Campagna Giu Le Mani Dai Bambini ! Sito Ufficiale Don't Touch The Children Campaign Official Site

La Missione della Campagna Giu Le Mani Dai Bambini!

La comunità internazionale sta prendendo coscienza, con sgomento, che i bambini vengono sottoposti a terapia farmacologica per risolvere problemi che spesso potrebbero essere superati con interventi pedagogici o comunque meno invasivi. Non si tratta di casi isolati, ma di molti milioni di bambini in tutto il mondo industrializzato. La "patologia" in questione, denominato "disturbo d'attenzione da iperattività", è diagnosticato a partire dal primo anno di vita e il farmaco è prescritto da questa tenera età.

Definiti malati mentali, contro questi bambini si sono coalizzati insegnanti, medici, psicologi, giudici, case farmaceutiche, associazioni d'utenti, mass media e persino genitori. Sono disattenti, indisciplinati, creano problemi, nessuno sembra disposto a tollerarli, capirli e aiutarli, il farmaco è la scorciatoia per domare i ribelli.

Questa medicalizzazione di massa è promossa grazie al predominio incontrastato nella psichiatria del modello medico-biologico - che considera i problemi mentali esclusivamente come una disfunzione dei neurotrasmettittori - alla politica di espansione commerciale agguerrita di certe case farmaceutiche.

L'utenza psichiatrica si è allargata alla generalità della popolazione, non vi è problema che non sia di competenza psichiatrica, e il farmaco "non può mancare" nel trattamento terapeutico. Si tratta di droghe classificate come stupefacenti nella stessa tabella della cocaina, degli oppiacei, anfetamina e barbiturici. Questa situazione ha generato allarme nell'opinione pubblica: la campagna "Giùlemanidaibambini" vuole tentare di dare risposta ai numerosi interrogativi sollevati da studenti, genitori ed insegnanti, stimolando il dibattito su questo delicato tema e sui pro e contro delle soluzioni psico-farmacologiche in tenera età.