Efficacia della Psicoterapia Interpersonale – Formazione sulle abilità dell’adolescenza: un intervento preventivo indicato per la depressione

Jami F. Young, Laura Mufson, Mark Davies
Department of Psychiatry, College of Physicians and Surgeons, Columbia University/New York State Psychiatric Institute, USA
Pubblicato su Journal of Child Psychology and Psychiatry, 2006, 47:12 pp 1254–1262
Traduzione in italiano a cura del Dott. Claudio Ajmone per GiùleManidaiBambini.org

Testo originale in inglese, disponibile a questo link

Background:gli interventi indicati per gli adolescenti con sintomi depressivi elevati possono aiutare a ridurre i tassi di depressione. L’attuale studio riporta l’efficacia della Psicoterapia interpersonale ‐ Adolescent Skills Training (IPT‐AST), un gruppo indicato come intervento preventivo.

Metodi: Quarantuno adolescenti con sintomi di depressione elevati sono stati randomizzati a ricevere IPT-AST o consulenza scolastica (SC) fornita da consulenti di orientamento e assistenti sociali. Gli adolescenti nelle due condizioni di intervento sono stati confrontati sui sintomi della depressione, sul funzionamento generale e sulle diagnosi di depressione post-intervento e al follow-up di 3 e 6 mesi.

Risultati: gli adolescenti che hanno ricevuto IPT ‐ AST avevano un numero significativamente inferiore di sintomi di depressione e un migliore funzionamento generale dopo l’intervento e al follow-up. Gli adolescenti in IPT ‐ AST hanno anche riportato un minor numero di diagnosi di depressione rispetto agli adolescenti in terapia abituale.

Conclusioni: questi risultati forniscono una prova preliminare dell’efficacia di IPT‐ AST come intervento per adolescenti con depressione sottosoglia. Sono necessarie ricerche future per confermare l’efficacia di IPT ‐ AST in un campione più ampio e diversificato e per determinare il suo impatto a lungo termine sui sintomi e sulle diagnosi di depressione.

Gli interventi preventivi sono classificati come universali, selettivi e indicati (Gordon, 1983). Sono previsti interventi universali a tutta la popolazione. Gli interventi selettivi sono forniti a un sottocampione con un fattore di rischio noto e gli interventi indicati mirano a individui con sintomi sottosoglia di un disturbo. I sintomi depressivi elevati sono uno dei maggiori fattori di rischio per lo sviluppo di un disturbo depressivo (Lewinsohn et al., 1994 ; Pine, Cohen, Cohen, & Brook, 1999). Questi sintomi sono persistenti nel tempo (Garrison, Jackson, Marsteller, McKeown, & Addy, 1990) e sono associati a un considerevole deterioramento psicosociale (Gotlib, Lewinsohn, & Seeley, 1995 ;Lewinsohn, Solomon, Seeley e Zeiss, 2000). In riconoscimento del rischio e della compromissione associati ai sintomi depressivi, è stato richiesto un aumento della ricerca sull’intervento preventivo indicato (Mrazek e Haggerty, 1994 ; US Public Health Service, 2000).

Un certo numero di interventi universali (p. Es., Clarke, Hawkins, Murphy, & Sheeber, 1993 ; Petersen, Leffert, Graham, Alwin, & Ding, 1997 ; Shochet et al., 2001 ; Spence, Sheffield e Donovan, 2003) e selettivi (p. es., Beardslee et al., 1997 ; Clarke et al., 2001 ; Wolchik, West, Westover, & Sandler, 1993) sono stati testati per la depressione adolescenziale. Ad oggi, sono stati studiati due interventi indicati per adolescenti con sintomi depressivi elevati. The Penn Prevention Program (Gillham e Reivich, 1999 ; Gillham, Reivich, Jaycox e Seligman,1995 ; Jaycox, Reivich, Gillham e Seligman, 1994) è un gruppo cognitivo-comportamentale di 12 settimane per bambini, di età compresa tra 10 e 13 anni, con sintomi depressivi e conflitti familiari. L’intervento include componenti di abilità cognitive e sociali.

 I bambini che hanno ricevuto questo intervento hanno dimostrato una riduzione dei sintomi depressivi dopo l’intervento e fino a 2 anni dopo l’intervento. Studi successivi di questo intervento sono stati meno coerenti, trovando effetti per le femmine ma non per i maschi (Freres et al., 2002), per i bambini latini ma non per i bambini afroamericani (Cardemil, Reivich e Seligman, 2002). Uno studio di replicazione in Australia non ha rilevato effetti dell’intervento per la depressione post-intervento o al follow-up di 6 mesi (Roberts, Kane, Thomson, Bishop, & Hart, 2003).

Clarke e i suoi colleghi (Clarke et al., 1995) hanno impiegato un intervento cognitivo-comportamentale (CBP) di gruppo di 15 sessioni per bambini di 9a e 10a elementare con sintomi elevati. L’intervento si concentra sulla modifica dei pensieri negativi e irrazionali che possono contribuire alla depressione. Meno adolescenti che hanno partecipato alla CBP hanno avuto diagnosi di depressione rispetto agli adolescenti nel gruppo di controllo durante il periodo di follow-up di 12 mesi. Questi studi suggeriscono che gli interventi preventivi rivolti a bambini e adolescenti con sintomi sottosoglia possono essere efficaci nel prevenire futuri sintomi depressivi e disturbi depressivi. Possono essere efficaci anche ulteriori interventi preventivi, in particolare quelli basati su altri trattamenti basati sull’evidenza.

Segnaliamo un intervento di prevenzione indicato, Interpersonal Psychotherapy ‐ Adolescent Skills Training (IPT ‐ AST), che si basa sulla psicoterapia interpersonale per adolescenti depressi (IPT ‐ A; Mufson, Dorta, Moreau, & Weissman, 2004a). Abbiamo scelto di adattare l’IPT-A come intervento preventivo per diversi motivi. In primo luogo, l’IPT-A è una modalità di trattamento efficace per la depressione adolescenziale (Mufson, Weissman, Moreau, & Garfinkel, 1999 ; Mufson et al., 2004b ; Rosselló & Bernal, 1999). In secondo luogo, l’IPT-A affronta i deficit e i conflitti interpersonali, che aumentano il rischio di depressione (p. Es., Lewinsohn et al., 1994 ; Reinherz et al., 1989) e promuove una comunicazione qualificata e relazioni positive, fattori che proteggono dallo sviluppo della depressione (Carbonell, Reinherz e Giaconia, 1998). Prendendo di mira direttamente questi fattori di rischio e di protezione, è possibile prevenire lo sviluppo della depressione. In terzo luogo, l’IPT-A enfatizza la psicoeducazione e lo sviluppo delle abilità, che sono particolarmente rilevanti per la prevenzione.

Questo documento presenta i risultati di uno studio randomizzato che confronta IPT ‐ AST, un intervento di gruppo basato sulla scuola, con la consulenza scolastica (SC) fornita dai consulenti dell’orientamento scolastico e dagli assistenti sociali. Ipotizziamo che ci sarà una differenza significativa nei sintomi depressivi e nel funzionamento generale tra i soggetti che hanno partecipato a IPT ‐ AST e quelli che hanno ricevuto SC al post ‐ intervento, follow-up a 3 mesi e follow ‐ up a 6 mesi. Prevediamo anche che ci saranno diversi tassi di disturbi della depressione nelle due condizioni di intervento.

Metodi

Procedure di accertamento dei casi

Gli adolescenti con sintomi di depressione elevati sono stati identificati attraverso una procedura di ricerca dei casi in due fasi modellata su Clarke et al. (1995). Lo studio è stato approvato dall’Institutional Review Board (IRB) della Columbia University / New York State Psychiatric Institute.  La figura 1 fornisce una panoramica del reclutamento per lo studio.

Figura 1 Diagramma di flusso di reclutamento

Selezione. La prima fase è stata una proiezione in classe in 3 scuole cattoliche a New York City. Ai genitori degli studenti del 7 ° e 10 ° anno è stata inviata una lettera sugli screening da parte dei dirigenti scolastici. Se i genitori non volevano che il loro bambino partecipasse, hanno rispedito un avviso di rifiuto. Se non abbiamo ricevuto un rifiuto per uno studente in particolare, è stata inviata una seconda lettera. Il giorno dello screening, gli adolescenti i cui genitori hanno rifiutato la partecipazione non sono stati contattati per il sondaggio. Tutti gli altri adolescenti sono stati informati delle procedure e hanno avuto la possibilità di rifiutare la partecipazione. Gli adolescenti che volevano partecipare hanno firmato un modulo di assenso di screening.  

Gli adolescenti che hanno acconsentito allo screening hanno completato la scala di autovalutazione Center for Epidemiologic Studies-Depression Scale (CES-D; Radloff, 1977). Il CES-D ha 20 item che valutano i sintomi depressivi nell’ultima settimana. Abbiamo utilizzato una versione del CES-D che ha riformulato 4 elementi per evitare la necessità di un punteggio inverso per calcolare un punteggio totale. Ad esempio, piuttosto che l’elemento “Sentivo di essere bravo quanto le altre persone”, questa versione aveva “Sentivo di non essere bravo come le altre persone”. La letteratura per adulti raccomanda di utilizzare un punteggio di 16 o superiore come indicativo di una malattia depressiva. Poiché un cut-off di 16 porta a una serie di falsi positivi nelle popolazioni adolescenti, le persone hanno raccomandato vari punteggi di cut-off che vanno da 12 a 24 (Garrison, Addy, Jackson, McKeown, & Waller, 1991; Roberts, Andrews, Lewinsohn e Hops, 1990). 

Abbiamo utilizzato il criterio degli adulti di un punteggio uguale o superiore a 16 per identificare il maggior numero possibile di adolescenti che potrebbero presentare sintomi di depressione. Gli adolescenti con un punteggio CES-D compreso tra 16 e 39 potevano essere avvicinati al progetto di prevenzione; quelli con un punteggio di 40 o superiore sono stati inviati per il trattamento come requisito dell’IRB. Il punteggio medio CES-D dei 365 adolescenti esaminati era 15,1 (DS = 13,0); 112 adolescenti (30,7%) hanno ottenuto un punteggio compreso tra 16 e 39. Il personale di ricerca ha contattato gli adolescenti idonei ei loro genitori per descrivere il progetto di prevenzione. Le famiglie interessate sono venute a scuola e hanno incontrato il personale dello studio per saperne di più sul progetto e fornire consenso informato e assenso.

Circa la metà delle famiglie (55 o 49,1%) ha accettato di partecipare al progetto. A quattro adolescenti non è stato offerto il programma a causa del coinvolgimento nei servizi di protezione dei bambini o per la nota gravità dei loro sintomi. Delle rimanenti 53 famiglie, il motivo più comune per rifiutare la partecipazione al progetto è stato il disinteresse generale (nel 18,9% l’adolescente non era interessato, nel 22,6% il genitore non era interessato e in 20. 8% l’adolescente e il genitore non erano interessati). Altre ragioni erano: convinzione che l’adolescente non avesse bisogno del programma di prevenzione (22,6%); il desiderio del genitore di gestire i problemi al di fuori della scuola (9,4%); conflitti di pianificazione (3,8%); e l’adolescente che non vuole essere randomizzato in un gruppo (1,9%).

Gli adolescenti che hanno acconsentito a partecipare alla componente di prevenzione del progetto sono stati confrontati con quelli che non hanno partecipato su diverse variabili chiave. Non c’erano differenze significative nel punteggio CES-D dello screening (25,2 contro 25,0; t df  = 110 = −,11), età (13,5 contro 13,7; t df  = 110 = 0,76) o sesso (85,4% donne contro 91,2% femmina; immagine in linea = 1 = .91).

Valutazione diagnostica. Cinquantaquattro dei 55 adolescenti che hanno acconsentito al progetto hanno completato un’intervista diagnostica strutturata, Schedule for Affective Disorders and Schizophrenia for School ‐ Age Children (K ‐ SADS ‐ PL) (Kaufman, Birmaher, Brent, & Rao, 1997) e la Children’s Global Assessment Scale (CGAS) (Shaffer et al., 1983), per determinare l’idoneità. Un adolescente ripetutamente non si è presentato per la valutazione di ammissibilità ed è stato escluso dal progetto. Gli adolescenti erano idonei a partecipare allo studio se presentavano almeno 2 sintomi di depressione sottosoglia o soglia sulla K ‐ SADS ‐ PL e non soddisfacevano i criteri per un episodio depressivo in corso. Era richiesto un umore depresso elevato, irritabilità o anedonia, così come un punteggio CGAS di 61 o superiore. 

Gli adolescenti sono stati esclusi dalla componente di prevenzione se non avevano almeno 2 sintomi di depressione o se avevano una diagnosi attuale di depressione, distimia, disturbo bipolare, psicosi, disturbo di panico, disturbo ossessivo-compulsivo, disturbo da stress post-traumatico, disturbo oppositivo provocatorio, disturbo della condotta o disturbo da deficit di attenzione e iperattività non trattato. Tre adolescenti sono stati esclusi perché non avevano abbastanza sintomi di depressione; otto sono stati esclusi perché soddisfacevano i criteri per una delle diagnosi di esclusione. Nei primi due mesi di reclutamento, altri due adolescenti sono stati esclusi dal progetto perché avevano un passato episodio depressivo. Questo criterio di ammissibilità è stato quindi modificato per consentire agli adolescenti con un episodio depressivo passato di partecipare all’intervento come avevano fatto studi precedenti (p. Es.Clarke et al., 1995). Il diciassette percento del campione (N ¼ = 7) è stato arruolato prima di questo cambiamento. 

Randomizzazione. Quarantuno adolescenti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere IPT-AST o SC utilizzando una tabella di numeri casuali. Per garantire un numero sufficiente di gruppi IPT-AST, la tabella dei numeri casuali è stata generata in modo che circa due terzi degli adolescenti fossero randomizzati alla condizione IPT-AST. Ventisette adolescenti sono stati randomizzati a IPT-AST e 14 adolescenti sono stati randomizzati a SC.

Partecipanti

Le partecipanti avevano un’età compresa tra gli 11 ei 16 anni tra il 7 ° e il 10 ° grado in tre scuole cattoliche (due scuole medie miste e una scuola superiore femminile). L’età media era di 13,4 anni (DS ¼ 1,2) e il campione era l’85,4% di donne. La maggior parte degli adolescenti era ispanica (92,7%). Il sessantasei percento del campione viveva in una famiglia monoparentale e la metà ha riferito un reddito familiare lordo di $ 25.000 o inferiore. Molti degli adolescenti soddisfacevano i criteri per una diagnosi attuale di DSM-IV non affettivo, ma la maggioranza (75,6%) presentava solo sintomi di depressione sottosoglia senza diagnosi attuale. Due adolescenti avevano una diagnosi pregressa di distimia (una per ciascuna condizione). Non c’erano differenze significative sulle variabili demografiche e cliniche di base tra le due condizioni di intervento. Vedi tabella 1 per dettagli.

IPT ‐ AST (N  = 27)SC (N  = 14)p -value
Demografia
 Età, media (DS)13,5 (1,3)13,1 (1,1).59
 Femmina (%)22 (81,5)13 (92,9).65
 Ispanico (%)25 (92,6)13 (92,9)1.0
Misure di base
 CES ‐ D, media (DS)24,1 (6,9)27,4 (6,6).16
 CGAS, media (DS)68,9 (6,0)65,9 (3,8).07
Diagnosi attuali
 Nessuna diagnosi (%)21 (77,8)10 (71,4).71
 Disturbo d’ansia generalizzato (%)3 (11,1)1 (7,1)1.0
 Fobia sociale (%)1 (3,7)3 (21,4).11
 Disturbo d’ansia da separazione (%)01 (7,1).34
 Disturbo dell’adattamento (%)2 (7,4)0.54
 Enuresi (%)1 (3,7)01.0
Diagnosi di depressione passate
 Nessuna diagnosi (%)26 (96,3)13 (92,9)1.0
 Distimia (%)1 (3,7)1 (7,1)1.0
Tabella 1.Caratteristiche demografiche e campionarie

Valutazioni

Tutti gli adolescenti hanno completato le valutazioni al basale, dopo l’intervento e 3 e 6 mesi dopo l’intervento. Agli adolescenti sono stati dati $ 15 per il completamento di ciascuna valutazione. Ogni valutazione includeva K ‐ SADS ‐ PL, CGAS e CES ‐ D. I punteggi nel CES-D vanno da 0 a 60, con punteggi più alti che indicano più sintomi. Le interviste K ‐ SADS ‐ PL sono state eseguite da un valutatore clinico, uno psicologo di livello Master che era cieco rispetto alle condizioni del trattamento. Una diagnosi di Disturbo Depressivo Non Altrimenti Specificato (DD NAS) è stata data quando un adolescente ha riportato 3 o 4 sintomi soglia di depressione, uno dei quali era umore depresso, irritabilità o anedonia. Dopo ogni valutazione con un adolescente, il valutatore ha assegnato un punteggio CGAS. I punteggi sul CGAS vanno da 0 a 100, con punteggi più alti che indicano un migliore funzionamento.

Oltre alle valutazioni con il valutatore clinico, ogni adolescente ha completato l’intervento intermedio CES-D per valutare lo stato clinico. Qualsiasi adolescente con un punteggio CES-D a metà intervento di 40 o superiore si incontrerebbe con il Principal Investigator per valutare la necessità di rimozione dallo studio. Nessuno degli adolescenti ha avuto un CES-D a metà trattamento che ha richiesto ulteriore attenzione. Le valutazioni post ‐ intervento sono state programmate dopo l’ultima sessione di gruppo in ciascuna scuola e si sono verificate in media 12,6 settimane dopo la randomizzazione. Le valutazioni di follow-up si sono verificate circa 3 e 6 mesi dopo le valutazioni post ‐ intervento. Se una valutazione indicava la necessità di un trattamento aggiuntivo, la famiglia riceveva un rinvio per un trattamento esterno. Due adolescenti in SC hanno ricevuto psicoterapia durante il periodo di follow-up.  

Interventi

IPT ‐ AST.IPT ‐ AST, noto agli adolescenti come “Teen Talk”, prevede due sessioni individuali iniziali e otto sessioni di gruppo settimanali di 90 minuti. Il gruppo si concentra sulla psicoeducazione e sulla costruzione di abilità generali che possono essere applicate a diverse relazioni nell’ambito di tre aree problematiche interpersonali: controversie sui ruoli interpersonali, transizioni di ruolo e deficit interpersonali. La componente psicoeducativa include la definizione della prevenzione, l’educazione dei membri sulla depressione e la discussione della relazione tra sentimenti e interazioni interpersonali. La componente di sviluppo delle abilità interpersonali consiste in due fasi. In primo luogo, la comunicazione e le strategie interpersonali vengono insegnate attraverso la didattica, i giochi, i giochi di ruolo e l’analisi della comunicazione. 

Una volta che i membri del gruppo comprendono le abilità, viene chiesto loro di applicarle a persone diverse nella loro vita, praticando prima in gruppo e poi a casa. IPT ‐ AST è una modifica del manuale IPT ‐ A di gruppo (Mufson, Gallagher, Dorta e Young, 2004c). Le modifiche principali sono state: riduzione del numero di sessioni di gruppo da dodici a otto; aggiungere attività per illustrare il legame tra ciò che diciamo e come rispondono gli altri; e insegnare tecniche interpersonali ai membri del gruppo utilizzando scenari immaginari prima di applicarli a situazioni di vita reale.

Tutte le sessioni si sono svolte nelle scuole. Le sessioni individuali si sono svolte durante i periodi liberi degli studenti o dopo la scuola e le sessioni di gruppo hanno avuto luogo dopo la scuola. Sei gruppi sono stati gestiti nel corso di due anni accademici. Tre dei gruppi avevano un terapista; l’altra metà aveva co-terapisti. I terapisti includevano il primo autore e psicologi e assistenti sociali di livello Master che erano stati formati e supervisionati dal primo autore. La dimensione del gruppo variava da tre a sette adolescenti.

Un adolescente ha abbandonato il trattamento prima della prima sessione di gruppo, ma ha completato tutte le valutazioni. Tra i restanti 26 adolescenti in IPT ‐ AST, i giovani hanno partecipato in media a 2,0 sessioni pre-gruppo (SD = 0,2) e 6,9 ​​sessioni di gruppo (SD = 1,0). L’intervallo era di 1–2 sessioni pre ‐ gruppo e 5–8 sessioni di gruppo per 10-12 settimane. Un adolescente in IPT-AST ha frequentato un centro comunitario di salute mentale durante il corso dell’intervento. Nessun adolescente in IPT-AST ha ricevuto farmaci.

Consulenza scolastica. Gli adolescenti rimanenti sono stati indirizzati al consulente scolastico o all’assistente sociale per essere visti con una frequenza determinata dall’adolescente e dal medico. La maggior parte degli adolescenti in questa condizione ha ricevuto consulenza individuale, ma in una scuola il consulente di orientamento ha fornito consulenza di gruppo (N  = 2). I consulenti dell’orientamento e gli assistenti sociali potrebbero anche indirizzare l’adolescente per un trattamento aggiuntivo se i problemi peggiorano o l’adolescente richiede più servizi. Solo un adolescente in SC ha ricevuto psicoterapia esterna; nessun adolescente ha ricevuto farmaci.

La consulenza scolastica non doveva essere un intervento equivalente a IPT-AST. È stato scelto come gruppo di confronto perché approssima ciò che normalmente accade nelle scuole quando un adolescente viene identificato come con lievi difficoltà emotive. Eravamo interessati a sapere se IPT ‐ AST fosse più efficace nell’affrontare i sintomi della depressione rispetto alla consulenza che normalmente si verificava in queste scuole. Molti degli adolescenti potrebbero non essere stati identificati senza lo screening, ma una volta identificati, SC rispecchiava le procedure scolastiche tipiche.

Un adolescente in SC ha abbandonato lo studio prima di ricevere qualsiasi trattamento. Tra i restanti 13 adolescenti, i partecipanti hanno avuto una media di 4,2 sessioni (SD = 2,2), con un intervallo di 0-7 sessioni nell’arco di 10-12 settimane. Le sessioni SC erano tipicamente di 30-45 minuti di durata e consistevano in consulenza di supporto. Dopo ogni sessione, il consulente ha completato un modulo sugli argomenti discussi. L’argomento più comunemente discusso sono state le relazioni con i genitori (40,7%), seguite da questioni accademiche (22,2%), relazioni con i coetanei (14,8%), sentimenti di tristezza e ansia (14,8%) e “ altro ” (7,5%), inclusi disturbi fisici, stress e attività extrascolastiche.

Analisi statistiche

L’efficacia degli interventi di prevenzione è stata valutata conducendo un’analisi di covarianza (ANCOVA) sulle due principali misure di esito per condizione di trattamento post‐intervento e a valutazioni di follow-up a 3 e 6 mesi. I punteggi CES-D e CGAS al basale sono stati inclusi come covariate. Le dimensioni degli effetti sono state stimate utilizzando la d di Cohen (Cohen, 1988). I tassi di diagnosi di depressione sul K-SADS sono stati confrontati utilizzando il test esatto di Fisher. Il livello di significatività, per tutti i test, era 0,05 (bilaterale). Tutte le analisi hanno utilizzato i principi di intent-to-treat, con l’ultima osservazione portata avanti.

Le analisi di covarianza presuppongono osservazioni indipendenti da ogni individuo. Questa ipotesi può essere violata perché IPT‐AST è un trattamento di gruppo e perché i partecipanti erano nidificati all’interno delle scuole. Abbiamo considerato l’inclusione di effetti casuali per il gruppo e la scuola, ma abbiamo deciso di non utilizzare questo modello perché il numero limitato di gruppi e scuole avrebbe prodotto stime statisticamente inaffidabili. Sono state condotte analisi post hoc per esaminare gli effetti differenziali dell’intervento in base alla gravità dei sintomi depressivi iniziali. Gli adolescenti con un punteggio CES-D di 16-23 sono stati confrontati con gli adolescenti con un punteggio CES-D di 24 o superiore sui sintomi della depressione post-trattamento e sul funzionamento utilizzando i test t e sulle diagnosi di depressione utilizzando il Fisher’s Exact Test.

Risultati

Principali risultati

Al post ‐ intervento, gli adolescenti in IPT ‐ AST hanno riportato un numero significativamente inferiore di sintomi di depressione sul CES-D (M = 6.4, SD = 4.8) rispetto agli adolescenti in SC (M = 17.4, SD = 10.5), controllando i punteggi CES-D al basale , F 1,38 = 18,0; p  <.001; ES = 1,52. Al follow-up di 3 mesi (IPT‐AST: M = 5,5, SD = 4,0; SC: M = 12,7, SD = 9,8; F 1,38  = 12,6; p  <0,001; ES = 1,10) e 6 mesi follow-up, continuavano a esserci differenze significative tra i due gruppi (IPT ‐ AST: M = 6,3, SD = 5,4; SC: M = 13,9, SD = 9,3; F 1,38 = 10,7; p <.01; ES = 1,09).

Per quanto riguarda il funzionamento generale, c’era una differenza significativa tra i due gruppi sul CGAS al post-trattamento (IPT-AST: M = 74,6, SD = 6,1; SC: M = 68,5, SD = 7,3; F 1,38 = 5,2; p  <.05; ES = −.96). Continuava a esserci una differenza significativa al follow-up di 3 mesi (IPT-AST: M = 78,9, SD = 5,8; SC: M = 73,3, SD = 8,6; F 1,38 = 4,7; p  <0,05; ES = −.82) e follow-up a 6 mesi (IPT ‐ AST: M = 80,0, SD = 5,1; SC: M = 71,4, SD = 10,0; F 1,38 = 10,3; p  <.01; ES = −1,21). Vedi tabella 2 per dettagli.

MisurareIPT ‐ AST (N  = 27)SC (N  = 14)Fdfp -valueCohen’s d
CES ‐ D, media (DS)
 Baseline24,1 (6,9)27,4 (6,6)
 Post ‐ intervento6,4 (4,8)17,4 (10,5)18.01, 38.0011.52
 Follow-up di 3 mesi5,5 (4,0)12,7 (9,8)12.61, 38.0011.10
 Follow-up di 6 mesi6,3 (5,4)13,9 (9,4)10.71, 38.0021.09
CGAS, media (DS)
 Baseline68,9 (6,0)65,9 (3,8)
 Post ‐ intervento74,6 (6,0)68,4 (7,3)5.21, 38.029−.96
 Follow-up di 3 mesi78,9 (5,8)73,3 (8,6)4.81, 38.035−.82
 Follow-up di 6 mesi80,0 (5,1)71,4 (10,0)10.31, 38.003−1.21
Tabella 2. Sintomi depressivi e funzionamento al basale, post ‐ intervento e follow ‐ up

Diagnosi

Alla valutazione post‐intervento, nessuno degli adolescenti in IPT‐AST ha soddisfatto i criteri diagnostici per una diagnosi di depressione post-trattamento rispetto a 3 adolescenti in SC (1 per episodio depressivo maggiore, 2 per DD NAS). Al follow-up di 3 mesi, 1 adolescente in IPT-AST aveva sviluppato un episodio depressivo maggiore. Nessun adolescente in SC aveva sviluppato un nuovo episodio, ma 2 degli adolescenti hanno continuato ad avere un episodio depressivo (1 DD NAS continuato, 1 DD NAS sviluppato in un episodio depressivo maggiore). Alla valutazione di 6 mesi, nessun adolescente in IPT-AST ha avuto una diagnosi di depressione. In SC, un nuovo adolescente ha soddisfatto i criteri per la DD NAS e i due adolescenti con diagnosi a 3 mesi hanno continuato a soddisfare i criteri (1 ora soddisfaceva i criteri per la distimia, 1 aveva un episodio depressivo maggiore persistente). Guardando questi dati collettivamente, 1 dei 27 (3.p = 0,08.

Analisi post hoc degli effetti del trattamento per gravità

Ventuno adolescenti nel campione avevano un punteggio CES-D iniziale da 16 a 23. Sono stati confrontati con i 20 adolescenti con un punteggio CES-D di 24 o superiore per esaminare i potenziali effetti differenziali degli interventi in funzione della depressione iniziale gravità. Non c’erano differenze significative sui punteggi CES-D o CGAS post-trattamento o di follow-up tra adolescenti con gravità iniziale bassa rispetto a quella alta nel campione complessivo o in base alle condizioni di intervento. Uno dei 21 adolescenti (4,7%) con un punteggio CES-D basale basso ha sviluppato una diagnosi di depressione durante il periodo di follow-up rispetto a quattro dei 20 adolescenti (20%) con un punteggio CES-D basale alto. La differenza nei tassi non era significativa.

Discussione

I risultati dimostrano l’efficacia preliminare di IPT‐AST rispetto a SC come intervento per adolescenti con sintomi depressivi elevati. Gli adolescenti in entrambe le condizioni hanno mostrato un miglioramento nei punteggi della depressione e nel funzionamento generale dal basale al post-trattamento, ma il miglioramento nel gruppo IPT-AST è stato significativamente maggiore rispetto a SC. Lo stesso valeva per il follow-up di 3 e 6 mesi. Non ci sono stati effetti differenziali dell’intervento in base alla gravità della malattia. Le dimensioni degli effetti per i principali risultati al post-trattamento e al follow-up sono ampie. Utilizzando lo stesso metodo per calcolare la d di Cohen, le dimensioni degli effetti in precedenti studi di prevenzione di successo vanno da .27 (Jaycox et al., 1994) a .46 (Clarke et al., 2001). Le ampie dimensioni dell’effetto nello studio corrente sono particolarmente degne di nota perché questo è uno dei primi studi di prevenzione a includere una condizione di controllo che ha ricevuto alcuni consigli, anche se limitati.

L’unica eccezione alle dimensioni degli effetti da piccole a medie trovate negli studi precedenti è lo studio di Cardemil et al. (2002) con studenti delle scuole medie latine. Hanno trovato una dimensione dell’effetto post‐intervento di 1,19 per i bambini con punteggi CDI iniziali elevati e una dimensione dell’effetto di 0,67 per i bambini con sintomi iniziali bassi. Le dimensioni degli effetti al follow-up di 3 mesi erano .90 per il gruppo con sintomi alti e .34 per il gruppo con sintomi bassi. Sia lo studio di Cardemil et al. (2002) che lo studio corrente includevano principalmente campioni ispanici del centro città. Dati gli alti tassi di depressione riscontrati nelle popolazioni ispaniche a basso reddito (p. Es., Blazer, Kessler, McGonagle, & Swartz, 1994 ; Potter, Rogler, & Moscicki, 1995) e l’elevato bisogno insoddisfatto di servizi di salute mentale in questa popolazione (Kataoka, Zhang e Wells, 2002), questi adolescenti possono essere particolarmente propensi a beneficiare di un intervento preventivo a scuola. Come suggeriscono Rosselló e Bernal (1999) , la psicoterapia interpersonale, con il suo focus sulle relazioni, può risuonare con il valore ispanico di porre la famiglia davanti all’individuo, rendendola un modello di intervento particolarmente potente per questa popolazione. La ricerca futura dovrebbe esaminare se altri interventi siano particolarmente efficaci con gli adolescenti ispanici, nonché se IPT‐AST sia ugualmente efficace nelle popolazioni non latine.

Nella letteratura sulla prevenzione è stata fatta una distinzione tra trattamento ed effetti preventivi. Alcuni ricercatori basano questa distinzione sul tempo, in modo tale che gli effetti del trattamento immediato siano differenziati dagli effetti preventivi a lungo termine (Compas, Connor, & Wadsworth, 1997 ; Jaycox et al., 1994). Altri suggeriscono che la parola ‘trattamento’ sia usata quando i sintomi o disturbi diminuiscono nel gruppo di intervento rispetto al gruppo di controllo e il termine ‘prevenzione’ sia usato quando c’è un aumento dei sintomi o disturbi nel gruppo di controllo e non tale aumento il gruppo di intervento (Gillham, Shatté e Freres, 2000). Secondo entrambi i modelli, i cambiamenti immediati nelle misure continue della depressione e del funzionamento generale nello studio attuale sono effetti del trattamento. Secondo il secondo modello, anche i risultati del follow-up sulle misure continue sarebbero stati classificati come trattamento poiché non vi era alcun aumento dei sintomi nel gruppo di controllo alle valutazioni di follow-up. Tuttavia, la tendenza verso una maggiore insorgenza di diagnosi di depressione nella condizione di controllo durante il periodo di follow-up suggerisce un effetto preventivo per IPT-AST.

Secondo il rapporto dell’Istituto di medicina, l’obiettivo della prevenzione è ridurre il verificarsi di nuovi casi (Mrazek e Haggerty, 1994). Ad eccezione degli studi di Clarke e dei suoi colleghi (Clarke et al., 1995, 2001), la maggior parte degli studi sulla prevenzione della depressione ha esaminato solo il cambiamento del livello dei sintomi. L’attuale studio ha esaminato sia i sintomi che le diagnosi, sebbene la nostra capacità di analizzare i dati diagnostici fosse limitata dalla piccola dimensione del campione. All’interno della condizione IPT-AST, un adolescente (3,7%) è diventato depresso nei 6 mesi successivi al completamento dell’intervento rispetto a quattro adolescenti (28,6%) in SC. Sebbene il periodo di tempo di follow-up sia limitato, i risultati diagnostici sono abbastanza promettenti e suggeriscono che l’IPT-AST può essere efficace nel prevenire l’insorgenza di diagnosi di depressione nei 6 mesi successivi al completamento dell’intervento.

Il limite principale di questo studio è che meno della metà degli adolescenti ammissibili ha accettato di partecipare alla valutazione di ammissibilità. Sebbene non ci fossero differenze significative tra gli adolescenti che si sono arruolati nello studio e quelli che hanno rifiutato, l’alto tasso di rifiuto limita la nostra capacità di generalizzare questi risultati. Elevati tassi di rifiuto sono stati trovati in altri studi sulla prevenzione della depressione indicati, con tassi di accettazione che vanno dal 18,4% al 47,1% (ad esempio, Clarke et al., 1995, 2001). Come Clarke et al. (2001) sostengono, il basso tasso di iscrizione suggerisce che gli adolescenti e le loro famiglie potrebbero non essere interessati ai servizi di prevenzione. La ricerca futura dovrà determinare se la prevenzione indicata, con bassi tassi di partecipazione e dimensioni degli effetti relativamente grandi (rispetto ai programmi universali), sia il livello di prevenzione appropriato (Horowitz & Garber, 2006 ; Shochet et al., 2001). Se lo è, i programmi futuri potrebbero voler utilizzare una componente di miglioramento motivazionale per aumentare la partecipazione.

Un’altra limitazione è la piccola dimensione del campione. L’esiguo numero di gruppi e scuole ha impedito un esame statisticamente affidabile dell’effetto di gruppo e scuole. In terzo luogo, la randomizzazione sbilanciata ha portato a un piccolo numero di adolescenti che hanno ricevuto consulenza scolastica. In quarto luogo, la maggior parte del campione era di sesso femminile ispanico. L’inclusione degli adolescenti ispanici è una risorsa dello studio poiché la maggior parte degli studi sulla prevenzione sono stati condotti su adolescenti caucasici e gli adolescenti ispanici del centro città sono una popolazione svantaggiata (Kataoka et al., 2002). Tuttavia, la composizione del campione non ci ha permesso di testare le differenze nei risultati del trattamento in funzione del sesso o dell’etnia. Questo sarà importante da esaminare in studi futuri poiché ci sono prove contrastanti sul genere (p. Es.Clarke et al., 1993 ; Freres et al., 2002 ; Petersen et al., 1997) e l’etnia (es. Cardemil et al., 2002) come moderatori degli effetti di prevenzione. Quinto, poiché si trattava di uno studio preliminare di un intervento di prevenzione, abbiamo escluso gli adolescenti con determinate comorbidità. Ciò limita anche la generalizzabilità dei dati. Infine, il periodo di tempo di follow-up è relativamente breve, limitando la nostra capacità di discutere gli effetti della prevenzione a lungo termine.

Conclusione

I risultati di questo studio suggeriscono che IPT‐AST può ridurre i sintomi e migliorare il funzionamento negli adolescenti con sintomi depressivi elevati. Inoltre, gli adolescenti che partecipano a IPT-AST possono avere meno probabilità di sviluppare una malattia depressiva rispetto agli adolescenti che ricevono regolarmente consulenza scolastica. Questi risultati indicano la promessa dell’IPT‐AST come intervento per gli adolescenti con depressione sottosoglia. Sono necessarie ricerche future per confermare l’efficacia di IPT-AST con un campione più ampio e diversificato e per determinare il suo impatto a lungo termine sui sintomi della depressione, sulle diagnosi di depressione e sul funzionamento generale.

Ringraziamenti

Questo studio è stato finanziato da un Young Investigator Award dalla National Alliance for Research on Schizophrenia and Depression al Dr. Young. Vorremmo ringraziare Arielle Shanok e Jennifer Knowles per il loro lavoro su questo progetto.


Riferimenti

  • Beardslee, W.R., Wright, E.J., Salt, P., Drezner, K., Gladstone, T.R.G., Versage, E.M., & Rothberg, P.C. (1997). Examination of children’s responses to two preventive intervention strategies  over  time.  Journal of the American  Academy of Child and Adolescent Psychiatry,  36,  196–204.
  • Blazer, D.G., Kessler, R.C., McGonagle, K.A., & Swartz, M.S. (1994). The prevalence and distribution of major depression in a national community sample: The National Comorbidity Study. American Journal of Psychiatry, 151, 373–378.
  • Carbonell, D.M., Reinherz, H.Z., &  Giaconia, R.M. (1998). Risk and resilience in late adolescence. Child and Adolescent Social Work Journal, 15, 251–272.
  • Cardemil, E.V., Reivich, K.J., & Seligman, M.E.P. (2002). The prevention of depressive symptoms in low-income minority middle school students. Preven- tion and Treatment, 5, Article 8.
  • Clarke, G.N., Hawkins, W., Murphy, M., & Sheeber, L. (1993). School-based primary prevention of depres- sive symptomatology in adolescents: Findings from two studies. Journal of Adolescent Research, 8, 183– 204.
  • Clarke, G.N., Hawkins, W., Murphy, M., Sheeber, L.B., Lewinsohn, P.M., & Seeley, J.R. (1995). Targeted prevention of unipolar depressive disorder  in an  at- risk sample of high school adolescents: A randomized trial of a group cognitive intervention. Journal of the American Academy of Child and Adolescent Psychi- atry,  34,  312–321.
  • Clarke, G.N., Hornbrook, M., Lynch, F., Polen, M., Gale, J., Beardslee, W., O’Connor, E., & Seeley, J. (2001). A randomized trial of a group cognitive intervention for preventing depression in adolescent offspring of depressed parents. Archives of General  Psychiatry, 58,  1127–1134.
  • Cohen, J. (1988), Statistical power analysis for the behavioral sciences (2nd edn). Mahwah, NJ: Erl- baum.
  • Compas, B.E., Connor, J., & Wadsworth, M. (1997). Prevention of depression. In R.P. Weissberg, T.P.Gullota, R.L. Hampton, B.A. Ryan, & G.R. Adams (Eds.), Issues in children’s and families’ lives (Vol. 8). Enhancing children’s wellness (pp. 129–174). Thou- sand Oaks, CA: Sage Publications.
  • Freres, D.R., Gillham, J.E., Reivich, K., Shatte´, A., & Seligman, M.E.P. (2002, October). Preventing depres- sive symptoms in early adolescence: Two-year follow- up of a randomized trial. Poster presented at the American Academy of Child and Adolescent Psychi- atry Meeting, San Francisco.
  • Garrison, C.Z., Addy, C.L., Jackson, K.L., McKeown, R.E., & Waller, J.L. (1991). The CES-D as a screen for depression and other psychiatric disorders in adoles- cents. Journal of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry, 30, 636–641.
  • Garrison, C.Z., Jackson, K.L., Marsteller, F., McKeown, R., & Addy, C. (1990). A longitudinal study of depressive symptomatology in young adolescents. Journal of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry, 29, 581–585.
  • Gillham, J.E., & Reivich, K.J. (1999). Prevention of depressive symptoms in schoolchildren: A research update. Psychological Science, 10, 461–462.
  • Gillham, J.E., Reivich, K.J., Jaycox, L.H., & Seligman, M.E.P. (1995). Prevention of depressive symptoms in schoolchildren: Two-year follow-up. Psychological Science, 6, 343–351.
  • Gillham, J.E., Shatte´, A.J., & Freres, D.R. (2000). Preventing depression: A review of cognitive-beha- vioral and family interventions. Applied and Preven- tive Psychology, 9, 63–88.
  • Gordon, R.S. (1983). An operational classification of disease prevention. Public Health Reports, 98, 107– 109.
  • Gotlib, I.H., Lewinsohn, P.M., & Seeley, J.R. (1995). Symptoms              versus a diagnosis of depression: Differences in psychosocial functioning. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 63, 90–100.
  • Horowitz, J.L., & Garber, J. (2006). The prevention of depressive symptoms in children and adolescents: A meta-analytic review. Journal of Consulting and Clin- ical Psychology, 74, 401–415.
  • Jaycox, L.H., Reivich, K.J., Gillham, J., & Seligman,M.E.P. (1994). Prevention of depressive symptoms in school children. Behavior Research and Therapy, 32, 801–816.
  • Kataoka, S.H., Zhang, L., & Wells, K.B. (2002). Unmet need for mental health care among US children: Variation by ethnicity and insurance status. Amer- ican Journal of Psychiatry, 159, 1548–1555.
  • Kaufman, J., Birmaher, B., Brent, D., & Rao, U. (1997). Schedule for Affective Disorders and Schizophrenia for School-Age Children-Present and Lifetime Version (K-SADS-PL): Initial reliability and validity data. Journal of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry, 36, 980–988.
  • Lewinsohn, P.M., Roberts, R.E., Seeley, J.R., Rohde, P., Gotlib, I.H., & Hops, H. (1994). Adolescent psycho- pathology: II. Psychosocial risk factors for depression. Journal of Abnormal Psychology, 103, 302–315.
  • Lewinsohn, P.M., Solomon, A., Seeley, J.R., & Zeiss, A. (2000). Clinical implications of ‘subthreshold’ depres- sive symptoms. Journal of Abnormal Psychology, 109, 345–351.
  • Mrazek, P.J., & Haggerty, R.J. (1994). Reducing risks for mental disorders: Frontiers for preventive interven- tion research. Washington, DC: National Academy Press.
  • Mufson, L., Dorta, K.P., Moreau, D., & Weissman, M.M. (2004a). Interpersonal psychotherapy for depressed adolescents (2nd edn). New York: Guilford Press.
  • Mufson, L., Dorta, K.P., Wickramaratne, P., Nomura, Y., Olfson, M., & Weissman, M.M. (2004b). A randomized effectiveness trial of interpersonal psychotherapy for depressed adolescents. Archives of General Psychi- atry,  63,  577–584.
  • Mufson, L., Gallagher, T., Dorta, K.P., & Young, J.F. (2004c). Interpersonal psychotherapy for adolescent depression: Adaptation for group therapy. American Journal of Psychotherapy, 58, 220–237.
  • Mufson, L., Weissman, M.M., Moreau, D., & Garfinkel, R. (1999). Efficacy of interpersonal psychotherapy for depressed adolescents. Archives of General Psychi- atry, 56, 573–579.
  • Petersen, A.C., Leffert, N., Graham, B., Alwin, J., & Ding, S. (1997). Promoting mental health during the transition into adolescence. In J. Schulenberg, J.L. Muggs, & A.K. Hierrelmann (Eds.), Health risks and developmental    transitions          during              adolescence (pp. 471–497). New York: Cambridge University Press.
  • Pine, D.S., Cohen, E., Cohen, P., & Brook, J. (1999). Adolescent  depressive  symptoms  as  predictors  of adult  depression:  Moodiness  or  mood  disorder? American Journal of Psychiatry, 156, 133–135.
  • Potter,  L.G.,  Rogler,  L.H.,  &  Moscicki,  E.K.  (1995). Depression among Puerto Ricans in New York City: The Hispanic Health and Nutrition Examination Survey. Social Psychiatry and Psychiatric Epidemio- logy, 30, 185–193.
  • Radloff, L.S. (1977). The CES-D scale: A self-report depression scale for research in the general popula- tion. Applied Psychological Measurement, 1, 385–401.
  • Reinherz, H.Z., Stewart-Berghauer, G., Pakiz, B., Frost, A.B., Moeykens, B.A., & Holmes, W.M. (1989). The relationship of early risk and current mediators to depressive symptomatology in adolescence. Journal of the American  Academy of Child and Adolescent Psychiatry,  28,  942–947.
  • Roberts, C., Kane, R., Thomson, H., Bishop, B., & Hart, B. (2003). The prevention of depressive symptoms in rural school children: A randomized controlled trial. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 71, 622–628.
  • Roberts, R., Andrews, J.A., Lewinsohn, P.M., & Hops, H. (1990). Assessment of depression in adolescents using the Center for Epidemiologic Studies Depres- sion Scale. Psychological Assessment, 2, 122–128.
  • Rossello´ , J., & Bernal, G. (1999). The efficacy of cognitive-behavioral and interpersonal  treatments for depression in Puerto Rican adolescents. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 67, 734–745.
  • Shaffer, D., Gould, M.S., Brasic, J., Ambrosini, P., Fisher, P., Bird, H., & Aluwahlia, S. (1983). A Children’s Global Assessment Scale (CGAS). Archives of General Psychiatry, 40, 1228–1231.
  • Shochet, I.M., Dadds, M.R., Holland, D., Whitefield, K., Harnett, P.H., & Osgarby, S.M. (2001). The efficacy of a universal school-based program to prevent adoles- cent depression. Journal of Clinical Child Psychology, 30, 303–315.
  • Spence, S.H., Sheffield, J.K., & Donovan, C.L. (2003). Preventing adolescent depression: An evaluation  of the Problem Solving for Life program. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 71, 3–13. US Public Health Service. (2000). Report of the Surgeon General’s conference on children’s mental health: A national action  agenda.  Washington,  DC: US Public Health Service.
  • Wolchik, S.A., West, S.G., Westover, S., & Sandler, I.N. (1993). The children of divorce parenting interven- tion: Outcome evaluation of an empirically based program. American Journal of Community Psychology, 21,  293–331.

Comments are closed.