11 Gennaio 2011
area scientifica Giù le mani dai bambini Onlus

Analisi dell’acido grasso fosfolipide del sangue degli adulti con e senza disordine da deficit di attenzione/iperattività.

2004 Young GS et Al. PUFA e LCPUFA collegati ai disordini psichiatrici. Visualizza il testo completo
11 Gennaio 2011
area scientifica Giù le mani dai bambini Onlus

Terapia farmacologica per i sintomi da ADHD nelle patologie autistiche

2007 Hazell P. Studi sull’efficacia degli agenti psicotropici su individui con patologie autistiche. Visualizza il testo completo
11 Gennaio 2011
area scientifica Giù le mani dai bambini Onlus

ADHD e disordini in comorbidità in relazione all’ambiente familiare e alla gravità dei sintomi.

2007 Hurtig T et Al. E’ stato condotto uno screening dei sintomi dell’ADHD tra gli adolescenti nati nel 1986 nel Nord della Finlandia ( n = 6622 ). Visualizza il testo completo
11 Gennaio 2011
area scientifica Giù le mani dai bambini Onlus

Valutazioni successiva degli esiti del MTA a 36 mesi: tendenza del punteggio e sviluppo di un modello misto di analisi

2007 Swanson J.M. et Al. Studio sugli effetti e l’efficacia del trattamento con Metilfenidato a lunga durata.  Visualizza il testo completo
11 Gennaio 2011
area scientifica Giù le mani dai bambini Onlus

Disturbo d’attenzione e iperattività: andando avanti con prospettive divergenti

2002 Halasz G et Al. Qui si riportano le nuove teorie rispetto alle cause del disturbo dell’attenzione e dell’iperattività. Visualizza il testo completo
11 Gennaio 2011
area scientifica Giù le mani dai bambini Onlus

Disturbi nell’identificazione cromatica e sindrome da deficit dell’ attenzione ed iperattrività: un’ipotesi dopaminergica retinica

2006 Rosemary Tannock et Al. I meccanismi della visione dei colori, soprattutto le vie a lunghezza d’onda corta (blu-giallo), sono altamente sensibili in diverse patologie, tossine e farmaci che alterano la neurotrasmissione dopaminergica. Visualizza il testo completo
11 Gennaio 2011
area scientifica Giù le mani dai bambini Onlus

Rischi e meccanismi d’azione degli stimolanti nei bambini iperattivi

1999 Breggin Qui si dimostra che l’utilizzo di psicostimolanti nei bambini iperattivi provocano tossicità nel sistema nervoso centrale con conseguenti disturbi negativi. Visualizza il testo completo
11 Gennaio 2011
area scientifica Giù le mani dai bambini Onlus

EFFETTI DELLE DESTROANFETAMINE E DEL METILFENIDATO SULLA CONCENTRAZIONE DI CALCIO E MAGNESIO NEI BAMBINI IPERATTIVI

1994 Smith ME et Al. Con il presente studio si sono esaminati gli effetti dell’assunzione di destroanfetamine e metilfenidato sulla concentrazione di calcio e magnesio nel sangue dei bambini trattati. Visualizza il testo completo
11 Gennaio 2011
area scientifica Giù le mani dai bambini Onlus

Aggiornamento del 2002 sulle risposte del Metilfenidato in bambini normali e con deficit attentivo/disordine di iperattività

2002 Rapoport JL et Al. Questa breve relazione è un aggiornamento svolto nell’Agosto 2002 degli studi sugli stimolanti sui bambini normali e con ADHD, con particolare riguardo al MPH [Metilfenidato/Ritalin]. Visualizza il testo completo
11 Gennaio 2011
area scientifica Giù le mani dai bambini Onlus

Il metilfenidato inibisce l’efflusso calcio-attivato del potassio dei globuli rossi

1985 Lackington I et Al. Qui si esamina l’inibizione dell’efflusso calcio-attivato del potassio dei globuli rossi causata dal Metilfenidato. Visualizza il testo completo
11 Gennaio 2011
area scientifica Giù le mani dai bambini Onlus

Sindrome ipercinetica e deficit d’attenzione (ADHS) dal punto di vista psicoanalitico

2002 Haussler-G Qui si valuta il disturbo ipercinetico e il deficit d’attenzione secondo la prospettiva psicoanalitica. Visualizza il testo completo
11 Gennaio 2011
area scientifica Giù le mani dai bambini Onlus

Mappatura topografica dell’attività elettrica del cervello in bambini con disordine di deficit d’attenzione e iperattività indotta dal cibo

1997 Uhlig T et Al. Si é delineato il tracciato topografico dell’EEG dell’attività elettrica del cervello dopo l’evitamento o l’ingestione di alimenti irritanti in alcuni bambini con ADHD. Visualizza il testo completo