di suicidio per tutta la vita o ideazione suicidaria nell’ultimo anno; attuale abuso o dipendenza da alcol o sostanze; e l’impossibilità di completare il protocollo di studio.

Dopo aver arruolato 16/32 soggetti, è stato stabilito che i criteri erano inutilmente restrittivi. Pertanto, i criteri di inclusione sono stati ampliati: limite di età superiore a 65 anni; limite superiore BDI-II di 28 rimosso; soggetti che assumono una dose stabile (nessuna variazione della quantità) di antidepressivi per almeno 3 mesi prima dello screening se non sono previste variazioni della dose durante lo studio. Sono stati inoltre ampliati i criteri di esclusione: tentativi di suicidio nell’anno precedente invece che nel corso della vita; e per consentire l’ideazione suicidaria senza intenzione, ma escludere l’ideazione suicidaria con intenzione nell’anno precedente utilizzando i criteri C-SSRS.

Yoga più intervento di respirazione coerente  

Il protocollo Iyengar manualizzato sviluppato dal gruppo degli autori è stato modificato in modo tale che il protocollo di postura Iyengar fosse seguito da un periodo di transizione di rilassamento a un esercizio di respirazione coerente per aumentare il potenziale beneficio per gli individui con MDD. 6 La componente yoga ha enfatizzato i piegamenti all’indietro e le inversioni perché il metodo Iyengar identifica queste posizioni come utili per il trattamento della depressione. 15 Durante la transizione di rilassamento, i soggetti hanno eseguito la respirazione ujjayi, che crea una piccola resistenza al flusso d’aria mediante una leggera contrazione dei muscoli laringei con parziale chiusura della glottide, attivando le afferenze vagali (che hanno origine nella laringe e nella faringe), attivando anche le afferenze vagali attraverso la respirazione contro un carico resistivo. 16 La respirazione coerente comporta una respirazione delicata attraverso il naso con uguale durata di inspirazione ed espirazione a una frequenza respiratoria che ottimizza la HRV e l’equilibrio simpatico-vagale respirando a una frequenza media di 5 bpm per la maggior parte degli adulti. 8  I dati sulle variazioni di HRV saranno riportati altrove.

Le lezioni di yoga di 90 minuti consistevano in circa 60 minuti di posizioni yoga e circa 10 minuti di transizione che includevano rilassamento profondo (savasana) e respirazione ujjayi (che aiuta a controllare e rallentare la frequenza del respiro), 16 seguito da 20 minuti di respirazione coerente. Ai soggetti è stata data la possibilità di continuare a ujjayi durante la respirazione coerente. È stato riprodotto un compact disc (CD) di due toni di campana per stimolare la respirazione coerente con le istruzioni per inspirare sul tono alto ed espirare sul tono basso. L’intervento yoga di 12 settimane comprendeva 11 sequenze uniche. Le prime 10 sequenze sono state eseguite per 1 settimana ciascuna e l’undicesima sequenza è stata estesa per un periodo di 2 settimane. Ogni compito a casa consisteva in 15 minuti di posture e 15 minuti di respirazione coerente a ritmo di CD. I compiti sulla postura sono stati guidati dalle settimane 2, 4 e 11 del manuale. Il BDI-II è stato completato allo screening e alle settimane 4, 8 e 12.

Tutte le lezioni di yoga seguivano una progressione stabilita: posizioni sedute o reclinate per centrarsi mentre venivano lette la traduzione e l’interpretazione del sutra per quella classe; Saluti al sole; pose in piedi; colpi di scena, pose di transizione; inversioni; rilassamento profondo (shavasana e ujjayi); e respiro coerente. La respirazione Ujjayi è stata rivista all’inizio di ogni lezione e durante il periodo di transizione. I nomi delle posizioni in inglese e sanscrito e le sequenze per ogni settimana sono forniti nelle tabelle supplementari 1 e 2 (i dati supplementari sono disponibili online su www.liebertpub.com/acm).

Questo intervento ha utilizzato i seguenti oggetti di scena per partecipante: un tappetino da yoga, due blocchi da yoga, una cintura da yoga, un cuscino (6 pollici × 12 pollici × 24 pollici) e tre coperte da yoga. Per la pratica a casa, a ogni soggetto è stato dato il manuale di intervento, un tappetino da yoga, un CD di 15 minuti per la pratica della respirazione domestica e due blocchi di yoga.

Per determinare la dose ottimale di yoga, i soggetti sono stati randomizzati a un gruppo ad alto dosaggio (HDG) o a un gruppo a basso dosaggio (LDG) per 12 settimane. L’HDG consisteva in tre lezioni di yoga di 90 minuti e quattro sessioni di compiti a casa di 30 minuti a settimana. Il LDG consisteva in due lezioni di yoga di 90 minuti e tre sessioni di compiti a casa di 30 minuti a settimana. La conformità del soggetto è stata monitorata tramite fogli di accesso a ogni lezione di yoga e attraverso moduli settimanali che valutano la conformità con i compiti. È stato impiegato un progetto di ammissione a rotazione per soddisfare i requisiti di pianificazione delle sessioni di imaging. I soggetti sono entrati nel protocollo di 12 settimane poiché sono stati randomizzati.

Formazione e considerazioni per insegnanti di yoga

Tutti gli istruttori di yoga avevano superato l’esame di certificazione Iyengar Introductory Level II, che richiedeva ≥2 anni di studio, acquisito almeno 5 anni di esperienza di insegnamento e ricevuto una formazione per modificare le posizioni yoga per adattarsi all’equilibrio, alla forza e alla flessibilità di ciascun partecipante utilizzando la modifica della postura, prop l’utilizzo e la modifica della sequenza all’interno della progressione stabilita delle pose. Le lezioni sono state divise tra cinque istruttori di yoga. Hanno partecipato allo sviluppo del manuale, hanno partecipato alle riunioni del personale durante lo studio per mantenere la fedeltà del protocollo e hanno insegnato alle classi tramite il manuale. Il PI ha completato le valutazioni di fedeltà scritte dell’aderenza di ciascun istruttore al protocollo durante lo studio. +

Statistiche

I dati dello studio sono stati analizzati utilizzando Stata/SE v13.1 (Stata Corp., College Station, TX). 14  Le analisi bivariate non aggiustate hanno utilizzato il test esatto di Fisher per i dati categorici e i t -test a due campioni per i dati continui. Le equazioni di stima generalizzate (GEE) sono state utilizzate per analizzare i dati longitudinali correlati da misure ripetute su soggetti nel tempo. 17  p – I valori derivati ​​per tutti i confronti statistici e le analisi di potenza erano a due code, utilizzando un alfa di 0,05 per la significatività statistica. La d di Cohen è stata utilizzata per stimare le dimensioni dell’effetto e sono stati calcolati gli intervalli di confidenza.

Risultati

Reclutamento e demografia

Lo screening telefonico ha prodotto 265 soggetti di cui 86 hanno partecipato a una visita di screening, 32 sono stati randomizzati, con 30 completatori ( Fig. 1). I compilatori hanno partecipato allo screening e alle valutazioni alle settimane 4, 8 e 12, ad eccezione di un soggetto HDG che non ha completato la valutazione di 8 settimane. Oltre a MDD, i soggetti soddisfacevano i criteri per i seguenti disturbi d’ansia di Asse I: otto disturbi da stress post-traumatico (PTSD) in corso, un disturbo da stress post-traumatico in remissione completa, quattro sottosoglia da disturbo da stress post-traumatico, tre disturbi da panico in remissione parziale, un disturbo da panico in remissione completa , e una fobia sociale attuale. Nessun soggetto è stato escluso per disturbi d’ansia.

Fig 1.  Diagramma di flusso del reclutamento dei soggetti fino al completamento.

Non ci sono state differenze significative tra HDG ( n  = 15; età  = 38,4 ± 15,1 anni) e LDG ( n  = 15; età  = 34,7 ± 10,4 anni) sulle variabili demografiche ( Tabella 1). Il test esatto di Fisher tra HDG e LDG era statisticamente non significativo per lo stato civile ( p  = 0,84), l’occupazione ( p  = 0,66) e la razza ( p  = 0,30).

Tabella 1. Dati demografici: HDG contro LDG
DemograficoHDG ( n  = 15)LDG ( n  = 15)p
Età (anni)38,4 ± 15,134,7 ± 10,40.44
Femmina13/15 (87%)12/15 (80%)1.00
ha figli5/15 (33%)5/15 (33%)1.00
Istruzione (anni)16,3 ± 2,216,7 ± 2,20,62
Stato civile  0.84
Sposato2/15 (13%)1/15 (7%) 
convivente2/15 (13%)2/15 (13%) 
Divorziato3/15 (20%)1/15 (7%) 
Separato1/15 (7%)1/15 (7%) 
Mai sposato7/15 (47%)15/10 (67%) 
Stato di impiego  0,66
Tempo pieno7/15 (47%)5/15 (33%) 
Orario regolare part-time1/15 (7%)2/15 (13%) 
Orario irregolare part-time3/15 (20%)1/15 (7%) 
Alunno3/15 (20%)3/15 (20%) 
disoccupato1/15 (7%)3/15 (20%) 
Gara  0.30
caucasico15/10 (67%)13/15 (87%) 
ispanico0/15 (0%)0/15 (0%) 
asiatico3/15 (20%)0/15 (0%) 
Neri o afroamericani2/15 (13%)2/15 (13%)
HDG, gruppo ad alto dosaggio; LDG, gruppo a basso dosaggio.

Dose yoga, compliance e sintomi depressivi

Le classi e i compiti assegnati (dose prescritta), le posizioni eseguite o la respirazione (tempo in minuti) e la compliance (eseguita/assegnata) per le lezioni di yoga, i compiti di postura, i compiti di respirazione, i compiti totali e il tempo totale di yoga per HDG e LDG sono elencati nella tabella 2 . L’HDG aveva una dose di yoga significativamente più alta, misurata in base al numero di lezioni ( p  = 0,001), al totale dei compiti ( p  = 0,05) e ai minuti totali ( p  = 0,001). Due campioni t– i test che confrontavano la conformità nelle lezioni, i compiti e i minuti totali di yoga tra i gruppi non erano statisticamente significativi, in quanto entrambi i gruppi erano relativamente conformi al protocollo. Le valutazioni di fedeltà hanno documentato che gli istruttori di yoga erano conformi al protocollo.

Tabella 2. Confronto tra gruppi di minuti assegnati a lezioni di yoga e compiti a casa, minuti eseguiti e conformità
 Gruppo 
PraticaHDGLDG-test p -value
Classi (minuti assegnati)32402160 
Presenze  2532 ± 6521818 ± 4320.001
Conformità  78 ± 20%84 ± 20%0,42
Compiti a casa (minuti assegnati)14401080 
Eseguito  1543 ± 1095919 ± 4750.05
Conformità 107 ± 76%85 ± 44%0,34
Posture (minuti assegnati)720540 
Eseguito 997 ± 910556 ± 2940.08
Conformità 138 ± 126%103 ± 54%0,33
Respirazione (minuti assegnati)720540 
Eseguito 546 ± 349363 ± 2300.10
Conformità 76 ± 48%67 ± 43%0,61
Minuti totali (assegnati)46803240 
Minuti totali eseguiti 4075 ± 13142737 ± 6250.001
Conformità complessiva 87 ± 28%84 ± 19%0,77  

Come mostrato nella Tabella 3 e nella Figura 2 , i punteggi BDI-II sono diminuiti significativamente dallo screening alla settimana 12 nell’HDG (–18,6 ± 6,6; t  = –10,9; df  = 14; p  < 0,001; d di Cohen  = –2,81; 95% intervallo di confidenza [CI] da -22,3 a -14,9) e dallo screening alla settimana 12 nell’LDG (–17,7 ± 9,3; t  = –7,3; df  = 14; p  < 0,001; d di Cohen =  –1,89; 95% CI –22,8 a –12,5). Un t- test su due campioni che confrontava i punteggi BDI-II di HDG e LDG allo screening non era statisticamente significativo ( t  = -1,16; df  = 28; p = 0,26), indicando alcuna differenza nella gravità della depressione tra i gruppi prima della randomizzazione. I punteggi BDI-II per gruppo e tempo sono forniti nella Tabella 3 .

Fig 2.  Beck Depression Inventory-II (BDI-II) rispetto ai minuti cumulativi di yoga per il gruppo ad alto dosaggio (HDG) e il gruppo a basso dosaggio (LDG) (media ± SEM).
Tabella 3. Medie e deviazioni standard per punteggi totali BDI-II e minuti cumulativi di yoga per HDG e LDG
HDGLDG
EventoPunteggio totale BDI-IIMinuti totali cumulativi di yogaPunteggio totale BDI-IIMinuti totali cumulativi di yoga
Selezione24,6 ± 6,7027,7 ± 8,00
Settimana 414,1 ± 8,91398 ± 29414,8 ± 7,4968 ± 225
Settimana 88,5 ± 5,72483 ± 61114.0 ± 7.41741 ± 434
Settimana 126.0 ± 3.84075 ± 131410,1 ± 7,92737 ± 625
BDI-II, Beck Depression Inventory-II.

I cambiamenti nei punteggi BDI-II e nei minuti cumulativi di yoga per gruppo durante l’intervento sono illustrati nella Figura 2 . Un modello di regressione GEE con punteggi BDI-II come variabile dipendente e minuti cumulativi di yoga come variabile indipendente dimostra coefficienti di regressione negativi, coerenti con l’aumento dei minuti totali di yoga che sono inversamente correlati con la diminuzione dei punteggi BDI-II nell’LDG (β = –0,006; z  = –3,68; p  < 0,001) e l’HDG (β = –0,001; z  = –1,01; p  = 0,31). Un t- test che confrontava i punteggi di variazione BDI-II tra i gruppi non era statisticamente significativo ( t  = -0,32; df  = 28; p = 0,75). La combinazione di minuti di yoga totali significativamente maggiori nell’HDG senza una maggiore differenza nella variazione del punteggio BDI-II rende il coefficiente di regressione della stima più piccolo, coerente con una mancanza di significatività statistica per il GEE nell’HDG.

Un confronto con il test esatto di Fisher a due code ha mostrato le seguenti differenze statisticamente non significative tra i gruppi dallo screening alla settimana 12 nella proporzione di responder (diminuzione >50% di BDI-II; 87% di HDG [13/15] e 73% di LDG [11/15]; p  = 0,65) e remitter (punteggi BDI-II <14 alla settimana 12; 93% di HDG [14/15] e 87% di LDG [13/15]; p  = 1,00) . Alla settimana 12 sono state riscontrate differenze statisticamente significative nei punteggi BDI-II ≤10: 93% di HDG (14/15) e 53% di LDG (8/15; p  = 0,04). Due soggetti che assumevano una dose stabile di antidepressivi (venlafaxina e bupropione) avevano punteggi BDI-II che diminuivano rispettivamente dallo screening (38 e 16) alla settimana 12 (14 e 9).

Eventi avversi

Gli eventi avversi sono stati valutati settimanalmente utilizzando moduli di eventi avversi compilati dal soggetto e da un medico o psicologo clinico utilizzando un modulo di eventi avversi alle settimane 4, 8 e 12. Nessun evento avverso grave è stato associato al protocollo yoga. L’evento avverso più comune chiaramente correlato all’intervento, riportato in 13 soggetti, è stato l’indolenzimento muscolare transitorio. I fogli settimanali degli eventi avversi, le segnalazioni di difficoltà del soggetto al personale o l’osservazione del personale hanno innescato valutazioni cliniche. 

Nessun soggetto ha sviluppato ideazione suicidaria durante lo studio e nessun soggetto è stato ritirato dallo studio. Due soggetti randomizzati, uno per ogni gruppo, hanno smesso di frequentare le lezioni e sono stati persi al follow-up prima della valutazione di 4 settimane. Alla fine dello studio, due soggetti avevano scelto di iniziare la psicoterapia e nessuno ha iniziato ad assumere antidepressivi. Due soggetti hanno continuato a soddisfare i criteri per la depressione grave e moderatamente grave alla fine dello studio, sulla base dei punteggi BDI-II allo screening di 40 e 22 e alla settimana 12 di 33 e 23, rispettivamente. Sebbene soddisfacessero ancora i criteri per la depressione, entrambi i soggetti affermarono che l’intervento era stato utile e che intendevano continuare le lezioni. 

Poiché un soggetto dell’HDG ha riferito pensieri angoscianti mentre praticava la respirazione coerente da solo a casa, i compiti a casa sono stati cambiati per questo individuo in 30 minuti di posture senza respirazione coerente, il che secondo quanto riferito ha alleviato l’angoscia. entrambi i soggetti hanno affermato che l’intervento era stato utile e che intendevano continuare le lezioni. Poiché un soggetto dell’HDG ha riferito pensieri angoscianti mentre praticava la respirazione coerente da solo a casa, i compiti a casa sono stati cambiati per questo individuo in 30 minuti di posture senza respirazione coerente, il che secondo quanto riferito ha alleviato l’angoscia. entrambi i soggetti hanno affermato che l’intervento era stato utile e che intendevano continuare le lezioni. Poiché un soggetto dell’HDG ha riferito pensieri angoscianti mentre praticava la respirazione coerente da solo a casa, i compiti a casa sono stati cambiati per questo individuo in 30 minuti di posture senza respirazione coerente, il che secondo quanto riferito ha alleviato l’angoscia.

Discussione

Sebbene l’HDG abbia ricevuto una dose statisticamente significativamente maggiore di minuti di yoga (misurata in lezioni di yoga, compiti a casa e minuti di yoga totali) rispetto all’LDG, non vi è stata alcuna differenza significativa nella risposta (riduzione >50% dei punteggi BDI-II) o nella remissione (punteggi BDI-II <14) tra i gruppi dallo screening alla settimana 12. Tuttavia, più soggetti HDG avevano punteggi BDI-II <10 alla settimana 12, dimostrando una sintomatologia meno depressiva. I risultati indicano che entrambi i gruppi hanno completato minuti di intervento sufficienti per migliorare significativamente i tassi di remissione e risposta, ma che la dose più elevata può essere più efficace nel ridurre i punteggi BDI-II a <10.

Questi risultati sono coerenti con un precedente studio sullo yoga del gruppo degli autori, 18 in cui soggetti senza storia di malattie psichiatriche hanno completato una media di due lezioni e una sessione di compiti a settimana, che è stata associata a miglioramenti significativi dell’umore e diminuzione dell’ansia in soggetti di yoga sia all’interno delle analisi di gruppo sia rispetto a un gruppo di controllo a piedi. La dose nello studio precedentemente pubblicato è simile alla dose dell’attuale LDG.

Il dosaggio del farmaco si basa sull’emivita del farmaco, il tempo necessario affinché una sostanza si dimezzi. Allo stesso modo, è possibile che l’intervento yoga nel presente studio abbia un’emivita di 48 ore, tale che un intervento dosato tre volte a settimana (ad esempio, due lezioni più una sessione di compiti a casa) sarebbe sufficiente per migliorare i sintomi dell’umore. Sebbene i soggetti di entrambi i gruppi fossero conformi, quelli dell’HDG hanno riferito che tre lezioni settimanali comportavano un impegnativo impegno di tempo, così come i soggetti che hanno rifiutato di partecipare allo studio a causa dell’impegno di tempo. Considerando i tassi di risposta e remissione simili, il programma più leggero dell’LDG può bilanciare meglio la frequenza di intervento efficace con le richieste di tempo.

Gli Yoga Sutra di Patanjali descrivono otto arti dello yoga. 19 Le prove di trattamento spesso includono l’arto 3 (posture/asana), l’arto 4 (esercizi di respirazione/pranayama), l’arto 6 (concentrazione/dharana) e l’arto 7 (meditazione/dhyana). Secondo Patanjali, le posizioni, la respirazione e la concentrazione precedono la meditazione come un modo per preparare il corpo e la mente a sedersi senza distrazioni. Dato che i sintomi della depressione includono una ridotta concentrazione, questo studio ha fornito ai soggetti attività concrete su cui concentrarsi sotto forma di posture ed esercizi di respirazione, includendo così componenti di concentrazione.

La qualità dell’intervento è stata rafforzata da (1) l’uso di un manuale di trattamento, (2) una formazione e una certificazione rigorose per istruttori di yoga, incluso lo studio continuo con lo stesso insegnante durante questa prova, (3) la partecipazione degli istruttori allo sviluppo del trattamento yoga manuale, (4) addestramento alla respirazione coerente e uso di un CD per la stimolazione e (5) valutazioni della fedeltà dell’adesione al protocollo da parte degli istruttori di yoga.

I risultati di questo studio devono essere interpretati con cautela nel contesto di diverse limitazioni, ad esempio la piccola dimensione del campione e la mancanza di un controllo attivo non yoga (entrambi i gruppi hanno ricevuto Iyengar yoga più respirazione coerente). Inoltre, l’ambiente di gruppo di supporto e le interazioni multiple dei soggetti con il personale di ricerca ogni settimana potrebbero aver contribuito alla riduzione dei sintomi depressivi. Di conseguenza, è in corso un RCT più ampio con un gruppo di confronto  deambulante. Questo studio ha arruolato soggetti con MDD che avevano un basso rischio di autolesionismo sotto la supervisione di medici qualificati. Pertanto, i risultati non possono essere generalizzati a MDD con suicidalità più acuta o sintomi più gravi. Questo intervento non è stato progettato per sostituire la valutazione e il trattamento della depressione da parte di professionisti qualificati.

Nessun soggetto che stava assumendo farmaci antidepressivi ha cambiato il proprio farmaco durante questo studio. I due soggetti in terapia antidepressiva erano depressi allo screening e miglioravano nel corso dell’intervento. Ciò fornisce un supporto preliminare per l’uso di interventi basati sullo yoga in aggiunta al trattamento farmacologico per la depressione. Rispetto all’aumento psicotropo dei farmaci antidepressivi, questo intervento ha il vantaggio di evitare ulteriori effetti collaterali e interazioni farmacologiche. Sarebbe necessario un gruppo più ampio di pazienti in terapia con farmaci antidepressivi per convalidare questo effetto di aumento osservato.

Conclusioni

Questo studio sul dosaggio fornisce la prova che la partecipazione a un intervento composto da Iyengar yoga e respirazione coerente è associata a una significativa riduzione dei sintomi depressivi per gli individui con MDD, sia con che senza farmaci antidepressivi. L’HDG e l’LDG non hanno mostrato differenze significative nella compliance o nei tassi di risposta o remissione. Sebbene l’HDG avesse significativamente più soggetti con punteggi BDI-II ≤10 alla settimana 12, le lezioni due volte alla settimana (più la pratica a casa) possono avere tassi di risposta o remissione. Sebbene l’HDG, le lezioni tre volte alla settimana (più la pratica a casa) abbiano avuto un numero significativamente maggiore di soggetti con punteggi BDI-II ≤10 alla settimana 12, l’LDG, le lezioni due volte alla settimana (più la pratica a casa) possono costituire un modo meno gravoso ma comunque efficace per ottenere il l’umore trae beneficio dall’intervento.


Bibliografia

  1. Smith K. Mental health: A world of depression. Nature 2014;515:181.
  2. Thase M, Nierenberg AA, Vrijland P, et al. Remission with mirtazapine and selective serotonin reuptake inhibitors: A meta-analysis of individual patient data from 15 controlled trials of acute phase treatment of major depression. Int Clin Psychopharmacol   2010;25:189–198.
  3. Insel T, Wang P. The STAR*D trial: Revealing the need for better treatments. Psychiatr Serv 2009;60:1466–1467.
  4. Uebelacker L, Broughton M. Yoga for depression and anxiety: A review of published research and implications for healthcare providers. R I Med J 2016;99:20–22.
  5. Cramer H, Lauche R, Langhorst J, et al. Yoga for depres- sion: A systematic review and meta-analysis. Depress An- xiety 2013;30:1068–1083.
  6. Woolery A, Myers H, Sternlieb B, et al. A yoga intervention for young adults with elevated symptoms of depres- sion. Altern Ther Health Med 2004;10:60–63.
  7. Streeter CC, Gerbarg PL, Saper RB, et al. Effects of yoga on the autonomic nervous system, gamma-aminobutyric-acid and allostasis in epilepsy, depression, and post-traumatic stress disorder. Med Hypotheses 2012;78:571–579.
  8. Brown RP, Gerbarg PL, Meunch F. Breathing practices for treatment of psychiatric and stress-related medical condi- tions. Psychiatr Clin North Am 2013;36:121–140.
  9. Karavidas MK, Lehrer PM, Vaschillo E, et al. Preliminar results of an open label study of heart rate variability bio- feedback for the treatment of major depression. Appl Psy- chophysiol Biofeedback 2007;32:19–30.
  10. First MB, Gibbon M, Spitzer R, et al. Structured Clinical Interview for DSM-IV Axis I Disorders, Research Version, Non-patient Edition (SCID-I/NP). New York: New York State Psychiatric Institute, 1997.
  11. Beck AT, Steer RA, Brown GK. Beck Depression In- ventory Manual. 2nd ed. San Antonio, TX: Psychological Corporation, 1996.
  12. Posner K, Brown GK, Stanley B, et al. The Columbia Suicide Severity Rating Scale: Initial validity and internal consistency findings from three multisite studies with ado- lescents and adults. Am J Psychiatry 2011;168:1266–1277.
  13. Sobell L, Sobell M. Timeline follow-back: A technique for assessing self-reported alcohol consumption. In: Litten R, Allen J, eds. Measuring Alcohol Consumption. Totowa, NJ: Humana Press, 1992.
  14. Harris PA, Taylor R, Thielke R, et al. Research electroninc data capture (REDCap)—A metadata-driven methodology and workflow process for providing translational research informatics support. J Biomed Inform 2009;42:377–381.
  15. Silva M, Mehta S. Yoga: The Iyengar Way. New York: Alfred A. Knopf, 2001.
  16. Brown RP, Gerbarg PL. Sudarshan Kriya yogic breathing in the treatment of stress, anxiety, and depression: Part I— neurophysiologic model. J Altern Complement Med 2005; 11:189–201.
  17. Zeger SL, Liang K-Y, Albert P. Models for a longitudinal data: A generalized estimating equation approach. Bio- metrics 1988;44:1049–1060.
  18. Streeter CC, Whitfield TH, Owen L, et al. Effects of yoga versus walking on mood, anxiety, and brain GABA levels: A randomized controlled MRS study. J Alternat Comple- ment Med 2010;16:1145–1152.
  19. Bryant EF. The Yoga Sutras of Patanjali: A New Edition, Translation and Commentary with Insights from the Tradi- tional Commentators. New York: North Point Press, 2009.

Comments are closed.