La terapia della luce intensa nel trattamento della depressione dell’infanzia e dell’adolescenza, della depressione antepartum e dei disturbi alimentari

Krzysztof Krysta ,Marek Krzystanek ,Małgorzata Janas-Kozik & Irena Krupka-Matuszczyk
Pubblicato su Journal of Neural Transmission 2012
Traduzione in italiano a cura del Dott. Claudio Ajmone per GiùleManidaiBambini.org

Testo originale in inglese, disponibile a questo link

Riassunto

I disturbi del ritmo circadiano rappresentano una componente importante alla base della patologia della depressione. Uno dei sottotipi di depressione, in cui questi disturbi possono svolgere un ruolo cruciale, è il disturbo affettivo stagionale (SAD). La terapia della luce brillante (BLT) è stata segnalata come un nuovo e promettente metodo di trattamento per la SAD dal 1984 e la maggior parte dei dati che rivelano la sua efficacia sono stati riferiti a pazienti adulti, senza disturbi in comorbidità. 

Tuttavia, negli ultimi anni sono state presentate sempre più segnalazioni, che confermano l’utilità del BLT in alcune specifiche sottopopolazioni di pazienti, inclusi bambini, adolescenti e donne in gravidanza. La presente revisione riassume le applicazioni del BLT nella depressione antepartum, nella depressione dell’infanzia e dell’adolescenza, nonché nei pazienti affetti da disturbi alimentari. 

Sebbene il corpo delle prove sia ancora troppo piccolo per raccomandare l’uso del BLT come prima linea di trattamento per la depressione o i disturbi alimentari in queste sottopopolazioni di pazienti; sembra che il BLT possa essere un’utile terapia alternativa o aggiuntiva per queste malattie. Tuttavia, le applicazioni cliniche specifiche del BLT in queste aree necessitano di ulteriori indagini.  

Introduzione

Una possibile connessione tra la psicopatologia dei disturbi depressivi ei ritmi circadiani è stata postulata da molti anni; tuttavia, i meccanismi biologici sottostanti rimangono ancora inspiegabili. Alcuni dati suggeriscono che l’effetto dei farmaci antidepressivi sia almeno in parte dovuto alla loro azione sui ritmi circadiani (McClung 2007 ). L’esplorazione dei meccanismi neurobiologici ha contribuito alla scoperta dei cosiddetti geni orologio, che sono presenti in molte cellule del sistema nervoso centrale e che sono responsabili delle anomalie del ritmo circadiano, portando a stati comportamentali alterati (Turek 2007 ). 

Queste connessioni biologiche possono spiegare quanto siano strette le relazioni tra disturbi del sonno e sintomi depressivi. Secondo Harvey (2011 ), i disturbi del sonno sono meccanismi importanti, ma ancora poco riconosciuti, legati all’eziologia e al decorso clinico dei disturbi dell’umore. In particolare, i modelli di sonno anormali possono essere fattori di rischio per la ricaduta di episodi depressivi così come per il deterioramento della regolazione cognitiva ed emotiva, e disturbi ormonali o metabolici.

Secondo Antonijevic ( 2008 ), ci possono essere diversi sottotipi di depressione, dovuti ad alcune alterazioni nel funzionamento dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA) e diversi modelli di architettura del sonno. Questo tipo di distinzione può servire come indicatore futuro, potenzialmente utile nella selezione di strategie di trattamento mirate individualmente. Uno dei primi sottotipi di depressione, in cui sono stati osservati gli effetti positivi della terapia della luce intensa (BLT), è stato il disturbo affettivo stagionale (SAD). 

Rosenthal et al. ( 1984) ha riportato il primo tentativo di utilizzo del BLT in un gruppo di 29 pazienti a cui era stato diagnosticato il disturbo bipolare. Da allora sono stati pubblicati numerosi studi che analizzano l’efficacia del BLT. Il meccanismo del BLT è complesso e sono state proposte diverse spiegazioni, inclusa l’ipotesi del ritmo circadiano, basata sullo sfasamento del sonno. 

Ciò potrebbe significare che gli individui che soffrono di SAD durante l’inverno potrebbero avere la fase del sonno ritardata o anticipata, in relazione al loro ciclo sonno/veglia (Lewy et al. 2007 ). Si presume che il BLT applicato al mattino riduca la secrezione di melatonina nel ritardo dello sfasamento. A seconda dei cambiamenti del ritmo circadiano individuale, l’applicazione del BLT al mattino o alla sera potrebbe essere indicata come metodi di trattamento cronobiologico aggiuntivo per il SAD.

Meccanismi biologici dell’azione del BTL

Una delle strutture anatomiche più importanti, responsabile del controllo dell’umore è il nucleo soprachiasmatico (SCN), che è considerato il pacemaker circadiano di molti diversi processi fisiologici e comportamentali (Arushanian e Popov 2011 ). L’attività neuronale del SCN è regolata da due recettori della melatonina accoppiati a proteine ​​G, MT1 e MT2, e dalla secrezione di melatonina dalla ghiandola pineale. SCN riceve impulsi neuronali dalla retina attraverso il tratto retinoipotalamico (Dubocovich 2007). 

Pertanto, il livello di secrezione di melatonina dipende dall’esposizione alla luce durante il giorno e anche dalla stagione dell’anno. Il modo esatto del regolamento SCN rimane ancora ipotetico. Una possibilità è che le indolamine (melatonina e il suo precursore serotonina) abbiano la capacità di trasdurre segnali luminosi nel SCN. Un’altra spiegazione è che la serotonina possa svolgere un ruolo nella modulazione delle reti SCN e nella produzione di melatonina da parte della ghiandola pineale che influenza i ritmi biologici.

Inoltre, è stato ipotizzato che la luce eserciti un’influenza neurotrofica sui neuroni, e quindi una prolungata privazione della luce può causare alterazioni funzionali del sistema noradrenergico-locus coeruleus. Nel loro lavoro sperimentale, Gonzalez e Aston-Jones ( 2008 ) hanno mostrato che la privazione permanente della luce nei ratti ha aumentato l’apoptosi nel locus coeruleus; tuttavia, questo effetto può essere annullato da alcuni farmaci antidepressivi.

Inoltre, ci sono alcuni studi che suggeriscono che il meccanismo dell’effetto antidepressivo del BLT è collegato all’aumento funzionale dei sistemi di rete serotoninergici e noradrenergici. A titolo illustrativo, una dieta priva di triptofano e una somministrazione dell’inibitore dell’idrossilasi, l’alfa-metil-paratirosina, producono un robusto aumento dei sintomi depressivi nei pazienti con diagnosi di SAD, mentre la somministrazione di BLT li risolve (Neumeister et al. 1998 ).  

 Si può ritenere che l’azione del BLT sia correlata all’aumento dei sistemi di trasmissione serotoninergica e noradrenergica. In uno studio di Stastny et al. ( 2003), le deplezioni serotoninergiche e noradrenergiche in pazienti con SAD, che erano in remissione dopo aver ricevuto BLT, hanno prodotto una riduzione transitoria dei livelli plasmatici di interleuchina 4. Ciò potrebbe suggerire che il BLT possa influenzare la regolazione del sistema immunitario, che è spesso distorta nella depressione.

Inoltre, le alterazioni dei neurormoni come la grelina e la leptina possono essere coinvolte nella fisiopatologia della SAD. Ciò può provocare iperfagia, con desiderio di carboidrati e, successivamente, può contribuire a un moderato aumento di peso che spesso accompagna disturbi depressivi e ossessivo-compulsivi, che potrebbero rispondere favorevolmente al BLT (Cizza et al. 2005 ; Garaulet et al. 2011 ).

Secondo le osservazioni cliniche di Praschak-Rieder e Willeit ( 2003 ), il BLT mattutino può essere superiore a quello serale, poiché riduce la secrezione di melatonina nel ritardo di sfasamento. La durata e la frequenza dell’esposizione al BLT sono ancora controverse (Kronfeld-Schor e Einat 2012 ). Ad esempio, Reeves et al. ( 2012 ) hanno riportato che si può riscontrare un miglioramento significativo nei punteggi della depressione anche dopo una singola sessione di BLT.

Una delle strutture anatomiche più importanti, responsabile del controllo dell’umore è il nucleo soprachiasmatico (SCN), che è considerato il pacemaker circadiano di molti diversi processi fisiologici e comportamentali (Arushanian e Popov 2011 ). L’attività neuronale del SCN è regolata da due recettori della melatonina accoppiati a proteine ​​G, MT1 e MT2, e dalla secrezione di melatonina dalla ghiandola pineale. SCN riceve impulsi neuronali dalla retina attraverso il tratto retinoipotalamico (Dubocovich 2007). 

Pertanto, il livello di secrezione di melatonina dipende dall’esposizione alla luce durante il giorno e anche dalla stagione dell’anno. Il modo esatto del regolamento SCN rimane ancora ipotetico. Una possibilità è che le indolamine (melatonina e il suo precursore serotonina) abbiano la capacità di trasdurre segnali luminosi nel SCN. Un’altra spiegazione è che la serotonina possa svolgere un ruolo nella modulazione delle reti SCN e nella produzione di melatonina da parte della ghiandola pineale che influenza i ritmi biologici.

Inoltre, è stato ipotizzato che la luce eserciti un’influenza neurotrofica sui neuroni, e quindi una prolungata privazione della luce può causare alterazioni funzionali del sistema noradrenergico-locus coeruleus. Nel loro lavoro sperimentale, Gonzalez e Aston-Jones ( 2008 ) hanno mostrato che la privazione permanente della luce nei ratti ha aumentato l’apoptosi nel locus coeruleus; tuttavia, questo effetto può essere annullato da alcuni farmaci antidepressivi.

Inoltre, ci sono alcuni studi che suggeriscono che il meccanismo dell’effetto antidepressivo del BLT è collegato all’aumento funzionale dei sistemi di rete serotoninergici e noradrenergici. A titolo illustrativo, una dieta priva di triptofano e una somministrazione dell’inibitore dell’idrossilasi, l’alfa-metil-paratirosina, producono un robusto aumento dei sintomi depressivi nei pazienti con diagnosi di SAD, mentre la somministrazione di BLT li risolve (Neumeister et al. 1998 ).  

 Si può ritenere che l’azione del BLT sia correlata all’aumento dei sistemi di trasmissione serotoninergica e noradrenergica. In uno studio di Stastny et al. ( 2003), le deplezioni serotoninergiche e noradrenergiche in pazienti con SAD, che erano in remissione dopo aver ricevuto BLT, hanno prodotto una riduzione transitoria dei livelli plasmatici di interleuchina 4. Ciò potrebbe suggerire che il BLT possa influenzare la regolazione del sistema immunitario, che è spesso distorta nella depressione.

Inoltre, le alterazioni dei neurormoni come la grelina e la leptina possono essere coinvolte nella fisiopatologia della SAD. Ciò può provocare iperfagia, con desiderio di carboidrati e, successivamente, può contribuire a un moderato aumento di peso che spesso accompagna disturbi depressivi e ossessivo-compulsivi, che potrebbero rispondere favorevolmente al BLT (Cizza et al. 2005 ; Garaulet et al. 2011 ).

Secondo le osservazioni cliniche di Praschak-Rieder e Willeit ( 2003 ), il BLT mattutino può essere superiore a quello serale, poiché riduce la secrezione di melatonina nel ritardo di sfasamento. La durata e la frequenza dell’esposizione al BLT sono ancora controverse (Kronfeld-Schor e Einat 2012 ). Ad esempio, Reeves et al. ( 2012 ) hanno riportato che si può riscontrare un miglioramento significativo nei punteggi della depressione anche dopo una singola sessione di BLT.

Sviliuppo delle indicazioni per BTL

Golden et al. ( 2005 ) hanno pubblicato una meta-analisi di studi che riportano effetti positivi del BLT nei disturbi affettivi. Gli autori hanno sottolineato le differenze esistenti nella metodologia delle pubblicazioni analizzate, inclusa la mancanza di un disegno rigoroso dello studio. Tuttavia, nella maggior parte degli studi randomizzati e controllati, gli effetti benefici della BLT nella SAD e in altri disturbi depressivi erano evidenti e paragonabili a quelli che utilizzavano antidepressivi. 

Questa meta-analisi includeva solo gli studi che arruolavano pazienti adulti (di età compresa tra 18 e 65 anni) ed escludeva quelli che studiavano bambini, adolescenti e pazienti anziani. Un’interessante revisione è stata fatta da Pail et al. ( 2011), in cui gli autori hanno prestato particolare attenzione ai numerosi ostacoli che i ricercatori possono incontrare nella progettazione dei loro protocolli di studio. Gli autori indicano che il BLT è un metodo di trattamento dei disturbi affettivi efficace, ma probabilmente sottovalutato, con una buona tollerabilità e accettazione.

Recentemente sono stati trovati in letteratura alcuni rapporti relativi all’efficacia del BLT nei disturbi depressivi tra i pazienti anziani (Young 2011 ). Inoltre, gli ultimi rapporti sulle applicazioni cliniche del BLT hanno rivelato alcune nuove potenziali indicazioni, tra cui la depressione antepartum, la depressione dell’infanzia e dell’adolescenza. In queste popolazioni di pazienti è molto importante una buona tolleranza agli effetti collaterali e quindi sono necessarie nuove forme di trattamento aggiuntive.

Depressione antepartum

La prevalenza della depressione antepartum varia a seconda delle fonti disponibili e può essere stimata nell’intervallo 5-15% (Chatillon e Even 2010 ; Oren et al. 2002 ). Secondo Bader et al. ( 2010 ), circa l’11% delle donne in gravidanza soffre di un disturbo depressivo maggiore, che richiede un trattamento. In queste circostanze, il BLT può essere una delle opzioni terapeutiche proposte, in aggiunta alla psicoterapia, agli antidepressivi o alla terapia elettroconvulsivante (ECT). Tuttavia, la letteratura che riporta i risultati di studi clinici non farmacologici in quest’area è ancora limitata (Terman 2007 ; Golden et al. 2005). 

Nella loro revisione dei metodi di trattamento utilizzati per la depressione in gravidanza, Frisch e Riecher-Rössler ( 2010 ) e Ryan et al. ( 2005 ) hanno proposto il BLT come alternativa agli antidepressivi e alla psicoterapia. Allo stesso modo, Chatillon e Even ( 2010 ) hanno esaminato gli studi contemporanei sulla depressione antepartum e hanno riferito che i più utilizzati erano gli antidepressivi triciclici e gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI), mentre l’ECT ​​è stato applicato solo nei casi più gravi.

 Hanno anche documentato che il BLT sembra essere efficace; tuttavia, gli studi sono scarsi e spesso inconcludenti. In uno studio di Oren et al. ( 2002) nel gruppo di 16 donne in gravidanza, il BLT si è dimostrato efficace nel migliorare i punteggi della Hamilton Depression Rating Scale (HDRS) del 49% dopo 3 settimane di trattamento. Inoltre, Epperson et al. ( 2004 ) hanno riportato risultati positivi del trattamento di 10 donne in gravidanza (arruolate in uno studio clinico randomizzato) con diagnosi di disturbo depressivo maggiore. Nella sua recensione, Terman ( 2007 ) ha tentato di riassumere i dati di ricerca disponibili riguardanti l’applicazione del BLT nelle donne in gravidanza. 

Tuttavia, ha osservato che in passato questo gruppo di pazienti era stato regolarmente escluso dagli studi clinici, a causa della cautela per il feto. In uno degli studi recenti [uno studio clinico randomizzato e controllato di 5 anni di Wirz-Justice et al. ( 2011), 27 donne in gravidanza con disturbo depressivo maggiore non stagionale sono state trattate con 7.000 lux di luce intensa al mattino per 1 ora al giorno, per un periodo di 5 settimane. Gli autori hanno riferito che questo BLT di 5 settimane ha migliorato la depressione in gravidanza, rispetto al placebo.

Il trattamento della depressione durante la gravidanza è una sfida clinica impegnativa, che richiede una considerazione del rischio del trattamento, correlato al feto. Sulla base delle osservazioni di cui sopra, il BLT è stato proposto come alternativa ai farmaci antidepressivi ed è stato incluso nelle raccomandazioni del Committee on Chronotherapeutics, delegato dalla International Society for Affective Disorders (ISAD), per l’uso in pazienti che rifiutano, resistono o non può tollerare i farmaci, o per i quali i farmaci possono essere controindicati, come in un caso di depressione antepartum (Wirz-Justice et al. 2005 ). 

Vale la pena sottolineare che il successo del trattamento della depressione in gravidanza è correlato non solo ai sintomi clinici ma anche ad alcuni pattern neuro-ormonali ed endocrini. Parry et al. ( 2006) hanno misurato i livelli plasmatici di melatonina in donne in gravidanza con disturbi depressivi e hanno scoperto che c’era un’ampiezza media di melatonina inferiore, con livelli medi di cortisolo serale più bassi, rispetto a quei livelli nei controlli sani. Secondo Parry e Newton ( 2001 ), il miglioramento clinico dei sintomi depressivi antepartum può essere associato agli avanzamenti di fase, del ritmo melatonina.

I rapporti di cui sopra sono stati supportati anche dalla nostra osservazione clinica, che descrive gli effetti del trattamento della depressione in tre donne in gravidanza (Krzystanek e Krupka-Matuszczyk 2006). Queste donne erano pazienti ambulatoriali al 6, 7 e 8 mese di gravidanza, con diagnosi di depressione moderata, secondo i criteri ICD-10. Il loro trattamento consisteva in un’esposizione mattutina a 5.000 lux BLT per 1 h, dal lunedì al venerdì. Gli effetti antidepressivi sono stati valutati dopo la 2a e la 4a settimana di BLT. 

Il miglioramento medio dei sintomi depressivi è stato rispettivamente del 33 e del 55 % dopo 2 e 4 settimane di BLT. Non sono stati osservati effetti collaterali in nessuno dei pazienti. Abbiamo riportato che il BLT mattutino è una modalità di trattamento efficace e molto ben tollerata nelle donne in gravidanza, che soffrono di depressione non stagionale. Tuttavia, la tecnica esatta e la durata dell’inizio del trattamento con BLT e di mantenimento richiedono ulteriori studi. 

La depressione antepartum è comune nella pratica clinica, potenzialmente mettendo in pericolo sia la madre che il suo feto. Gli esiti avversi della depressione antepartum includono complicazioni del parto e depressione postpartum. Inoltre, vi è un aumento del rischio di parto pretermine, basso peso alla nascita e morte improvvisa del bambino (Chatillon e Even 2010 ). Pertanto, il trattamento richiede una considerazione immediata e seria e non deve essere rimandato fino a quando la depressione non si aggravi a uno stadio più avanzato.

Depressione dell’infanzia e dell’adolescienza

La letteratura riporta alcune importanti differenze tra il trattamento della depressione negli adulti e nei bambini e negli adolescenti. Ad esempio, alcuni antidepressivi efficaci nei pazienti adulti non provocano alcun miglioramento nella popolazione di pazienti giovani (Tsapakis et al. 2008 ). Sebbene questo fenomeno non sia stato completamente spiegato, una delle ragioni potrebbe essere la maturazione dei sistemi serotoninergici e noradrenergici (Bylund e Reed 2007). È importante verificare se questo tipo di differenze potrebbe essere presente anche nel caso della domanda BLT. 

Alcuni studi di ricerca, condotti negli anni ’80, erano focalizzati sull’efficacia del BLT ma erano limitati ai pazienti adulti. Le prime osservazioni sull’applicazione del BLT nei bambini e negli adolescenti sono state pubblicate negli anni ’90 da Sonis et al. ( 1987 ). Mghir e Vincent ( 1991 ) hanno riportato un caso di studio di una ragazza di 16 anni con una storia di SAD di 3 anni. Dopo la fototerapia, è stata osservata una remissione dei suoi sintomi.

 Pochi anni dopo, la prima analisi, riferita a un gruppo più ampio di pazienti, ha rivelato le differenze tra SAD negli adolescenti e negli adulti (Glod et al. 1997), suggerendo che i modelli di ritmo circadiano disregolato nei bambini sono paragonabili a quelli riportati nei bambini depressi non stagionalmente; tuttavia, sono diversi da quelli osservati negli adulti. 

Questo concetto è stato ulteriormente approfondito in uno studio di Swedo et al. ( 1997 ), in cui 28 bambini (di età compresa tra 7 e 17 anni) con SAD pediatrico sono stati arruolati in uno studio BLT in doppio cieco, controllato con placebo. I punteggi di depressione totale sono stati significativamente ridotti durante questo trattamento, indicando che il BLT potrebbe essere un trattamento efficace per la SAD pediatrica. Tuttavia, questi risultati devono essere affrontati con cautela, in attesa di ulteriori studi in questo settore.

Problemi alimentari

L’applicazione del BLT è stata anche collegata ad alcune comorbilità nei pazienti adolescenti, che possono presentare non solo sintomi depressivi ma anche altri disturbi coesistenti. La spiegazione razionale per l’uso del BLT nei disturbi alimentari è il suo effetto modulatore sul funzionamento del sistema serotoninergico (Neumeister et al. 1998 ) che può essere deregolato anche nei disturbi alimentari (Kaye et al. 2005 ). I sintomi del disturbo ossessivo compulsivo (DOC) sono comuni sia negli adulti che nei bambini e negli adolescenti con anoressia nervosa (AN) (Hirani et al. 2010 ) e potrebbero far parte dei disturbi dello spettro DOC (Altman e Shankman 2009). 

Sulla base di questo concetto, è stato condotto uno studio volto a valutare gli effetti del BLT di 6 settimane sui sintomi depressivi su 24 pazienti di sesso femminile con anoressia nervosa di tipo restrittivo (AN-R) (Janas-Kozik et al. 2011). In questo studio, 12 soggetti sono stati assegnati in modo casuale all’intervento BLT (10.000 lux, 30 minuti al giorno). I pazienti dello studio non soffrivano di depressione prima della loro insorgenza di AN. I sintomi depressivi, osservati nel gruppo di studio, sembravano essere secondari al decorso AN. Inoltre, i sintomi depressivi riportati da questo gruppo di pazienti con AN-R non avevano caratteristiche stagionali. 

Questi risultati indicano che il miglioramento dei sintomi depressivi è significativamente maggiore nel gruppo che riceve BLT. Inoltre, è stata segnalata una differenza significativa tra i gruppi di studio (che ricevono BLT vs. controllo) per quanto riguarda i punteggi di intensità della depressione dopo 5 e 6 settimane. Il limite di questo studio era il suo breve periodo di osservazione, e quindi, nelle prove future, sarebbe necessario un tempo di osservazione più lungo per determinare se il BLT può essere efficace anche per prevenire la ricaduta dei sintomi depressivi nei pazienti con AN-R. Nonostante queste limitazioni, i risultati di questo studio hanno suggerito che il BLT potrebbe essere un’efficace modalità non farmacologica per il trattamento della depressione, nei pazienti con AN-R.

Questo interessante problema della sovrapposizione dei sintomi tra depressione e disturbi alimentari è stato osservato anche in alcuni studi precedenti. Nel tentativo di applicare la BLT in questo tipo di comorbilità, Lam et al. ( 1994 ) descrissero un gruppo di 17 pazienti depressi con bulimia nervosa (BN), in cui si trovò che il BLT migliorava i loro sintomi, legati sia alla depressione che al disturbo alimentare. Tuttavia, l’effetto terapeutico del BLT in BN era maggiore in quei pazienti che soffrivano di un andamento stagionale. 

In un caso di studio pertinente di Ash et al. ( 1998 ), è stato documentato che i sintomi del disturbo alimentare e della depressione erano migliorati dopo 1 mese di BLT. Inoltre, Daansen e Haffmans ( 2010) hanno studiato cinque donne con AN cronica, che sono state trattate con BLT, e hanno riferito che esiste un effetto positivo a breve termine del BLT sui sintomi dell’anoressia. Questa scoperta suggerisce che la serie di procedure BLT potrebbe essere ripetuta dopo 3 mesi per aumentare gli effetti terapeutici benefici.

In uno studio in doppio cieco controllato con placebo, Braun et al. ( 1999 ) hanno descritto che il BLT riduce la frequenza delle abbuffate in 16 donne bulimiche, trattate con 10.000 lux, rispetto a 18 pazienti che ricevono la terapia con luce rossa fioca (50 lux). Tuttavia, ci sono anche alcuni risultati negativi, pubblicati in letteratura, riguardanti il ​​miglioramento dei sintomi della BN dopo l’applicazione del BLT (Blouin et al. 1996 ). In sintesi, i risultati degli studi che studiano gli effetti del BLT sui sintomi di AN e BN rimangono ancora controversi, e quindi sono necessari studi più a lungo termine per chiarire questa possibilità terapeutica alternativa.

Conclusione

Il BLT è stato utilizzato come metodo di trattamento per il SAD. Tuttavia, l’evidenza più convincente della sua efficacia si è basata sugli studi riferiti a pazienti adulti senza comorbidità. Recentemente, l’utilità del BLT in alcune altre condizioni psichiatriche è stata illustrata in nuove raccomandazioni terapeutiche, tra cui la depressione antepartum e la depressione dell’infanzia e dell’adolescenza. 

La depressione antepartum è un tipo specifico di disturbo psichiatrico, in cui si deve prestare particolare attenzione agli effetti collaterali del trattamento, soprattutto per il feto. Attualmente, il BLT è un metodo che si ritiene abbia effetti collaterali minimi per la madre e nessun rischio noto per il nascituro (Wirz-Justice et al. 2011 ).

Nelle donne in gravidanza, l’uso razionale della farmacoterapia o dell’ECT ​​è stato spesso limitato a causa di possibili effetti avversi. La psicoterapia è rimasta il metodo più sicuro, anche se non sempre efficace. Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche, i risultati disponibili sono abbastanza convincenti che il BLT, come uno dei metodi di trattamento per la depressione antepartum e postpartum, rappresenta un’alternativa sicura ed efficace alla farmacoterapia (Golden et al. 2005 ).

Come notato in precedenza, la prima letteratura sull’applicazione del BLT nella depressione era limitata alla popolazione adulta. Dopo aver distinto alcune differenze tra SAD negli adulti e negli adolescenti, gli studi sull’applicazione del BLT hanno confermato i suoi effetti positivi tra bambini e adolescenti (Sonis et al. 1987 ; Glod et al. 1997 ; Swedo et al. 1997 ).

In sintesi, l’uso del BLT nella depressione dell’infanzia e dell’adolescenza e nella depressione antepartum rimane una promettente forma alternativa di trattamento biologico, efficace e ben tollerato. Tuttavia, si dovrebbe essere consapevoli del fatto che il corpo delle prove è ancora troppo piccolo per creare una forte raccomandazione per l’uso del BLT come prima linea di trattamento per i disturbi depressivi (infanzia e adolescenza e depressione antepartum) o alimentari (AN e BN), e in questo campo sono necessari futuri studi a lungo termine su popolazioni più ampie. Nel complesso, i risultati della ricerca esistente sono promettenti e dovrebbero incoraggiare i ricercatori nella loro ricerca in questo settore.

Riferimenti

  • Altman SE, Shankman SA (2009) What is the association between obsessive-compulsive disorder and eating disorders? Clin Psychol Rev 29:638–646
  • Antonijevic I (2008) HPA axis and sleep: identifying subtypes of major depression. Stress 11:15–27
  • Arushanian ÉB, Popov AV (2011) Recent data about the role of hypothalamic suprachiasmatic nucleus in circadian organization of physiological functions. Usp Fiziol Nauk 42:39–58
  • Ash JB, Piazza E, Anderson JL (1998) Light therapy in the clinical management of an eating-disordered adolescent with winter exacerbation. Int J Eat Disord 23:93–97
  • Bader A, Frisch U, Wirz-Justice A, Riecher-Rössler A (2010) Depression during pregnancy and its treatment. Nervenarzt 81:267–276
  • Blouin AG, Blouin JH, Iversen H, Carter J, Goldstein C, Goldfield G, Perez E (1996) Light therapy in bulimia nervosa: a double-blind, placebo-controlled study. Psychiatry Res 28:1–9
  • Braun DL, Sunday SR, Fornari VM, Halmi KA (1999) Bright light therapy decreases winter binge frequency in women with bulimia nervosa: a double-blind, placebo-controlled study. Compr Psychiatry 40:442–448
  • Bylund DB, Reed AL (2007) Childhood and adolescent depression: why do children and adults respond differently to antidepressant drugs? Neurochem Int 51:246–253
  • Chatillon O, Even C (2010) Antepartum depression: prevalence, diagnosis and treatment. Encephale 36:443–451
  • Cizza G, Romagni P, Lotsikas A, Lam G, Rosenthal NE, Chrousos GP (2005) Plasma leptin in men and women with seasonal affective disorder and in healthy matched controls. Horm Metab Res 37:45–48
  • Daansen PJ, Haffmans J (2010) Reducing symptoms in women with chronic anorexia nervosa. A pilot study on the effects of bright light therapy. Neuro Endocrinol Lett 31:290–296
  • Dubocovich ML (2007) Melatonin receptors: role on sleep and circadian rhythm regulation. Sleep Med 8(Suppl 3):34–42
  • Epperson CN, Terman M, Terman JS, Hanusa BH, Oren DA, Peindl KS, Wisner KL (2004) Randomized clinical trial of bright light therapy for antepartum depression: preliminary findings. J Clin Psychiatry 65:421–425
  • Frisch U, Riecher-Rössler A (2010) Depression during pregnancy. Ther Umsch 67:571–575
  • Garaulet M, Sánchez-Moreno C, Smith CE, Lee YC, Nicolás F, Ordovás JM (2011) Ghrelin, sleep reduction and evening preference: relationships to CLOCK 3111 T/C SNP and weight loss. PLoS One 28:e17435
  • Glod CA, Teicher MH, Polcari A, McGreenery CE, Ito Y (1997) Circadian rest-activity disturbances in children with seasonal affective disorder. J Am Acad Child Adolesc Psychiatry 36:188–195
  • Golden RN, Gaynes BN, Ekstrom RD, Hamer RM, Jacobsen FM, Suppes T, Wisner KL, Nemeroff CB (2005) The efficacy of light therapy in the treatment of mood disorders: a review and meta-analysis of the evidence. Am J Psychiatry 162:656–662
  • Gonzalez MM, Aston-Jones G (2008) Light deprivation damages monoamine neurons and produces a depressive behavioral phenotype in rats. Proc Natl Acad Sci USA 105:4898–4903
  • Harvey AG (2011) Sleep and circadian functioning: critical mechanisms in the mood disorders? Annu Rev Clin Psychol 7:297–319
  • Hirani V, Serpell L, Willoughby K, Neiderman M, Lask B (2010) Typology of obsessive-compulsive symptoms in children and adolescents with anorexia nervosa. Eat Weight Disord 15:86–89
  • Janas-Kozik M, Krzystanek M, Stachowicz M, Krupka-Matuszczyk I, Janas A, Rybakowski JK (2011) Bright light treatment of depressive symptoms in patients with restrictive type of anorexia nervosa. J Affect Disord 130:462–465
  • Kaye WH, Frank GK, Bailer UF, Henry SE (2005) Neurobiology of anorexia nervosa: clinical implications of alterations of the function of serotonin and other neuronal systems. Int J Eat Disord 37:S20–S21
  • Kronfeld-Schor N, Einat H (2012) Circadian rhythms and depression: human psychopathology and animal models. Neuropharmacology 62:101–114
  • Krzystanek M, Krupka-Matuszczyk I (2006) Bright light therapy in pregnant women depression–3 case studies. Psychiatr Pol 40:261–267
  • Lam RW, Goldner EM, Solyom L, Remick RA (1994) A controlled study of light therapy for bulimia nervosa. Am J Psychiatry 15:744–750
  • Lewy AJ, Rough JN, Songer JB, Mishra N, Yuhas K, Emens JS (2007) The phase shift hypothesis for the circadian component of winter depression. Dialogues Clin Neurosci 9:291–300
  • McClung CA (2007) Circadian genes, rhythms and the biology of mood disorders. Pharmacol Ther 114:222–232
  • Mghir R, Vincent J (1991) Phototherapy of seasonal affective disorder in an adolescent female. J Am Acad Child Adolesc Psychiatry 30:440–442
  • Neumeister A, Turner EH, Matthews JM, Postolache TT, Barnett RL, Rauh M, Vetticad RG, Kasper S, Rosenthal NE (1998) Effects of tryptophan depletion vs catecholamine depletion in patients with seasonal affective disorder in remission with light therapy. Arch Gen Psychiatry 55:524–530
  • Oren DA, Wisner KL, Spinelli M, Epperson CN, Peindl KS, Terman JS, Terman M (2002) An open trial of morning light therapy for treatment of antepartum depression. Am J Psychiatry 159:666–669
  • Pail G, Huf W, Pjrek E, Winkler D, Willeit M, Praschak-Rieder N, Kasper S (2011) Bright-light therapy in the treatment of mood disorders. Neuropsychobiology 64:152–162
  • Parry BL, Newton RP (2001) Chronobiological basis of female-specific mood disorders. Neuropsychopharmacology 25:102–108
  • Parry BL, Martínez LF, Maurer EL, López AM, Sorenson D, Meliska CJ (2006) Sleep, rhythms and women’s mood. Part I. Menstrual cycle, pregnancy and postpartum. Sleep Med Rev 10:129–144
  • Praschak-Rieder N, Willeit M (2003) Treatment of seasonal affective disorders. Dialogues Clin Neurosci 5:389–398
  • Reeves GM, Nijjar GV, Langenberg P, Johnson MA, Khabazghazvini B, Sleemi A, Vaswani D, Lapidus M, Manalai P, Tariq M, Acharya M, Cabassa J, Snitker S, Postolache TT (2012)  Improvement in depression scores after 1 hour of light therapy treatment in patients with seasonal affective disorder. J Nerv Ment Dis 200:51–55
  • Rosenthal NE, Sack DA, Gillin JC, Lewy AJ, Goodwin FK, Davenport Y, Mueller PS, Newsome DA, Wehr TA (1984) Seasonal affective disorder. A description of the syndrome and preliminary findings with light therapy. Arch Gen Psychiatry 41:72–80
  • Ryan D, Milis L, Misri N (2005) Depression during pregnancy. Can Fam Physician 10:1087–1093
  • Sonis WA, Yellin AM, Garfinkel BD, Hoberman HH (1987) The antidepressant effect of light in seasonal affective disorder of childhood and adolescence. Psychopharmacol Bull 23:360–363
  • Stastny J, Konstantinidis A, Schwarz MJ, Rosenthal NE, Vitouch O, Kasper S, Neumeister A (2003) Effects of tryptophan depletion and catecholamine depletion on immune parameters in patients with seasonal affective disorder in remission with light therapy. Biol Psychiatry 53:332–337
  • Swedo SE, Allen AJ, Glod CA, Clark CH, Teicher MH, Richter D, Hoffman C, Hamburger SD, Dow S, Brown C, Rosenthal NE (1997) A controlled trial of light therapy for the treatment of pediatric seasonal affective disorder. J Am Acad Child Adolesc Psychiatry 36:816–821
  • Terman M (2007) Evolving applications of light therapy. Sleep Med Rev 11:497–507
  • Tsapakis EM, Soldani F, Tondo L, Baldessarini RJ (2008) Efficacy of antidepressants in juvenile depression: meta-analysis. Br J Psychiatry 193:10–17
  • Turek FW (2007) From circadian rhythms to clock genes in depression. Int Clin Psychopharmacol 22(Suppl 2):S1–S8
  • Wirz-Justice A, Benedetti F, Berger M, Lam RW, Martiny K, Terman M, Wu JC (2005) Chronotherapeutics (light and wake therapy) in affective disorders. Psychol Med 35:939–944
  • Wirz-Justice A, Bader A, Frisch U, Stieglitz RD, Alder J, Bitzer J, Hösli I, Jazbec S, Benedetti F, Terman M, Wisner KL, Riecher-Rössler A (2011) A randomized, double-blind, placebo-controlled study of light therapy for antepartum depression. J Clin Psychiatry 72:986–993
  • Young SN (2011) Bright light for nonseasonal depression? J Psychiatry Neurosci 2011(36):E37–E38

Comments are closed.