7 Gennaio 2011
area scientifica Giù le mani dai bambini Onlus

Effetti rinforzanti degli stimolanti negli umani predetti dai recettori cerebrali DA – D2

2002 Volkow ND et Al. Questa ricerca é una replica fatta per confermare la scoperta che i livelli striatali dei ricettori DA – D2 predicono le risposte rinforzanti al farmaco psicostimolante metilfenidato in soggetti non abusatori di droga. Visualizza il testo completo
7 Gennaio 2011
area scientifica Giù le mani dai bambini Onlus

Soggetti ADHD e Non-ADHD: dipendenze da tabacco e sostanze

1998 Nadine M. Lambert e Carolyn S. Hartsough In questa ricerca si intendeva trovare un possibile collegamento fra i dati storici di trattamento dell’ADHD ed i livelli di tabagismo e la dipendenza dal tabacco nell’età adulta. Visualizza il testo completo
7 Gennaio 2011
area scientifica Giù le mani dai bambini Onlus

La terapia del disordine di attenzione/iperattività con stimolanti può causare abuso di sostanze?

2003 Wilens TE et Al. Nella presente ricerca si é dimostrato che la terapia con stimolanti è associata ad una riduzione del successivo rischio di disordini di uso di alcool e droga. Visualizza il testo completo
3 Gennaio 2011
area scientifica Giù le mani dai bambini Onlus

Proprietà rinforzanti del metilfenidato

2001 Meririnne E et Al. Questa ricerca sostiene che le proprietà ricompensanti di metilfenidato sono sensibilizzate tramite esposizione precedente alla droga e che sia il recettore D1 che D2, sembrano partecipare allo sviluppo di questa sensibilizzazione. Visualizza testo completo
3 Gennaio 2011
area scientifica Giù le mani dai bambini Onlus

Assuefazione da stimolanti centrali

1990 Dackis CA et Al. Qui si afferma che gli stimolanti centrali provocano assuefazione, causando danni medici, psichiatrici e psicosociali. Visualizza testo completo
3 Gennaio 2011
area scientifica Giù le mani dai bambini Onlus

Esposizione durante l’adolescenza

2001 Jill Schlabig Williams e Patrick Zickler Attraverso la descrizione di un esperimento condotto su ratti maschi con sviluppo cerebrale corrispondente all’adolescenza, si é dimostrato che l’esposizione al metilfenidato ha un effetto neurobiologico persistente nell’età adulta. Visualizza testo completo
3 Gennaio 2011
area scientifica Giù le mani dai bambini Onlus

Esposizione al Metilfenidato e MDMA in topi adolescenti

2003 Achat-Mendes C et Al. In questa ricerca si vuole dimostrare che l’esposizione dei ratti durante l’adolescenza comporta adattamenti neurali desiderio-durevoli, manifestati come sensibilizzazione alla ricompensa di cocaina e stimolazione psicomotoria che consegue alla sospensione della cocaina. Visualizza testo completo
3 Gennaio 2011
area scientifica Giù le mani dai bambini Onlus

Il pretrattamento con metilfenidato sensibilizza i ratti all’effetto rinforzante della cocaina

2002 Schenk S et Al. Qui si afferma che un pretrattamento di breve durata con alte dosi di metilfenidato negli adulti aumenta la vulnerabilità all’abuso di cocaina. Visualizza testo completo