Danno al DNA dello sperma e compromissione della qualità dello sperma dopo il trattamento con inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina rilevati utilizzando l’analisi dello sperma e il test della struttura della cromatina spermatica

Mohammad Reza Safarinejad
Pubblicato su The Journal of Urology 2008
Traduzione in italiano a cura del Dott. Claudio Ajmone per GiùleManidaiBambini.org

Testo originale in inglese, disponibile a questo link

Centro di ricerca in urologia e nefrologia, Università Shahid Beheshti, Teheran, Iran

Scopo

I parametri seminali e il DNA spermatico sono stati valutati in pazienti che ricevevano inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina.

Materiali e metodi

Campioni di sperma sono stati ottenuti da 74 uomini fertili e depressi trattati con inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (gruppo 1) e da 44 volontari sani fertili che fungevano da controllo (gruppo 2). In tutti i partecipanti sono state completate due analisi dello sperma ed esami fisici. Il saggio della struttura della cromatina spermatica è stato utilizzato per rilevare la frammentazione del DNA dello sperma.  

Risultati

La conta spermatica totale media ± SE nei pazienti che ricevevano inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina e nei soggetti normali era rispettivamente di 61,2 ± 11,4 milioni e 186,2 ± 31,4 milioni (p = 0,001). I pazienti del gruppo 1 avevano una motilità media del 48,2% ± 4,6%, che era significativamente inferiore alla media del 66,2% ± 4,4% nei controlli normali (p = 0,01). La normale morfologia dello sperma è stata rilevata in 14 pazienti (18,9%) e 23 controlli (52,3%) (p = 0,001). 

I pazienti trattati con inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina avevano una media dell’8,1% ± 5,4% di forme normali per eiaculato. Un aumento significativo della quantità di DNA singolo filamento denaturato nel DNA cellulare totale è stato riscontrato nei pazienti trattati con inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina rispetto a quello dei controlli (43,2% ± 11,4% vs 21,4% ± 10,6%, p = 0,01). Ogni parametro di analisi dello sperma correlato in modo significativo con la durata del trattamento.

Conclusioni

Gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina possono compromettere la qualità dello sperma e danneggiare l’integrità del DNA dello sperma. Sono necessari ulteriori studi per replicare i nostri risultati.

Abbreviazioni e acronimi

5-HT 5-idrossitriptamina

AP proteina attivatore

DFI Indice di frammentazione del DNA

LH ormone luteinizzante

SCSA analisi della struttura della cromatina spermatica

SSRI inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina


Gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina sono diventati i farmaci più comunemente prescritti per la depressione. Sebbene questi farmaci siano sicuri, in una certa percentuale di pazienti si verificano eventi avversi. Più di un terzo dei pazienti che ricevono SSRI interrompe il trattamento a causa di effetti collaterali sessuali. Circa il 5% della popolazione adulta nel Regno Unito riceve un antidepressivo con tassi di prescrizione simili negli Stati Uniti. 1

Circa la metà dei casi di infertilità è dovuta a fattori maschili. In molti casi la causa sottostante dell’infertilità maschile  non viene scoperta e, pertanto, la condizione è considerata idiopatica. Il fattore di trascrizione genica AP-1 è un obiettivo importante per i farmaci antidepressivi. Questa proteina riconosce una specifica sequenza di DNA (TGACTCA) nella regione del promotore di diversi geni. 2 È stato dimostrato che esistono siti di legame di consenso per la famiglia del fattore di trascrizione AP-2 nelle regioni regolatorie dei geni nel sistema serotoninergico. 

Citalopram è un SSRI Somministrazione cronica di citalopram riduce significativamente l’ attività di legame al DNA di AP-2. 5 La serotonina (5-HT) può anche causare la scissione del filamento nel DNA attraverso un meccanismo ossidativo in presenza di ioni rame (Cu++). 4 Due equivalenti molari di Cu++ possono essere ridotti a Cu+ dalla serotonina. Questo viene fatto attraverso una reazione che coinvolge l’ossidazione di 2 elettroni dell’anello fenolico a un chinone metide.

Presso la nostra clinica per la fertilità si sono presentati diversi pazienti che hanno mostrato parametri seminali migliorati dopo aver interrotto l’ SSRI . Tanrikut e Schlegel hanno riferito di 2 pazienti inviati per la valutazione dell’infertilità maschile che stavano ricevendo SSRI, inclusi citalopram sertralina e venlafaxina. 5 Avevano oligo-astenospermia e gli è stato raccomandato di interrompere qualsiasi farmaco. Le analisi ripetute dello sperma eseguite da 1 a 2 mesi dopo l’interruzione degli antidepressivi hanno mostrato miglioramenti significativi nella qualità dello sperma.

SCSA è una tecnica di citometria a flusso. La suscettibilità del DNA nucleare dello sperma alla denaturazione può essere misurata mediante SCSA. 6 La presenza di rotture del filamento di DNA aumenta la suscettibilità degli spermatozoi alla denaturazione acida.  Pertanto, si può quantificare il grado di frammentazione della cromatina da SCSA. SCSA utilizza le proprietà metacromatiche dell’arancio acridina . I risultati sono generalmente mostrati come fluorescenza verde (doppio filamento o DNA nativo nella cromatina spermatica) rispetto a fluorescenza rossa ( filamento singolo o DNA denaturato mediante calore nella cromatina spermatica) modelli di citogrammi bivariati. SCSA è particolarmente adatto per studi epidemiologici. 

Differenziazione degli spermatogoni diploidi nello sperma aploide maturo comporta un continuum di eventi biochimici drammatici e alterazioni morfologiche. Uno o più di questi eventi biochimici e alterazioni morfologiche possono essere disturbati da stress fisiologico e/o esposizione ad agenti ambientali, quali vari agenti chimici e farmaci. Durante l’ultimo decennio SCSA è stato ampiamente utilizzato in gruppi di uomini esposti a pesticidi, piombo, stirene , solventi, policlorobifenili e inquinamento atmosferico. 7 SCSA ha il vantaggio di una bassa variabilità intra-individuale e di un confronto delle variazioni intra- e inter-saggio con quelli dell’analisi seminale tradizionale. 8 A nostra conoscenza, questo è il primo studio approfondito dei parametri seminali e del DNA spermatico in pazienti trattati con SSRI.  

Materiali e Metodi

Disegno dello studio

Da marzo 2006 ad aprile 2007, 74 pazienti ambulatoriali di età compresa tra 20 e 50 anni affetti da depressione che erano in trattamento con un SSRI sono stati arruolati in questo studio. I pazienti inclusi dovevano soddisfare i criteri del Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, 4a edizione (revisione del testo) per un disturbo depressivo maggiore attuale e avere un punteggio pari o superiore a 17 sulla scala di valutazione di Hamilton per la depressione a 17 elementi . 9  

I partecipanti sono stati reclutati tramite annunci locali per uno studio sulla capacità di fertilità durante il trattamento con citalopram , escitalopram , fluoxetina , paroxetina o sertralina per la depressione. Tabella 1 elenca le caratteristiche di dosaggio nella popolazione in studio. I 44 volontari appaiati per età, normali, sani, normozoospermici (secondo i criteri dell’OMS) senza una storia di infertilità sono stati reclutati come gruppo di controllo. Per ottenere i controlli un’infermiera ostetrica ha avvicinato ogni donna incinta che frequentava la clinica prenatale e ha spiegato lo scopo dello studio. 

Se la donna ha accettato lo studio, ha chiesto il consenso del marito a partecipare. Sono state reclutate solo coppie che non avevano mai frequentato la clinica per l’infertilità e questa informazione è stata confermata separatamente con ciascun coniuge.

Tabella 1 . Dosaggio di antidepressivi nella popolazione complessiva dello studio

FarmacoDose media  ±  SD  (mg/giorno)  (intervallo)
Citalopram32,4  ±  9,76  (20–40)
Escitalopram13,24  ±  4,52  (10–20)
Fluoxetina28,41  ±  16,04  (10–60)
paroxetina25,14  ±  12,16  (20–45)
Sertralina72,4  ±  35,28  (50–200)

Tutti i pazienti prima dell’inizio della terapia antidepressiva e dei controlli avevano generato almeno 1 figlio. Nessuno dei pazienti con depressione aveva tentato di iniziare una gravidanza dopo l’inizio degli SSRI. Tutti i partecipanti hanno fornito il consenso informato scritto prima di entrare nello studio, che è stato fatto in conformità con la Dichiarazione di Helsinki. Il comitato etico umano ha approvato il protocollo di studio. Non è stato offerto alcun compenso.

Criteri di inclusione ed esclusione

I pazienti sono stati inclusi nello studio se era stato loro diagnosticato un disturbo depressivo maggiore primario, avevano meno di 50 anni e avevano ricevuto SSRI da 6 mesi o più per la depressione. I partecipanti a ciascun gruppo con una storia di epididimo-orchite, malattie veneree, consumo di alcol, tabacco o uso di droghe illecite , qualsiasi esposizione a tossine o problemi medici concomitanti noti per essere associati a diminuzione della fertilità, come il varicocele , sono stati esclusi dallo studio.

Valutazioni

Tutti i pazienti e i controlli sono stati sottoposti a esame fisico, inclusi esami genitali e rettali , come eseguito dall’autore (MRS). Questi uomini hanno compilato un questionario di paternità dettagliato, comprese informazioni su matrimonio e convivenza, paternità, problemi di salute, uso di droghe, esposizione a sostanze chimiche, altre informazioni che possono influire sulla fertilità e informazioni demografiche. Il volume testicolare è stato misurato con ecografia scrotale da un sonologo. Per escludere la depressione, tutti i controlli sono stati sottoposti a un colloquio psichiatrico clinico di routine .

Tutti i partecipanti hanno fornito campioni di sperma dopo un periodo di astinenza non inferiore a 2 ma non superiore a 5 giorni. Quando non c’era una differenza superiore al 20% nei parametri dello sperma , l’ analisi dello sperma è stata eseguita almeno due volte. Quando i valori differivano di oltre il 20%, è stato eseguito un terzo test. Ogni campione è stato testato almeno due volte per la densità, la motilità e la morfologia degli spermatozoi. Il numero totale di spermatozoi nell’eiaculato è stato calcolato come la concentrazione di spermatozoi per il volume del campione. 

Tutte le analisi del liquido seminale sono state eseguite secondo i criteri dell’OMS stabiliti nel 1999, tranne la morfologia dello sperma, che è stata valutata utilizzando i parametri Kruger. I valori normali dell’OMS includevano una concentrazione spermatica di 20 × 10 spermatozoi per ml o maggiore e 50% o maggiore motilità con progressione in avanti. Utilizzando i criteri rigorosi Kruger, i maschi con forme normali superiori al 14% sono stati considerati normali.

La morfologia dello sperma è stata valutata esaminando strisci colorati di 5-10 μl di sperma. In breve, i vetrini sono stati fissati con il fissativo Diff-Quick™ per 15 secondi, colorati con Diff-Quick soluzione I per 10 secondi e infine colorati con Diff-Quick soluzione II per 5 secondi. I vetrini sono stati asciugati a temperatura ambiente. I criteri per gli spermatozoi normali erano una configurazione ovale liscia della testa con un acrosoma ben definito che occupava dal 40% al 70% della testa dello sperma, difetti del collo, della parte centrale e della coda assenti e nessuna gocciolina citoplasmatica più grande della metà del testa dello sperma con una lunghezza della testa dello sperma da 5 a 6 μm e un diametro da 2,5 a 3,5 μm. Il danno al DNA dello sperma è stato valutato da SCSA.

SCSA

Questo test è stato eseguito da personale di laboratorio presso la nostra istituzione. SCSA è stata eseguita in 5.000 spermatozoi da ciascuno dei 74 pazienti e 44 controlli. In breve, i campioni di sperma sono stati diluiti ad una concentrazione di 2 × 10 cellule per ml con TNE, composta da 0,15 mol/l di NaCl, 0,1 mol/l di tris e 1 mmol/l di acido etilendiamminotetraacetico (pH 7,4). Sono stati colorati aggiungendo 1,2 ml di soluzione colorante di arancia acridina . 

L’entità della denaturazione del DNA è stata determinata misurando lo spostamento metacromatico dalla fluorescenza verde (arancione di acridina intercalato nell’acido nucleico a doppio filamento) alla fluorescenza rossa (arancione di acridina associato al DNA a filamento singolo). Le cellule sono state quindi immediatamente analizzate in un Coulter ®Citometro a flusso Epics ® XL ™ . La fluorescenza rossa dal DNA a filamento singolo è stata misurata usando un rivelatore a 675 nm e la fluorescenza verde dal DNA a doppio filamento è stata misurata usando un rivelatore a 525 nm.

 Il parametro più importante di SCSA è la percentuale DFI, che rappresenta la popolazione di cellule con danno al DNA. Per l’impostazione e le calibrazioni del citometro a flusso è stato utilizzato un campione di sperma di riferimento prelevato dal repository del laboratorio. Questo campione di riferimento non è stato caratterizzato come fertile o sterile ma è stato utilizzato per il controllo di qualità.

I risultati sono mostrati in termini dell’equazione, αt = [fluorescenza rossa/(rosso + verde)], espressa come percentuale e come (COMP) αt, dove COMP rappresenta le cellule al di fuori della popolazione principale. COMP αt è stato calcolato come percentuale di cellule nella popolazione che mostra un valore αt maggiore del 26%. DFI è stato generato utilizzando il software ListView (Phoenix Flow Systems, San Diego, California).

Analisi statistica

I risultati sono espressi come media ± SE. Le differenze nelle variabili sociodemografiche tra i gruppi sono state determinate con il test t appaiato e l’ANOVA a 1 via rispettivamente per le variabili continue dicotomiche e normalmente distribuite. Confronti a coppie della percentuale di DNA denaturato misurata mediante SCSA di sperma di pazienti e volontari sono stati analizzati con il test U di Mann-Whitney. I dati non normalmente distribuiti sono stati analizzati da Kruskal-Wallis ANOVA sui ranghi. Il coefficiente di correlazione del rango di Spearman rs è stato utilizzato per valutare le associazioni tra le variabili dell’analisi del seme e la durata del trattamento. 

Poiché molte variabili seminali non erano normalmente distribuite, abbiamo utilizzato la radice quadrata o le trasformazioni al quadrato. Quando sono stati ottenuti diversi campioni di sperma, è stato utilizzato il valore medio di ciascun parametro. I valori medi dei parametri seminali nei 2 gruppi sono espressi come media ± SE. 

Differenze nella densità, motilità e morfologia degli spermatozoi sono state valutate per la significatività utilizzando il test dei ranghi con segno di Wilcoxon non parametrico. I coefficienti di correlazione del rango di Spearman sono stati calcolati per determinare le associazioni tra i risultati SCSA ei parametri seminali con p <0,05 considerati statisticamente significativi. L’analisi statistica è stata eseguita utilizzando il pacchetto statistico per computer SPSS ® 10.0 e SAS ® 6.4.

Risultati

Disposizione del paziente e dati demografici

L’età media dei pazienti e dei controlli era rispettivamente di 34,6 (intervallo da 27 a 49) e 34,4 anni (intervallo da 27 a 49). La storia media della depressione era di 3,3 ± 0,7 anni. Dei pazienti 13 (17,6%), 8 (10,8%), 26 (35,1%), 11 (14,9%) e 16 (21,6%) avevano ricevuto rispettivamente citalopram , escitalopram , fluoxetina , paroxetina e sertralina .

Analisi del seme e volume testicolare

Il volume testicolare medio misurato mediante ecografia era 24,7 ± 2,7 e 25,4 ± 3,1 ml nei pazienti trattati rispettivamente con SSRI e controlli (p = 0,1). Il volume seminale medio nei pazienti e nei controlli non differiva significativamente (2,6 ± 1,3 e 3,2 ± 1,1 ml, rispettivamente, p = 0,08). In base ai criteri dell’OMS, 45 pazienti (60,8%) e 4 controlli (9,1%) avevano una concentrazione spermatica anormale (p = 0,001).

 La tabella 2 mostra l’ analisi del liquido seminale e i risultati del test SCSA. La densità media degli spermatozoi nel gruppo dei pazienti era significativamente inferiore a quella del gruppo di controllo (18,6 ± 4,3 × 10 6 /ml vs 61,2 ± 10,3 × 10 6 /ml, p = 0,001). I pazienti trattati con SSRI avevano una motilità spermatica anormale più elevatarispetto ai controlli (49 o 66,2% vs 3 o 6,8%, p = 0,001). Utilizzando il normale rapporto morfologico spermatico del 14% secondo i criteri Kruger 14 (18,9%) e 23 partecipanti (52,3%) nei gruppi 1 e 2, rispettivamente, avevano una morfologia spermatica normale (p = 0,001). 

Il livello morfologico normale era dell’8,1% ± 5,4% e del 19,8% ± 7,8% nei pazienti e nei controlli, rispettivamente (p = 0,001, tabella 2 ).

Tabella 2 . Parametri seminali di routine e risultati SCSA nei partecipanti

No.Conteggio spermatico totale medio  ±  SE  (×10 6 )Media  ±  SE % MotilitàMedia  ±  SE % forme normaliMedia  ±  SE % DFI
Controlli normali44184,1  ±  31,466,4  ±  4,119,8  ±  7,821,4
punti7461,4  ±  11,248,6  ±  4,48,1  ±  5,443.2
p Valore0.0010.010.020.01
Durata del trattamento  (massimo):
 6-122723.251.225,731,4
 13-242218.144.620.339,7
 p Valore0.030.020.020.03
 24 ore2414.635,710.845.6

Vs da 6 a 12 e da 13 a 24 mesi p = 0,01.

SCSA

Un aumento significativo della quantità di DNA singolo filamento denaturato nel DNA cellulare totale è stato riscontrato nei pazienti trattati con SSRI rispetto ai controlli (43,2% ± 11,4% vs 21,4% ± 10,6%, test U di Mann-Whitney p = 0,01, tabella 2 ). C’era un’associazione negativa tra la motilità degli spermatozoi e il danno al DNA. La motilità degli spermatozoi è stata registrata come percentuale della motilità progressiva totale e rapida. Ogni valutazione della motilità era significativamente correlata con i dati SCSA (r = -0,214, p = 0,014 e r = -0,216, p = 0,018, rispettivamente).

Diversi tipi di SSRI

Il tipo di SSRI utilizzato non ha avuto alcun impatto sui dati dei parametri seminali. Inoltre, il tipo di SSRI non era correlato ai risultati SCSA.

Durata del trattamento

Abbiamo osservato una correlazione positiva tra la durata della terapia con SSRI e parametri seminali anormali. Quando si stratificavano i pazienti in base alla durata (da 6 a 12, da 12 a 24 e più di 24 mesi), sono state rilevate differenze significative per ciascun parametro di analisi dello sperma (ogni test di Kruskal-Wallis p = 0,01, tabella 2 ). Sulla base delle correlazioni di Pearson, ogni parametro dell’analisi dello sperma era significativamente correlato negativamente con la durata del trattamento, inclusa la concentrazione di spermatozoi (r = -0,34, p = 0,037), la percentuale di spermatozoi mobili (r = -0,35, p = 0,026), la percentuale di morfologia normale (r = -0,032, p = 0,026) e spermatozoi mobili totali (r = -0.41, p = 0,035). La durata del trattamento è stata positivamente associata al danno al DNA dello sperma (r = 0,44, p = 0,027).

Discussione

A nostra conoscenza riportiamo il primo ampio studio per mostrare gli effetti dannosi degli SSRI sui parametri del seme e sulle caratteristiche dello sperma. Inoltre, di una certa preoccupazione è la scoperta che questi pazienti avevano anche danni al DNA dello sperma. Pertanto, i pazienti trattati con SSRI sono a rischio di ridotta fertilità. Gli SSRI sono arrivati ​​sul mercato quasi 20 anni fa. Possono indurre eiaculazione ritardata e anorgasmia . Questo noto effetto collaterale degli SSRI è servito come motivazione per il loro uso per l’eiaculazione precoce 

In questo studio, 12 mesi dopo il trattamento con SSRI, circa i due terzi dei pazienti avevano una qualità del seme ridotta. In uno studio iniziale, 3 settimane di trattamento con 200 mg di desmetilimipramina al giorno sono state associate a una significativa diminuzione della vitalità degli spermatozoi in 5 pazienti depressi. 10 In un altro studio, rispetto al 37% dei campioni in 15 controlli di pari età, tutti i campioni di sperma erano anormali in 11 uomini trattati con 75 mg di clomipramina per 3 mesi. 11 Il tasso di danno al DNA spermatico valutato da SCSA era alto nei pazienti.

Sulla base della letteratura esiste una maggiore probabilità di gravidanza se la proporzione massima di cellule che rivelano evidenza di danno al DNA (DFI) non supera circa il 30%.  Il DFI riportato nei controlli sani in questo studio era del 21,4% ± 10%. La frammentazione del DNA spermatico può essere valutata in vari modi. Abbiamo utilizzato uno dei test più sensibili (SCSA) per rilevare eventuali anomalie del DNA spermatico. In SCSA la cromatina spermatica è esposta alla denaturazione acida, che espone il DNA singolo filamento al legame dell’arancio di acridina come aggregato e li differenzia dal DNA a doppio filamento non frammentato. 12

SCSA è un test clinico utile per la sua elevata ripetibilità e la sua capacità di misurare un aspetto della fertilità diverso da quello che può essere offerto dall’analisi seminale tradizionale. 3 Utilizzando SCSA il danno al DNA dello spermatozoo era significativamente più alto nei pazienti con SSRI rispetto ai controlli normali. Né la motilità né la morfologia degli spermatozoi erano un predittore statisticamente significativo della proporzione di cellule spermatiche con anomalie del DNA valutate da SCSA, confermando l’integrità del DNA dello sperma come parametro indipendente per la qualità dello sperma.  

È noto che gli agenti alchilanti le ammine aromatiche mutano preferenzialmente le basi della guanina all’estremità 39 di una serie di guanine. 13 È stato dimostrato che lasequenzaGG GC CC è un punto caldo per altri agenti dannosi per il DNA, comprese le specie reattive dell’ossigeno indotte da Cu-H 2 O 2 14 Nudell et al hanno riportato un aumento delle mutazioni nel DNA testicolare negli uomini infertili con azoospermia utilizzando l’analisi della sequenza di un marcatore polimorfico. 15 

La serotonina è in grado di provocare la scissione del DNA in presenza di ioni rame attraverso la generazione di specie reattive dell’ossigeno, come il radicale idrossile . 16 Il danno al DNA da radicali idrossili è ben accertato. Come accennato, la serotonina può legarsi al DNA e agli ioni rame. Pertanto, poiché il rame è un componente essenziale della cromatina, è possibile la formazione di un complesso ternario di DNA serotonina-Cu++. Questo è il probabile meccanismo di scissione del DNA con 5-HT. L’effetto negativo degli SSRI sull’emissione e l’eiaculazione è ben noto. 

Pertanto, è possibile che anche gli SSRI possano influenzare negativamente il trasporto degli spermatozoi. I pazienti con lesione del midollo spinale hanno un trasporto spermatico compromesso e tendono anche ad avere parametri seminali anormali e integrità del DNA spermatico. Ciò potrebbe verificarsi in pazienti in terapia con SSRI. È stato precedentemente riportato che i sistemi ormonali di rilascio della 5-HT e delle gonadotropine sono in stretta vicinanza, in particolare nei bulbi olfattivi e nell’area ipotalamica preottico-anteriore. 17 La serotonina nell’ipotalamo basale mediale inibisce la secrezione di LH .   

Le eziologie endocrinologiche dell’infertilità o subfertilità maschile comprendono l’ ipopituitarismo , che determina una carenza di ormone follicolo-stimolante o LH. Mentre a nostra conoscenza non è stato identificato alcun meccanismo per spiegare i potenziali cambiamenti indotti da SSRI nella qualità dello sperma, fattori neuroendocrinipuò avere un ruolo. Ad esempio, la serotonina aumenta la prolattina inibendo la dopamina e stimolando l’attività dei fattori di rilascio della prolattina. 18

Un aumento della prolattina sierica può compromettere la fertilità attraverso 3 meccanismi, compreso a livello ipotalamico aumentando la dopamina, che sopprime il rilascio dell’ormone di rilascio delle gonadotropine, a livello ipofisario sopprimendo l’ormone follicolo-stimolante e il rilascio di LH, e a livello gonadico sopprimendo le gonadi produzione di ormoni. 19 SSRI sono noti per aumentare la stimolazione mediata dal recettore 5-HT della secrezione di prolattina. 20

Nell’attuale studio la concentrazione di spermatozoi, la percentuale di spermatozoi mobili, la percentuale di morfologia normale, il totale di spermatozoi mobili e i risultati della SCSA erano correlati negativamente con la durata del trattamento. Pertanto, la durata del trattamento può essere cruciale, il che potrebbe essere chiarito da ulteriori studi sugli effetti a lungo termine degli SSRI nell’uomo.

Il nostro studio non è senza limitazioni. In questo studio nessuno dei pazienti è stato sottoposto a valutazione ormonale. Non abbiamo incluso i parametri endocrini. In effetti, la compromissione della qualità dello sperma e l’integrità del DNA spermatico danneggiata potrebbero essere dovute alla disfunzione endocrina dell’asse riproduttivo nella depressione. 

L’associazione tra depressione e disfunzione dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrene è ben nota, ma a nostra conoscenza l’associazione tra depressione e disfunzione dell’asse ipotalamo-ipofisi-testicolo deve ancora essere determinata. Ci auguriamo che questi dati aiutino i medici a informare i pazienti sui probabili effetti degli SSRI sulla capacità di fertilità e forniscano una base per ulteriori indagini in futuro.

Conclusioni

I pazienti che ricevevano SSRI avevano una compromissione statisticamente significativa di tutti i parametri seminali e un aumento del danno al DNA dello sperma. Non è chiaro se la cessazione del trattamento con SSRI annulli questi effetti avversi sulla spermatogenesi. Sono necessari ulteriori studi per chiarire l’impatto della compromissione osservata della qualità dello sperma sulla fertilità.

Ringraziamenti

Shiva Safarinejad ha aiutato con il manoscritto.

Riferimenti

  1. Grunebaum MF, Ellis SP, Li S, Oquendo MA and Mann JJ: Antidepressants and suicide risk in the United States, 1985–1999. J Clin Psychiatry 2004; 65: 1456.
  2. Hughes P and Dragunow M: Induction of immediate-early genes and the control of neurotransmitter-regulated gene expression within the  nervous  system.  Pharmacol  Rev 1995; 47: 133.
  3. Evenson DP, Jost LK, Zinamen MJ, Clegg E, Purvis K, de Angelis P et al: Utility of the sperm chromatin structure assay (SCSA) as a diagnostic and prognostic tool in the human fertility clinic. Hum Reprod 1999; 14: 1039.
  4. Damberg M, Ekblom J and Oreland L: Chronic pharmacolog- ical  treatment with certain antidepressants alters the ex- pression and DNA-binding activity of transcription factor AP-2. Life Sci 2000; 68: 669.
  5. Tanrikut  C  and  Schlegel  PN:  Antidepressant-associated changes in semen parameters. Urology 2007; 69: 185.e5.
  6. Evenson DP, Darzynkiewicz Z and Melamed MR: Relation of mammalian sperm chromatin heterogeneity to fertility. Sci- ence 1980; 210: 1131.
  7. Rignell-Hydbom A, Rylander L, Giwercman A, Jönsson BA, Lindh C, Eleuteri P et al: Exposure to PCBs and p,p’-DDE and  human   sperm   chromatin   integrity.   Environ   Health Perspect 2005; 113: 175.
  8. Evenson DP, Jost LK, Baer RK, Turner T and Schrader S: Individuality of DNA  denaturation  patterns  in  human sperm as measured by the sperm chromatin structure as- say. Reprod Toxicol 1991; 5: 115.
  9. Hamilton M: Development of a rating scale for primary depres- sive illness. Br J Soc Psychol 1967; 6: 278.
  10. Levin RM, Amsterdam JD, Winokur A and Wein AJ: Effects of psychotropic drugs on human sperm motility. Fertil Steril 1981; 36: 503.
  11. Maier U and Koinig G: Andrological findings in young patients under  long-term  antidepressive  therapy  with  clomipra- mine. Psychopharmacology (Berl) 1994; 116: 357.
  12. Chohan KR, Griffin JT, Lafromboise M, De Jonge CJ and Carrell  DT:  Comparison  of  chromatin  assays  for  DNA fragmentation evaluation in human sperm. J Androl 2006; 27: 53.
  13. Sendowski K and Rajewsky MF: DNA sequence dependence of  guanine-O6 alkylation by the N-nitroso carcinogens N- methyl- and N-ethyl-N-nitrosourea. Mutat Res 1991; 250: 153.
  14. Rodriguez H, Drouin R, Holmquist GP, O’Connor TR, Boiteux S,  Laval J et al: Mapping of copper/hydrogen peroxide- induced  DNA damage at nucleotide resolution in human genomic DNA by ligation-mediated polymerase chain reac- tion. J Biol Chem 1995; 270: 17633.
  15. Nudell D, Castillo M, Turek  PJ and Pera RR:  Increased frequency of mutations in DNA from infertile men with meiotic arrest. Hum Reprod 2000; 15: 1289.
  16. Hadi N, Singh S, Ahmad A and Zaidi R: Strand scission in DNA induced by 5-hydroxytryptamine (serotonin) in the presence of copper ions. Neurosci Lett 2001; 308: 83.
  17. Khan IA and Thomas P: Immunocytochemical localization of serotonin and gonadotropin-releasing hormone in the brain and pituitary gland of the Atlantic croaker Micropogonias undulatus. Gen Comp Endocrinol 1993; 91: 167.
  18. Tanaka E, Baba N, Toshida K and Suzuki K: Evidence for 5HT2 receptor involvement in the stimulation of preovula- tory  LH and prolactin release and ovulation in normal cycling rats. Life Sci 1993; 52: 669.
  19. Schenker JG, Meirow D and Schenker E: Stress and human reproduction. Eur J Obstet Gynecol Reprod Biol 1992; 45: 1.
  20. Meltzer H, Bastani B, Jayathilake K and Maes M: Fluoxetine, but   not tricyclic antidepressants, potentiates the 5-hy- droxytryptophan-mediated increase in plasma cortisol and prolactin secretion in subjects with major depression or with  obsessive compulsive disorder. Neuropsychopharma- cology 1997; 17: 1.

Comments are closed.