Trattamento con Omega-3 della depressione infantile: Uno studio pilota controllato e in doppio cieco

Hanah Nemets MD, Boris Nemets MD, Alan Apter MD, Ziva Bracha MD, RH Belmaker MD
Pubblicato su The American Journal of Psychiatry 2006
Traduzione in italiano a cura del Dott. Claudio Ajmone per GiùleManidaiBambini.org

Testo originale in inglese, disponibile a questo link

Riassunto

Obiettivo: il disturbo depressivo maggiore nei bambini può essere più comune di quanto si pensasse in precedenza e le sue terapie non sono chiare. A causa del successo in un precedente studio sugli acidi grassi omega-3 nel disturbo depressivo maggiore dell’adulto, gli autori hanno pianificato uno studio pilota sugli acidi grassi omega-3 nella depressione maggiore infantile. 

Metodo: i bambini che sono entrati nello studio avevano un’età compresa tra 6 e 12 anni. Le valutazioni sono state eseguite al basale e a 2, 4, 8, 12 e 16 settimane utilizzando la Children’s Depression Rating Scale (CDRS), Children’s Depression Inventory (CDI), e Impressione Globale Clinica (CGI). I bambini sono stati randomizzati ad acidi grassi omega-3 o placebo come monoterapia farmacologica. Ventotto pazienti sono stati randomizzati e 20 hanno completato le valutazioni di almeno 1 mese. 

Risultati: l’ analisi della varianza ha mostrato effetti altamente significativi degli omega-3 sui sintomi utilizzando CDRS, CDI e CGI. 

Conclusioni: gli acidi grassi Omega-3 possono avere benefici terapeutici nella depressione infantile.

Il disturbo depressivo maggiore è un disturbo comune e ricorrente nei bambini. È spesso accompagnato da scarso esito psicosociale, condizioni di comorbidità e alto rischio di suicidio e abuso di sostanze, indicando la necessità di un trattamento. La prevalenza del disturbo depressivo maggiore è stimata intorno al 2%-4% nei bambini (1) . Diversi studi randomizzati e controllati hanno mostrato una risposta dal 50% al 60% sia agli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina che al placebo (2 , 3) . Tuttavia, questi studi includevano la maggior parte dei bambini adolescenti e l’efficacia del trattamento biologico della depressione prepuberale dell’infanzia è quasi sconosciuta. Abbiamo scoperto che gli acidi grassi omega-3 sono efficaci nella depressione degli adulti come terapia aggiuntiva (4) . Abbiamo quindi condotto uno studio controllato sull’acido grasso omega-3 nella depressione infantile, limitando il nostro studio ai bambini di età compresa tra 6 e 12 anni.

Metodo

I soggetti erano bambini inviati alla clinica per la depressione dello Schneider Children’s Medical Center of Israel o alla Child Psychiatry Clinic del Beer-Sheva Mental Health Center. Sono stati accettati bambini affetti da disturbo depressivo maggiore utilizzando la traduzione ebraica della versione infantile del Programma per i disturbi affettivi e la schizofrenia (5) . Sono stati esclusi i bambini con malattie fisiche instabili o disturbi psichiatrici diversi da ansia, disturbo da deficit di attenzione e iperattività, distimia o sindrome da tic.

Lo studio è stato approvato dai comitati di revisione istituzionale della facoltà di scienze della salute, Ben Gurion University of the Negev, Beer-Sheva, Israel, e dello Schneider Children’s Medical Center of Israel. Tutti i pazienti partecipanti sono entrati nello studio dopo il consenso informato scritto di almeno un genitore, dopo il consenso informato verbale del bambino e dopo l’impegno del genitore consenziente a informare l’altro genitore.

Lo studio sugli omega-3 è durato 16 settimane. Le valutazioni sono state effettuate al basale e a 2, 4, 8, 12 e 16 settimane utilizzando la Childhood Depression Rating Scale (CDRS), Childhood Depression Inventory (CDI) e Clinical Global Impression (CGI). Il CDRS e il CGI sono valutati dal medico, mentre il CDI è autovalutato dal bambino-paziente ad ogni visita.

I pazienti hanno ricevuto due capsule da 500 mg o una da 1.000 mg al giorno, a seconda della loro capacità di deglutire una capsula più grande. Questo è stato scelto come metà della dose per adulti utilizzata nel nostro studio precedente (4). Il placebo per la capsula da 500 mg era olio d’oliva (fornito da Ocean Nutrition, Canada) che non conteneva acidi grassi omega-3. Il placebo per le capsule da 1.000 mg era olio di cartamo (acido linoleico al 74% fornito dai laboratori Sears senza acidi grassi omega-3). 

Le capsule attive da 1.000 mg sono state fornite da Sears Laboratory e contengono 400 mg di acido eicosapentanoico e 200 mg di acido docosaesaenoico per capsula da 1.000 mg. Le capsule attive da 500 mg fornite da Ocean Nutrition contenevano 190 mg di acido eicosapentanoico e 90 mg di acido docosaesaenoico per capsula da 500 mg. Questi rapporti tra acido eicosapentanoico e acido docosaesaenoico sono simili alla maggior parte dei preparati disponibili in commercio, ma diversi dall’acido eicosapentanoico puro utilizzato nel nostro studio precedente. Le capsule attive e placebo erano identiche per forma, segni.

Risultati

Ventotto bambini sono stati randomizzati per lo studio. Di questi 28, 20 hanno completato almeno 1 mese di valutazione e sono stati inclusi nell’analisi dei dati. Degli otto che hanno abbandonato prima di 1 mese, cinque assumevano placebo e tre assumevano omega-3. Tra i tre bambini del gruppo omega-3, l’unico motivo di abbandono prima di 1 mese era la non conformità. Le ragioni dell’abbandono prima di 1 mese nel gruppo placebo sono state 1) comparsa di pubertà precoce che porta a un esame endocrino in un paziente, 2) non conformità in due pazienti, 3) mancata risposta in un paziente e 4) episodio maniacale in un altro paziente.

Dei 20 bambini che sono entrati nell’analisi dei dati, 10 hanno ricevuto placebo e 10 hanno ricevuto omega-3. C’erano sette ragazzi e tre ragazze nel gruppo placebo e otto ragazzi e due ragazze nel gruppo omega-3. L’età media nel gruppo omega-3 era 10,0 (intervallo: 8-12,0) e 10,3 nel gruppo placebo (intervallo: 8-12,5). I bambini erano stati depressi per una media di 3,5 (SD=1,3) mesi nel gruppo omega-3 e 3,3 (SD=1,6) mesi nel gruppo placebo. Questo è stato un primo episodio depressivo in tutti i casi. Nel gruppo omega-3, c’erano due bambini con disturbo da deficit di attenzione e iperattività concomitante, uno con disturbo ossessivo-compulsivo, uno con ansia da separazione, uno con distimia e uno con tic cronici. Nel gruppo placebo, c’erano tre bambini con disturbo da deficit di attenzione e iperattività, uno con disturbo di panico, uno con ansia da separazione, e due con distimia. I farmaci concomitanti a dose stabile per almeno 6 mesi erano due bambini in trattamento con metilfenidato nel gruppo omega-3 e tre bambini nel gruppo placebo.

La Figura 1 mostra i punteggi CDRS nei 20 pazienti che hanno completato almeno 1 mese, con l’ultimo valore riportato. L’effetto di omega-3 è altamente significativo. Tra i bambini in trattamento con omega-3, sette su 10 hanno avuto una riduzione superiore al 50% dei punteggi CDRS. Di quelli trattati con placebo, zero su 10 ha avuto una riduzione superiore al 50% nei punteggi CDRS (p=0,003, test esatto di Fisher). Quattro bambini su 10 nel gruppo omega-3 hanno soddisfatto i criteri di remissione di Emslie e colleghi (2) di un punteggio CDRS <29 all’uscita dallo studio; nessun soggetto nel gruppo placebo ha soddisfatto questo criterio (p=NS).

Figura 1. Cdrs durante 16 settimane di trattamento con Omega-3 o Placebo a

a Un’analisi a due vie della varianza del trattamento nel tempo su misure ripetute ha mostrato un’interazione statisticamente significativa (F=10.2, df=5,90, p<0.001). C’è stato un significativo effetto principale del trattamento (F=12.2, df=1,18, p<0,003) e del tempo (F=40,8, df 5,90, p<0,001). Omega-3 rispetto al placebo era significativamente diverso alla settimana 8 (differenza meno significativa post hoc test, p=0,04), alla settimana 12 (differenza meno significativa post hoc test, p=0,03) e alla settimana 16 (differenza meno significativa post hoc test, p=0,03).

I risultati del CDI di autovalutazione erano simili a quelli del CDRS. La “N” nel gruppo placebo era 8 perché due pazienti non sono stati in grado di completare la scala di autovalutazione o lo hanno fatto con errori. L’analisi a due vie con misure ripetute della varianza del trattamento nel tempo ha mostrato un’interazione statisticamente significativa (F=3.4, df=5,80, p<0.005). Inoltre, c’era un effetto principale significativo del trattamento (F=5,5, df=1,16, p<0,04) e del tempo (F=7,6, df=5,80, p<0,001).

Anche i risultati della CGI erano altamente significativi. L’analisi a due vie con misure ripetute della varianza del trattamento nel tempo ha mostrato un’interazione statisticamente significativa (F=10,0, df=5,90, p<0,0001). C’è stato un effetto principale significativo del trattamento (F=27,0, df=1,18, p<0,001) e del tempo (F=28,3, df= 5,90, p<0,0001). Il gruppo omega-3 e il gruppo placebo erano significativamente diversi alla settimana 8 (test post hoc differenza meno significativa, p = 0,014), settimana 12 (test post hoc differenza meno significativa, p = 0,003) e settimana 16 (differenza meno significativa test post hoc, p=0,002).

Non sono stati riportati effetti collaterali clinicamente rilevanti. Nessun paziente ha riportato un sapore di pesce quando gli è stato chiesto specificamente. Il debriefing dei non vedenti ha rivelato un tasso di ipotesi casuale sia dal paziente che dal medico.

Discussione

L’effetto placebo molto piccolo in questo studio è insolito per gli studi sulla depressione infantile (2 , 3), ma è simile al nostro precedente studio sugli omega-3 nella depressione degli adulti (4) . Nello studio sugli adulti, abbiamo ipotizzato che l’effetto placebo potrebbe essere stato dovuto a basse aspettative per gli omega-3 in pazienti con depressione ricorrente e “con esperienza”; tuttavia, i bambini in questo studio erano stati malati per un periodo di tempo molto più breve rispetto agli adulti studiati in precedenza.

Il precedente studio sugli adulti utilizzava l’acido eicosapentanoico, il precursore dell’acido docosaesaenoico. Il presente studio ha utilizzato una combinazione di acido eicosapentanoico e acido docosaesaenoico comunemente disponibile come preparazione da banco. Va notato che non tutti gli studi sugli acidi grassi omega-3 nella depressione negli adulti sono stati positivi (6 , 7) . Le ragioni di questa discrepanza non sono chiare, ma possono essere coinvolte differenze dietetiche di base in diverse popolazioni (8) . Il presente studio è il primo, a nostra conoscenza, del trattamento con omega-3 nella depressione infantile prepuberale.

Ricevuto l’11 maggio 2005; revisione ricevuta il 24 agosto 2005; accettato il 18 ottobre 2005. Dalla Facoltà di Scienze della Salute, Università Ben Gurion del Negev, Israele; e Schneider Children’s Medical Center, Università di Tel Aviv, Tel Aviv. Indirizzare la corrispondenza e le richieste di ristampa al Dr. Belmaker, Beer-Sheva Mental Health Center, PO Box 4600, Beer-Sheva, Israele; belmaker@bgu.ac.il (e-mail). Questo studio è stato sostenuto da una National Alliance for Research in Schizophrenia and Depression Junior Investigator Award al Dr. Nemets. Gli autori ringraziano Nutrelife (Israele) per aver donato le capsule di omega-3 per il trattamento di follow-up dei bambini in questo studio.

Riferimenti

  1. Practice parameters for the assessment and treatment of chil- dren and adolescents with depressive disorders. J Am Acad Child Adolesc Psychiatry 1998; 37(10 Suppl):63S–83S
  2. Emslie GJ, Heiligenstein JH, Wagner KD, Hoog SL, Ernest DE, Brown E, Nilsson M, Jacobson JG: Fluoxetine for acute treat- ment of depression in children and adolescents: a placebo- controlled, randomized clinical trial. J Am Acad Child Adolesc Psychiatry 2002; 41:1205–1215
  3. Wagner KD, Ambrosini P, Rynn M, Wohlberg C, Yang R, Green- baum MS, Childress A, Donnelly C, Deas D: Efficacy of sertraline in the treatment of children and adolescents with major de- pressive disorder: two randomized controlled trials. JAMA 2003;  290:1033–1041
  4. Nemets B, Stahl Z, Belmaker RH: Addition of omega-3 fatty acid to maintenance medication treatment for recurrent  uni- polar depressive disorder. Am J Psychiatry 2002; 159:477–479
  5. Apter A, Orvaschel H, Laseg M, Moses T, Tyano S: Psychometric properties of the K-SADS-P in an Israeli adolescent inpatient population. J Am Acad Child Adolesc Psychiatry 1989; 28:61– 65
  6. Marangell LB, Martinez JM, Zboyan HA, Kertz B, Kim HF, Pur- year LJ: A double-blind, placebo-controlled study of the omega-3 fatty acid docosahexaenoic acid in the treatment of major depression. Am J Psychiatry 2003; 160:996–998
  7. Post RM, Leverich GS, Altshuler LL, Frye MA, Suppes TM, Keck PE Jr, McElroy SL, Kupka R, Nolen WA, Grunze H, Walden J: An overview of recent findings of the Stanley Foundation Bipolar Network (part I). Bipolar Disord 2003; 5:310–319
  8. Osher Y, Belmaker RH, Nemets B: Clinical trials of PUFAs in de- pression: state of the art. Submitted to J Clin Psychiatry

Comments are closed.