Sindrome Neurolettica Maligna: rapporto di un caso

area scientifica Giù le mani dai bambini Onlus

1999 Fekadu-A et Al.

Qui si riporta un caso di un ragazzo che sviluppò una Sindrome Neurolettica Maligna a seguito di somministrazione di neurolettici.

Autori: Fekadu A, Wakwoya A.

Università/laboratorio: Amanuel Psychiatric Hospital, P.O. Box 1971, Addis Ababa, Ethiopia.

Abstract: La sindrome neurolettica maligna  (NMS) è un discutibile effetto collaterale del farmaco, relativamente rara e potenzialmente mortale, che si presenta con l’uso di neurolettici e di altri farmaci e che interessa in modo avverso il sistema della dopamina. Finora non c’è stato alcun rapporto precedente sulla NMS dall’Etiopia. Presentiamo qui un caso e sottolineiamo la necessità di individuare tempestivamente  questa condizione potenzialmente mortale. Si tratta di un paziente di 14 anni che  sotto  trattamento ricoverato all’ospedale di Amanuel fra il 19 novembre 1997 ed il 13 febbraio del 1998 ha manifestato febbre, rigidità muscolare, instabilità autonomica e  da alcune prove di laboratorio si era rilevato una distruzione muscolare, probabilmente causata dalla NMS. Il paziente aveva ricevuto la clorpromazina fino a quattro giorni prima dell’inizio dei sintomi quando venne aggiunto l’aloperidolo.

I sintomi si risolsero entro 2 settimane  a seguito del semplice ritiro  del farmaco e  trattamento di appoggio.

Pubblicazione: Ethiop Med J. 1999 Jul;37(3):195-8.

Tratto da: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/entrez/query.fcgi?cmd=Retrieve&db=pubmed&dopt=Abstract&list_uids=11957317

Comments are closed.