Yoga per la prevenzione della depressione, dell’ansia e dell’aggressività e la promozione delle competenze socio-emotive nei bambini in età scolare

Ana María Velásqueza*, María Adelaida Lópezb, Natalia Quiñonezb & Diana Patricia Pabaa
Pubblicato su Educational Research and Evaluation 2015
Traduzione in italiano a cura del Dott. Claudio Ajmone per GiùleManidaiBambini.org

Testo originale in inglese, disponibile a questo link

a Universidad de los Andes, Bogotá, Colombia;
b Corporación Dunna, Bogotá, Colombia

I bambini e i giovani provenienti da contesti socioeconomici svantaggiati sono a rischio di sviluppare problemi comportamentali. Questo studio ha esaminato l’efficacia di un programma di Yoga implementato in una scuola a basso status socioeconomico, per la prevenzione della depressione, dell’ansia e dell’aggressività. I laboratori di doposcuola sono stati tenuti due volte a settimana per 12 settimane a 125 studenti di quinta, ottava e nona classe, iscritti a una scuola di Bogotà, in Colombia. I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a un intervento e a un gruppo di controllo. L’ansia, la depressione, l’aggressività dei bambini e alcune competenze socioemotive (in particolare l’empatia, la gestione della rabbia e la prosocialità) sono state valutate quantitativamente prima e dopo l’intervento, mediante questionari riferiti da sé e dai pari. Sono stati raccolti anche dati qualitativi per valutare i bambini s benefici percepiti dai workshop. I risultati hanno suggerito un potenziale del programma per ridurre i problemi di ansia dei bambini, in particolare. I risultati sono discussi in termini di miglioramenti raccomandati al programma e la sua valutazione futura.

Introduzione

I bambini e i giovani cresciuti in contesti socioeconomici inferiori affrontano molte sfide che richiedono abilità per far fronte a situazioni stressanti. Queste situazioni spesso li mettono a rischio di sviluppare problemi mentali e comportamentali. In effetti, la ricerca ha dimostrato che lo stress cronico percepito è correlato all’ansia, alla depressione e all’aggressività (Suldo, Shaunessy e Hardesty, 2008). L’ansia e la depressione possono portare a uno sviluppo disadattivo dato che i bambini che presentano questi problemi sono più inclini a essere vittimizzati dai loro coetanei (Kochenderfer & Ladd, 1996; Perry, Hodges, & Egan, 2001), che li mette a rischio di psicopatologia (Widom , 2000). 

D’altra parte, la ricerca sull’aggressività mostra che i bambini che sono ripetutamente aggressivi a scuola hanno un rischio maggiore di essere coinvolti nella violenza e nella criminalità più avanti nella vita (Farrington, 1993; Huesmann, Eron, Lefkowitz e Walder, 1984). Date le conseguenze e la relativa stabilità di questi problemi nel corso della vita, specialmente quando l’esordio si verifica nell’infanzia e nell’adolescenza (Fombonne, Wostear, Cooper, Harrington e Rutter, 2001; Weissman et al., 1999), i ricercatori e gli operatori educativi hanno cercato alternative di intervento per prevenirli nei primi anni di vita (Shonkoff, Boyce e McEwen, 2009).

Aiutare i bambini a sviluppare strategie di coping per affrontare i contesti stressanti può essere un modo efficace per prevenire la depressione, l’ansia e l’aggressività. Secondo Harper (2010), lo Yoga potrebbe fornire ai bambini un “quadro per elaborare e gestire le proprie emozioni, aiutando a disinnescare rabbia e stress” (p. 101). Alla luce di ciò, il presente studio ha esplorato i potenziali benefici di un programma di Yoga a scuola per la prevenzione dell’ansia, della depressione e dell’aggressività, nei bambini e nei giovani a basso stato socioeconomico (SES). Una delle principali preoccupazioni per lo sviluppo dei bambini ha a che fare con la violenza nelle scuole.  

 Questo problema colpisce tra il 9% e il 54% dei bambini e dei giovani in tutto il mondo (Vanderbilt & Augustyn, 2010). A Bogotá, Colombia, uno studio condotto dal Segretario dell’Istruzione di Bogotá (Chaux, 2013) ha rivelato che circa il 35% degli studenti dalle classi 5-9 hanno riferito di essere vittime di aggressioni fisiche e circa il 25% ha riferito di essere vittime di esclusione nelle loro scuole. Precedenti ricerche hanno dimostrato che l’aggressività può essere attribuita all’esposizione ad ambienti stressanti, ad esempio, violenza comunitaria, maltrattamenti familiari e coetanei aggressivi (Saldarriaga, Velásquez, Bruce-Santo, Bukowski e Chaux, 2009), che sono più caratteristici di scuole pubbliche (Chaux, 2013). Ciò potrebbe essere correlato al fatto che, a Bogotà, il 66% delle scuole pubbliche si trova al di sotto del livello medio delle condizioni socioeconomiche (Secretaría de Educación del Distrito, 2013).

Oltre a questi fattori contestuali, l’aggressività è stata anche associata a una mancanza di competenze socio-emotive come l’empatia e la regolazione della rabbia (Chaux, 2012). L’empatia si riferisce alla capacità cognitiva ed emotiva di sperimentare sentimenti congruenti alla situazione di un’altra persona (Hoffman, 2000), e la regolazione della rabbia si riferisce alla capacità di modulare il grado di reattività emotiva (in questo caso, la rabbia) per far fronte a le esigenze dell’ambiente (Saarni, Campos, Camras e Witherington, 2006). Ciò ha portato allo sviluppo e alla realizzazione di interventi volti a prevenire la violenza scolastica attraverso la promozione delle competenze socio-emotive (Chaux, 2012).

Un’altra preoccupazione per lo sviluppo dei bambini è la depressione e l’ansia, dato che i bambini che presentano questi problemi sperimentano anche il ritiro sociale (Rubin, Coplan e Bowker, 2009), il rifiuto dei pari (Harrist, Zaia, Bates, Dodge e Pettit, 1997), e vittimizzazione (Kochenderfer & Ladd, 1996; Perry et al., 2001), che compromettono il loro sviluppo sociale. A Bogotá, uno studio ha mostrato che il 52% dei bambini in età scolare riferisce livelli da moderati ad alti di ansia sociale legati alle attività scolastiche (Chaux & Velásquez, 2008). Un altro studio condotto dal primo autore nella stessa città con 1.346 studenti delle scuole elementari ha mostrato che il 78% dei bambini ha riferito di aver provato sentimenti depressivi, da qualche volta a sempre, in un periodo di 2 settimane. 

Tenendo conto dell’associazione tra questi problemi e lo stress cronico (Suldo et al., 2008), un modo per prevenire questi problemi nei bambini in età scolare è fornire loro strumenti per affrontare e ridurre lo stress.

Un’alternativa promettente per la prevenzione della violenza e la promozione del benessere psicologico è la formazione Yoga (Lamb, 2004). Lo yoga è definito come un “sistema olistico di pratiche multiple mente-corpo per la salute mentale e fisica che includono posture ed esercizi fisici, tecniche di respirazione, pratiche di rilassamento profondo, coltivazione della consapevolezza/consapevolezza e meditazione” (Khalsa, Hickey-Schultz, Cohen, Steiner, & Cope, 2012, pag. 81). Si ritiene che la pratica dello Yoga porti benefici agli individui in modi diversi, esercitando un’influenza positiva sui sistemi fisiologici e psicologici dell’individuo. È stato spiegato che lo Yoga influenza il sistema nervoso innescando il sistema nervoso parasimpatico, che inibisce il sistema nervoso simpatico responsabile della risposta allo stress (Lamb, 2004; Vempati & Telles, 2002). 

In linea con questo, Steiner, Sidhu, Pop, Frenette e Perrin (2013) affermano che, attraverso la respirazione calma, le posture e la meditazione, lo Yoga può aiutare a regolare il sistema nervoso autonomo, a calmarsi e a focalizzare la mente. Sulla base di ciò, lo Yoga può avere un effetto di riduzione della depressione e dell’ansia migliorando l’adattamento attraverso il miglioramento delle capacità di autoregolazione (Skinner & Zimmer-Gembeck, 2007) e agendo sui circuiti neurali associati alla funzione di reattività allo stress (Davidson et al., 2003). Inoltre, l’allenamento Yoga può essere un metodo efficace per ridurre l’aggressività (Steiner et al., 2013) aiutando i bambini e i giovani a sviluppare abilità come la regolazione emotiva e l’empatia (Khalsa et al., 2012; Serwacki & Cook-Cottone, 2012) . Steiner et al. (2013) pongono che il miglioramento di queste abilità può essere ottenuto dalla formazione Yoga in quanto aumenta le capacità cognitive dell’individuo come l’attenzione, la concentrazione e la consapevolezza dei propri stati emotivi.

Gli studi sugli effetti benefici dello Yoga hanno suggerito che ha un impatto positivo sul benessere degli individui (per una rassegna, vedere Silva, Ravindran e Ravindran, 2009). Ad esempio, i risultati della ricerca hanno mostrato un effetto dell’allenamento Yoga sulla riduzione dell’ansia (Kirkwood, Rampes, Tuffrey, Richardson e Pilkington, 2005; Li & Goldsmith, 2012), depressione (Shapiro et al., 2007), aggressione fisica (Berger, Silver e Stein, 2009), controllo della rabbia (Khalsa et al., 2012; Yoshihara, Hiramoto, Sudo e Kubo, 2011) e stress percepito (Bayne, Aten, Smith, Greer e Francisco, 2007; Granath, Ingvarsson, von Thiele e Lundberg, 2006). Tuttavia, la maggior parte di questi studi è stata condotta su popolazioni adulte. 

Data l’importanza di prevenire i problemi nei primi anni di vita, è necessario prestare maggiore attenzione ai programmi di intervento durante l’infanzia e l’adolescenza. A tal fine, gli ambienti scolastici diventano contesti efficienti in cui intervenire. Da un lato, la scuola è uno degli ambienti in cui si svolge la maggior parte della vita sociale dei bambini e degli adolescenti; quindi, all’interno di questo ambiente, affrontano esperienze difficili, affrontano lo stress e gestiscono la rabbia. D’altro canto, il sistema scolastico e la sua organizzazione forniscono strutture adeguate per l’attuazione dei programmi di prevenzione. Pertanto, questo studio si propone di esaminare gli effetti benefici degli interventi Yoga nei bambini in età scolare provenienti da famiglie a basso reddito.

Alcuni studi hanno già esplorato l’efficacia della formazione Yoga sul comportamento scolastico dei bambini. Ad esempio, uno studio recente ha dimostrato che lo Yoga riduce il disagio legato al trauma nei bambini (Culver, Whetten, Boyd e O’Donnell, 2015). Una meta-analisi condotta da Serwacki e Cook-Cottone (2012) ha mostrato che sebbene la partecipazione all’allenamento Yoga possa avere effetti benefici sulla regolazione emotiva, sull’attenzione, sulla riduzione dell’ansia, sulla reattività e sull’aggressività fisica per i bambini in ambito scolastico, ci sono diversi limiti metodologici che devono essere affrontati come randomizzazione, campioni più grandi e chiarezza statistica. 

Alcuni studi, tuttavia, possono essere utilizzati come buoni modelli di ricerca rigorosa. Uno, condotto da White (2012), ha esaminato l’effetto di un programma Yoga di 8 settimane, in cui 155 bambini di quarta e quinta elementare che frequentavano le scuole pubbliche sono stati distribuiti casualmente in gruppi sperimentali e di controllo. I risultati hanno mostrato miglioramenti nell’autostima e nell’autoregolamentazione per i bambini in entrambi i gruppi, ma quelli nel gruppo sperimentale hanno riferito di avere migliori strategie di coping per lo stress, rispetto al gruppo di controllo. Un altro studio, condotto su studenti di seconda media da Khalsa et al. (2012), hanno evidenziato risultati positivi dell’allenamento Yoga per il miglioramento del controllo della rabbia. In questo studio, 121 partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a lezioni di educazione fisica e lezioni di Yoga per 11 settimane. 

Alla fine dell’intervento, gli studenti che hanno seguito le lezioni di Yoga hanno mostrato differenze statisticamente significative rispetto agli studenti che hanno frequentato le normali lezioni di educazione fisica. Alla luce di queste precedenti esperienze, il presente studio ha affrontato i problemi metodologici precedenti emersi nella meta-analisi utilizzando la randomizzazione a livello individuale, un campione moderato e tecniche statistiche avanzate.

Oltre ad affrontare questioni metodologiche, questo studio includeva standard rigorosi per l’implementazione di un programma di Yoga in un ambiente scolastico. Per quanto riguarda chi svolge il programma, va notato che insegnare ai bambini lo Yoga in un ambiente scolastico può essere opprimente per coloro che mancano di preparazione e formazione. Esperienze precedenti hanno dimostrato che insegnare Yoga può essere impegnativo in alcuni contesti in cui i problemi comportamentali sono più comuni dato il gran numero di studenti e l’ampia varietà di bisogni insoddisfatti (Harper, 2010). In questo studio, insegnanti di Yoga esperti formati per gestire classi numerose e bambini con problemi comportamentali hanno implementato l’intervento. Questo ci ha permesso di avere un miglior controllo sulla qualità dell’attuazione del programma in questa fase.

In sintesi, dato che i risultati della ricerca suggeriscono effetti positivi dell’allenamento Yoga sui bambini e sui giovani in età scolare, l’obiettivo principale del presente studio era valutare l’impatto della partecipazione a seminari extracurriculari di Yoga sulla prevenzione di ansia, depressione e aggressività. Come obiettivo secondario, abbiamo esaminato gli effetti dello Yoga sullo sviluppo di tre competenze socio-emotive: empatia, gestione della rabbia e prosocialità. In particolare, ci interessava replicare precedenti esperienze di valutazione (Khalsa et al., 2012 ; White, 2012 ), testando questi effetti in un campione urbano di studenti colombiani provenienti da contesti socioeconomici svantaggiati.

Metodo

Partecipanti  

I partecipanti a questo studio erano 296 studenti di una scuola pubblica (gestita da un istituto di istruzione privato) a Bogotá, delle classi 5, 8 e 9. 1 Gli studenti sono stati informati sullo scopo dello studio e hanno ricevuto moduli di consenso per la loro genitori di concedere loro il permesso di partecipare allo studio. Sono stati restituiti un totale di 153 moduli firmati. Di questi, un totale di 125 bambini erano interessati e avevano la disponibilità a partecipare ai laboratori di Yoga. Questi studenti sono stati assegnati in modo casuale a un gruppo di intervento e a un gruppo di controllo in lista d’attesa per seguire i seminari di Yoga dopo che la valutazione era stata completata. 

Prevedendo il logoramento dai laboratori, sono stati assegnati più bambini al gruppo di intervento (n = 68) rispetto al gruppo di controllo ( n= 57). Gli studenti selezionati per i laboratori di Yoga sono stati divisi casualmente in cinque gruppi, tre gruppi di scuola elementare (classe 5) e due gruppi di scuola superiore (classe 8 e 9). Durante l’intervento di 12 settimane, un totale di 11 studenti ha abbandonato i laboratori. Le analisi condotte per confrontare le differenze di base tra i bambini che hanno abbandonato e i bambini che sono rimasti nei laboratori hanno mostrato una differenza statisticamente significativa nell’aggressività segnalata dai pari ( (1, 61) = 7,40, p <0,05). Le differenze medie hanno indicato che i bambini che hanno abbandonato avevano livelli più bassi di aggressività al basale.

Procedura

Nel giugno 2012 la scuola e gli studenti sono stati invitati a partecipare al progetto. Poco prima che gli studenti iniziassero la pausa di metà anno, è stata implementata la procedura di consenso dei genitori attiva per avere l’elenco finale dei partecipanti e condurre l’assegnazione casuale ai gruppi. Nel luglio 2012, abbiamo condotto un pre-test per valutare i risultati degli studenti subito dopo il ritorno degli studenti dalla pausa di metà anno e 1 settimana prima dell’inizio dei laboratori. Nel mese di ottobre si sono tenuti incontri di focus group con un sottocampione di studenti del gruppo sperimentale. Lo scopo di questi incontri è stato quello di valutare il processo di partecipazione ed esplorare quale fosse la percezione degli studenti in relazione ai benefici della partecipazione ai laboratori. Nel novembre 2012, subito dopo la fine dei workshop di Yoga, sono state raccolte le informazioni post-test.

Intervento

Nella terza settimana dopo il ritorno a scuola dalla pausa di metà anno, i laboratori di Yoga sono iniziati a scuola. Per ciascuno dei cinque gruppi si sono svolte ventiquattro sessioni di 2 ore. Un istruttore, che era un outsider della scuola e che aveva esperienza nella conduzione di corsi di Yoga, ha guidato le sessioni. Per rafforzare la partecipazione, ai bambini è stata offerta una piccola merenda dopo ogni laboratorio.

Professionisti dello yoga affiliati a Corporación Dunna ( www.dunna.org ) – organizzazione non governativa dedicata allo sviluppo di programmi di intervento per creare strategie di pace in Colombia – hanno sviluppato un protocollo che descriveva in dettaglio le attività da svolgere in ogni sessione. Questo protocollo è stato progettato secondo la tradizione Satyananda Yoga. Questo approccio cerca di integrare tutti gli aspetti dell’individuo: fisico, energetico, mentale, emotivo, psichico e spirituale (Saraswati, 1990). 

Nel complesso, il protocollo consisteva in una serie di posizioni (asana), esercizi di respirazione (pranayama), rilassamento (yoga nidra) e tecniche di meditazione scelte per ciascuna delle 24 sessioni. Le attività di ogni sessione includevano posture praticate in modo dinamico e attivo, con i loro nomi basati su animali o fiori per aiutare i bambini a capirli e a goderseli. La selezione delle posizioni è stata effettuata sulla base di precedenti risultati empirici che hanno mostrato che potrebbero essere utilizzate specificamente per stimolare la fiducia in se stessi e l’autostima, nonché l’autoregolazione, il rilassamento e la coscienza (Saraswati, 1990).

Strumenti

Gli strumenti per raccogliere le informazioni utilizzate come dati pre-test e post-test hanno valutato le differenze individuali tra i partecipanti allo studio. Le seguenti informazioni descrivono ciascuna delle variabili valutate.

Depressione e ansia

Ci siamo affidati alle autovalutazioni per valutare l’ansia e la depressione. Secondo Miller (2012), dato che questi attributi potrebbero non essere completamente visibili ai valutatori esterni, i self-report forniscono una valutazione essenziale di questi problemi. Gli elementi sono stati selezionati e adattati dal Questionario sui punti di forza e sulle difficoltà (Goodman, Meltzer e Bailey, 1998). Gli studenti hanno riferito quanto spesso hanno sperimentato sentimenti di depressione e ansia durante l’ultimo mese. Il questionario includeva tre elementi per valutare la depressione (alfa di Cronbach = 0,71) e tre elementi per valutare l’ansia (alfa di Cronbach = 0,70), che chiedevano ai bambini con quale frequenza avevano provato alcuni sentimenti nelle ultime 2 settimane. Gli item per la depressione erano: “Mi sono sentito triste”, “Mi sono sentito depresso”, “Mi sono sentito infelice”. Per l’ansia le voci erano: “Mi sono sentito preoccupato”, “Mi sono sentito nervoso”, “Mi sono sentito stressato”. Le possibili risposte erano “0 = Mai , 1 = Qualche volta , 2 = Qualche volta , 3 = Quasi sempre , 4 = Sempre”. I punteggi per queste due variabili sono stati ottenuti dopo aver calcolato la media degli item per ciascuna scala.

Aggressione

Questo tipo di comportamento è facilmente osservabile da altri, quindi ci siamo affidati a valutazioni tra pari per la valutazione di questa variabile, in cui più osservatori forniscono la loro percezione sul comportamento di ciascun partecipante. Una procedura di nomina tra pari illimitata, ampiamente utilizzata nella ricerca tra pari (Bukowski, Cillesen e Velásquez, 2011; Rubin, Bukowski e Parker, 2006), è stato utilizzato. Ai bambini è stato chiesto di scegliere, da un elenco di tutti i coetanei partecipanti, quelli che corrispondevano a una particolare descrizione. Per misurare l’aggressività, è stata utilizzata una serie di tre elementi che attingono all’aggressività fisica, verbale e relazionale. Gli elementi erano: “Durante l’ultima settimana, quale dei tuoi compagni di classe ha picchiato o spinto qualcun altro?” (fisico), “Durante l’ultima settimana, quale dei tuoi compagni di classe ha preso in giro qualcuno o l’ha insultato, facendolo sentire male?” (verbale), “Durante l’ultima settimana, quale dei tuoi compagni di classe ha rifiutato o ha cercato di tenere gli altri fuori dal loro gruppo?” (relazionale). I punteggi sono stati calcolati in base al numero di candidature ricevute da ciascun bambino. I punteggi sui tre elementi sono stati mediati per rappresentare un indice complessivo di aggressività (alfa di Cronbach = .86). Date le differenze nel numero di designatori per ogni classe,

Competenze socio-emotive

L’empatia e la gestione della rabbia sono state misurate mediante due questionari self-report, che sono stati validati e ampiamente utilizzati nella popolazione colombiana, in particolare per il test nazionale delle competenze di cittadinanza gestito dall’Instituto Colombiano para la Evaluación de la Educación (ICFES, 2013) a tutti gli studenti colombiani di quinta e nona classe. L’empatia è stata valutata con cinque item, in cui gli studenti hanno riferito dei loro sentimenti di fronte a situazioni avverse che potrebbero accadere ad altri. Esempi di questi elementi sono: “Quando qualcuno con cui non vado d’accordo inciampa, cade e si fa male” e “Quando qualcuno con cui non vado d’accordo è triste”; le opzioni di risposta erano 0 = lo trovo divertente , 1 = non mi interessa , 2 = mi sento male. I cinque elementi sono stati mediati per ottenere un indicatore del livello di empatia di ogni studente (alpha di Cronbach = .85). 

La disregolazione della rabbia è stata utilizzata come proxy inverso della gestione della rabbia. Abbiamo misurato questo costrutto utilizzando una serie di quattro elementi in cui gli studenti hanno riferito quanto spesso, durante l’ultima settimana, hanno sperimentato la situazione menzionata nell’elemento. Le seguenti affermazioni esemplificano due degli elementi: “Durante l’ultima settimana, quante volte ti sei arrabbiato e hai finito per agire senza pensare?” e “Durante l’ultima settimana, quante volte hai urlato contro qualcuno perché eri molto arrabbiato?”; le possibili risposte erano 0 = Mai , 1 = Una volta, da 2 a 4 volte , 3 = 5 o più volte. Il punteggio medio dei quattro item indicava la misura in cui gli studenti avevano problemi a regolare la loro rabbia (alpha di Cronbach = .74).

La prosocialità, d’altra parte, è stata valutata con la stessa procedura di nomina tra pari utilizzata in questo studio per misurare l’aggressività. Quattro elementi sono stati utilizzati per i bambini per segnalare la frequenza con cui si sono impegnati in comportamenti prosociali, ad esempio: “Durante l’ultima settimana, quale dei tuoi compagni di classe ha aiutato quelli in difficoltà?”, “Durante l’ultima settimana, quale dei tuoi compagni di classe ha rallegrato altri che erano tristi?” I punteggi sono stati calcolati con la media dei quattro elementi per ogni bambino (alpha = .74) e sono stati trasformati in proporzioni, come spiegato sopra, per controllare le differenze nel numero di candidature.

Benefici percepiti

Per completare la valutazione dell’impatto del programma, abbiamo condotto una valutazione formativa ai fini del miglioramento del programma. Le informazioni qualitative sono state raccolte per valutare la varietà delle percezioni degli studenti sui potenziali benefici dei laboratori. Per raccogliere queste informazioni, al termine dell’intervento sono stati condotti tre focus group, due delle elementari e tre delle scuole superiori. Ogni gruppo era composto da un campione casuale di quattro studenti. Alcune delle domande utilizzate per valutare questi benefici sono state: “Perché pensi che questi laboratori siano utili?”, “Cosa hai imparato dopo aver frequentato i laboratori?”, “Quali cambiamenti hai notato a scuola o a casa dopo aver partecipato delle officine?”

Risultati

Analisi quantitativa sull’impatto dei laboratori sulle competenze degli studenti

Sono state condotte analisi miste della varianza (ANOVAS; condizione sperimentale X misure ripetute) al fine di valutare se il programma ha avuto un impatto positivo sugli studenti che hanno preso parte ai laboratori di Yoga. In particolare, sono stati confrontati i cambiamenti sui punteggi delle variabili valutate tra gli studenti del gruppo sperimentale e di controllo prima e dopo l’intervento. L’obiettivo era quello di esaminare il grado in cui gli studenti che praticavano Yoga hanno beneficiato dei laboratori, rispetto agli studenti che non vi hanno partecipato. Le descrizioni per ogni variabile sono presentate nella Tabella 1 .

Differenze di base

Sono state condotte analisi t- test di campioni indipendenti per verificare che il gruppo di intervento e il gruppo di controllo non differissero al basale nelle variabili di interesse. I risultati hanno rivelato solo una differenza statisticamente significativa nella depressione ( t = 2.76; p <.05). Come mostrato nella tabella 1 , il gruppo di intervento ha mostrato livelli leggermente più alti di queste variabili rispetto al gruppo di controllo.

Effetti principali. I risultati degli ANOVA misti hanno evidenziato solo interazioni significative per l’ansia ( (1, 123) = 4,03; p <0,05) e la depressione ( (1,123) = 9,52; p <0,05). Come evidenziato nella Tabella 1,

Tabella 1. Descrizione della misurazione pre-test e post-test delle variabili di esito per ciascun gruppo.

gli studenti che hanno partecipato ai laboratori di Yoga hanno riportato una diminuzione dei loro livelli di ansia e depressione, mentre gli studenti del gruppo di controllo hanno riscontrato un aumento di questi indicatori. Tuttavia, data la differenza pre-test nella depressione, le analisi sono state condotte anche tramite un’analisi della covarianza (ANCOVA), con i punteggi post-test come variabile dipendente e i punteggi pre-test come covariata. Questi risultati non hanno mostrato effetti principali significativi del programma sulla depressione. Ulteriori confronti appaiati dei punteggi pre e post test per l’ansia hanno mostrato che c’era una diminuzione statisticamente significativa dell’ansia ( (1, 123) = 3,87; p < 0,05), mentre non è stato osservato alcun cambiamento significativo in questa variabile per il gruppo di controllo . Secondo il d . di Cohen, i bambini nel gruppo sperimentale hanno mostrato una riduzione di 0,21 deviazioni standard nell’ansia.

Moderatori degli effetti di intervento

Sono state condotte ANOVA miste che hanno differenziato i partecipanti secondo determinati criteri al fine di valutare se gli effetti del programma possono essere ottenuti in determinate condizioni. I criteri includevano: grado di partecipazione dei partecipanti ai laboratori, sesso, livello scolastico (elementari vs. superiori) e livello di aggressività al pretest. I risultati hanno evidenziato interazioni significative per l’autovalutazione dell’ansia e della depressione, nonché la valutazione tra pari dell’aggressività, del comportamento prosociale e della gestione della rabbia.

In primo luogo, abbiamo esaminato le differenze nell’effetto dell’intervento in funzione del tempo di esposizione alla formazione Yoga. Dato che la frequenza media corrispondeva a 17 delle 24 sessioni, i bambini che hanno partecipato all’intervento sono stati raggruppati in due categorie: bassa frequenza (da 1 a 16 delle 24 sessioni, n = 21) e alta frequenza (17 o più di le 24 sessioni, n = 47). t – I confronti dei test hanno indicato che i partecipanti con un numero di partecipanti basso e alto differivano significativamente nei loro livelli di aggressività pre-test ( (56) = –2.23, p < .05, basso = .11, alto = .15). Le analisi ANOVA miste hanno mostrato un effetto di interazione dell’esposizione del trattamento sull’empatia (Lambda di Wilk .93; (1, 66)= 4,82; p < .05) e depressione (Lambda di Wilk .87; (1,66) = 9.89; p < .05). Le analisi degli effetti di contrasto hanno mostrato differenze significative nell’empatia tra il gruppo a bassa e alta frequenza al post-test (basso = 1,74, alto = 2,31), ma non al pre-test. Nel caso della depressione, gli effetti di contrasto hanno rivelato differenze significative tra pre e post test per il gruppo ad alta frequenza (pretest = 1.33, posttest = .85), ma non per il gruppo a bassa frequenza.

Confrontando gli effetti dell’intervento tra elementare ( n controllo = 32, n sperimentale = 42) e scuola superiore ( n controllo = 25, n sperimentale = 26), i risultati ANOVA misti hanno mostrato una significativa interazione tra trattamento, livello scolastico e misure ripetute di depressione (Lambda di Wilk = .96; (1, 121) = 3.95; p < .02). Quando le differenze medie sono state esaminate da vicino (vedi Figura 1), le analisi di contrasto hanno rivelato che i confronti delle differenze pre-test e post-test sono stati trovati solo per i bambini delle scuole elementari. Mentre la depressione è aumentata per i bambini nel gruppo di controllo (pretest = 0,73, posttest = 1,19), è diminuita per i bambini nel gruppo sperimentale (pretest = 1,31, posttest = 1,03).

Figura 1. La moderazione del livello di istruzione nell’effetto dei workshop di Yoga sulla depressione.

Un’interazione significativa è stata trovata anche per il comportamento prosociale segnalato dai pari (Lambda di Wilk = .97; (2, 121) = 3,97; p = .04). Le analisi degli effetti di contrasto hanno mostrato un effetto positivo del programma solo per gli studenti delle scuole superiori. Come esposto nella Figura 2 , è probabile che gli studenti nella condizione di controllo sia alle elementari che alle superiori diminuiscano i loro comportamenti cooperativi verso la fine dell’anno scolastico. Tuttavia, mentre i bambini nella condizione di allenamento Yoga della scuola elementare hanno mostrato un modello di diminuzione simile a quello del gruppo di controllo ( p = .00), quelli delle scuole superiori che hanno partecipato al programma hanno mantenuto gli stessi livelli di comportamento prosociale nei 6- periodo del mese ( p = .90).

Figura 2. Moderazione del livello di istruzione nell’effetto dei workshop di Yoga sul comportamento pro-sociale.

Inoltre, abbiamo valutato il grado di variazione degli effetti del programma in funzione del livello iniziale di aggressività dei bambini. Per eseguire queste analisi, i bambini nelle condizioni di controllo e di trattamento sono stati suddivisi in due gruppi: i bambini con punteggi in aggressività superiori a una deviazione standard ( n controllo = 13, n sperimentale = 16) e quelli al di sotto di una deviazione standard ( n controllo = 19, n sperimentale = 26). Risultati ANOVA misti hanno mostrato un’interazione significativa per l’aggressività (Lambda di Wilk = 0,52; (3, 121) = 36,61; p< .05).

 I risultati delle analisi del contrasto hanno mostrato che l’interazione non era dovuta a una differenza nelle condizioni di trattamento, ma allo stato iniziale del comportamento aggressivo. Un modello simile è stato trovato sia per la condizione di controllo che per quella sperimentale: mentre i bambini altamente aggressivi hanno ridotto significativamente il loro livello di aggressività (pretest = .19, posttest = .08, per sperimentale; pretest = .21, posttest = .08, per il controllo ), i bambini poco aggressivi sono rimasti gli stessi (pretest = .09, posttest = .07, per sperimentale; pretest = .09, posttest = .06, per il controllo).

Infine, è stato analizzato anche l’effetto differenziale dell’allenamento Yoga su ragazze ( n controllo = 22, n sperimentale = 33) e ragazzi ( n controllo = 22, n sperimentale = 18) con analisi ANOVA miste. È stata rivelata un’interazione significativa tra trattamento, sesso e misurazioni ripetute della depressione (Lambda di Wilk = .91; (3, 91) = 2.83; p < .05). Le analisi del contrasto (vedi Figura 3 ) hanno mostrato che la riduzione della depressione per il gruppo di trattamento era statisticamente significativa per i ragazzi (pretest = 1,45, posttest = 1,30), ma non per le ragazze (pretest = 1,29, posttest = 1,23).

Figura 3. La moderazione sessuale nell’effetto dei seminari di Yoga sulla depressione.

Analisi qualitativa sull’impatto percepito dei workshop  

Oltre ai risultati mostrati sopra, abbiamo anche analizzato le informazioni ottenute attraverso gruppi focali di 12 studenti ( n scuola elementare = 4 e n scuola superiore = 8). I dati sono stati codificati e classificati da due ricercatori. Lo scopo dell’analisi era identificare la varietà di percezioni degli studenti riguardo ai benefici del programma.

Nel complesso, è stata trovata una categoria comune e prevalente sulla riduzione dello stress nei rapporti di quattro studenti delle scuole elementari e sei studenti delle scuole superiori. Uno studente di quinta elementare ha detto: “Ho imparato a rilassarmi, non riuscivo a rilassarmi prima, ma ora non litigo più tanto con i miei compagni di classe”. Un altro studente delle elementari ha detto: Mi sono sentito più rilassato, da quando ho iniziato lo Yoga non combatto tanto, quando ho i compiti da fare non mi stresso, li faccio bene, con cura e sono molto rilassata, per questo mi piacciono le lezioni di Yoga , perché mi sento rilassato.

D’altra parte, uno studente delle superiori ha riferito: Prima ero tutto stressato, e questo ci riguarda, voglio dire, ho mescolato una cosa con l’altra, ho avuto problemi a casa e sono venuto qui a scuola tutto stressato e l’ho ripagato con tutti; ma non più, ora si sa controllare ciò che appartiene alla casa e alla scuola. Un altro studente delle superiori ha anche affermato che un apprendimento importante è stato che “il relax è importante per tutto e non si ottiene nulla se si è stressati”. Oltre a questo, tre bambini delle scuole elementari hanno manifestato cambiamenti nella loro vita scolastica, notando un miglioramento del loro rendimento scolastico. Uno studente ha detto: Prima di venire a questo seminario mi sono detto, è meglio che non vada perché devo fare i compiti di inglese, e li devo fare tardi, ma l’ho fatto molto velocemente e non mi sono stressato così tanto, non stancarti così quando faccio i compiti.

Inoltre, un altro studente ha riferito: “Ho notato un cambiamento in me stesso, mi sono sentito più intelligente perché sono finito nel livello di eccellenza, mi sono sentito più attivo nello scrivere storie; Ho scritto una bella storia e l’ho presentata ad altre scuole”. Infine, sei studenti delle scuole superiori hanno affermato di aver imparato a controllare le proprie emozioni grazie allo Yoga. In particolare, hanno affermato di aver imparato a calmarsi. A titolo di esempio, alcune delle relazioni presentate dagli studenti nei focus group includono: “Io ho sempre risposto… ma ora cerco di calmarmi un po’, insomma cerco di non farmi guidare dai miei impulsi, dai miei rabbia”; “Prima, diciamo, qualcuno mi chiamava stupido, e io rispondevo, o gli davo un calcio, o qualcosa del genere; non più”. È importante notare anche che uno degli studenti delle scuole superiori ha manifestato di non aver compreso lo scopo dei laboratori e di non aver percepito alcun apprendimento significativo.

Discussione

Lo scopo di questo studio era di effettuare una valutazione dell’impatto dell’implementazione di seminari extracurriculari di Yoga su depressione, ansia e aggressività, nonché alcune competenze socio-emotive nei bambini e nei giovani in età scolare. Lo studio è stato condotto con studenti di una scuola pubblica situata in un’area socioeconomica svantaggiata della città di Bogotà, in Colombia. L’analisi dei risultati quantitativi, che consente un confronto tra i cambiamenti negli studenti che hanno partecipato al programma Yoga e quelli in un gruppo di controllo non intervenuti, ha supportato i risultati della ricerca precedente (Kirkwood et al., 2005; Li & Goldsmith, 2012; Shapiro et al., 2007) che mostrano un particolare potenziale di questo tipo di programmi nella prevenzione dell’ansia. 

Lo studio suggerisce anche che lo Yoga può essere utile nel ridurre i problemi di depressione, specialmente per gli studenti delle scuole elementari, per i ragazzi e per i bambini la cui frequenza permanente ai laboratori è incoraggiata. Oltre a ciò, i risultati hanno mostrato che lo Yoga ha impedito la diminuzione dei comportamenti prosociali nel tempo nei bambini delle scuole superiori. Sulla base di ricerche precedenti che hanno dimostrato che il comportamento prosociale riferito dai pari tende ad aumentare durante il secondo semestre dell’anno scolastico (Velásquez & Bayona, 2014), è stato sorprendente riscontrare una tendenza generale verso una diminuzione di questi comportamenti nel gruppo di controllo. È difficile proporre una spiegazione teorica per questa diminuzione della prosocialità basata su un solo studio; quindi, i risultati apparentemente positivi del programma nei bambini delle scuole superiori, che non sembrano diminuire in questi comportamenti quando esposti al programma Yoga, devono essere presi con cautela e richiedono un’ulteriore replica.

Un’altra scoperta che non era prevista è stata che gli studenti identificati al pretest dai loro pari come altamente aggressivi hanno mostrato una diminuzione del loro comportamento aggressivo durante il periodo di 4 mesi in cui sono stati seguiti, indipendentemente dalla condizione sperimentale. Altri studi longitudinali non sperimentali condotti a Bogotà con studenti provenienti da ambienti simili hanno mostrato che i livelli di aggressività nelle scuole tendono a rimanere gli stessi nel corso dell’anno scolastico, e in particolare nei due momenti che sono stati esaminati in questo studio (Velásquez, Bukowski, & Saldarriaga, 2010). Pertanto, non ci si aspettava di trovare una diminuzione dell’aggressività per il gruppo di controllo. 

Ciò potrebbe essere dovuto a un particolare effetto temporale correlato a una terza variabile non identificata che interessa questo particolare campione. Ad esempio, la scuola o gli insegnanti potrebbero aver adottato una misura particolare sconosciuta ai ricercatori per ridurre l’aggressività complessiva. Inoltre, è possibile che altri studenti altamente aggressivi, non partecipanti allo studio, abbiano abbandonato la scuola, riducendo il clima aggressivo generale della scuola. Tuttavia, un’altra spiegazione plausibile per questo è un effetto di contaminazione positivo, in cui gli studenti che partecipano al gruppo di controllo potrebbero aver ridotto il loro livello di aggressività a causa del fatto che gli studenti partecipanti si sono impegnati in meno situazioni di aggressione nelle loro classi.

I risultati di questo studio sono stati integrati con informazioni qualitative raccolte dai focus group. C’è stato un alto grado di soddisfazione negli studenti che hanno partecipato ai laboratori, così come la consapevolezza di sensazioni di calma e rilassamento, e una sperimentazione di meno stress. Anche se l’analisi quantitativa non ha mostrato alcuna evidenza sul miglioramento della regolazione della rabbia, diverse risposte degli studenti che hanno partecipato ai laboratori hanno mostrato almeno un riconoscimento cognitivo dell’utilità dello Yoga per controllare le proprie emozioni.

Pur avendo trovato risultati promettenti per la prevenzione dell’ansia e della depressione, sulla base di ricerche precedenti (Berger et al., 2009; Khalsa et al., 2012 ; White, 2012), un miglioramento dell’aggressività e delle competenze socio-emotive legate all’aggressività era anche previsto. È possibile che l’allenamento Yoga, come è stato pianificato e fornito in questo studio, sia stato più efficace nel regolare la funzione di reattività allo stress associata all’ansia e alla depressione (Davidson et al., 2003), piuttosto che nel migliorare le capacità cognitive pensate per potenziare le competenze socio-emotive necessarie per prevenire l’aggressività (Steiner et al., 2013). 

Ulteriori implementazioni del nostro programma dovrebbero quindi bilanciare gli esercizi per includere più attività dirette a sviluppare quelle abilità cognitive. Inoltre, tenendo presente che i processi di apprendimento possono richiedere più tempo per trasferire alcune abilità nella vita quotidiana, è possibile che un intervento di 3 mesi non sia stato sufficiente per generare cambiamenti in questi attributi cognitivi. Pertanto, anche gli studi futuri dovrebbero essere orientati a svolgere questo lavoro con gli studenti per periodi di tempo più lunghi.  

Sebbene intendessimo superare alcuni degli inconvenienti delle ricerche precedenti (Serwacki & Cook-Cottone, 2012), è necessario notare alcune limitazioni del presente studio per orientare la ricerca futura. Ad esempio, ci siamo basati principalmente sui resoconti degli studenti sul comportamento proprio e dei loro coetanei. Dato che insegnanti e genitori erano ben consapevoli della condizione sperimentale degli studenti, abbiamo ritenuto che la loro valutazione potesse essere stata particolarmente distorta; quindi, non abbiamo raccolto informazioni da loro. Per studi futuri, i dati osservativi potrebbero fornire informazioni preziose per completare la visione degli studenti delle variabili valutate. Oltre a ciò, la ricerca futura potrebbe includere più ondate di dati raccolti per evitare la regressione agli effetti medi eventualmente causati dall’errore di misurazione, nonché per valutare se gli effetti positivi riscontrati permangono a lungo termine dopo la fine dell’intervento.

Questo studio mostra che lo Yoga ha un potenziale per diminuire l’ansia e la depressione negli ambienti scolastici. Questo è importante perché la ricerca ha dimostrato che i bambini che presentano questi problemi tendono ad essere più inclini alla vittimizzazione da parte dei loro coetanei (Kochenderfer & Ladd, 1996 ; Perry et al., 2001), che a sua volta aumenta l’aggressività nelle aule. Questi risultati possono avere importanti implicazioni pratiche in quanto possono informare gli sforzi di prevenzione della violenza e promozione delle competenze sociali degli operatori educativi. Ad esempio, è importante che lo Yoga o altri interventi simili abbiano una chiara teoria del cambiamento che chiarisca i meccanismi attraverso i quali possono promuovere uno sviluppo sano. In questo modo, i componenti e le attività del programma possono essere diretti in modo più esplicito al target che stanno cercando di cambiare. Inoltre, è probabile che, inteso a prevenire l’aggressività, lo Yoga possa essere più efficace se accompagnato da altre strategie pedagogiche che supportino lo sviluppo delle competenze socio-emotive. In sintesi, questo studio fa luce sull’effettiva portata e sui limiti che un programma basato sullo Yoga deve promuovere i bambini e il benessere dei giovani.

Ringraziamenti

Il finanziamento di questo studio è stato fornito dal supporto a Corporacion Dunna – alternativas creativas para la paz – di RAMO.

Note sui contribuitori

Ana María Velásquez è professore associato presso il Centro di Ricerca e Formazione in Educazione dell’Universidad de los Andes, Colombia. Ha conseguito una laurea in psicologia e un master in educazione presso l’Universidad de los Andes e un dottorato in psicologia dello sviluppo presso la Concordia University, Canada. Le sue aree di competenza sono legate allo sviluppo socio-emotivo, al contesto scolastico delle relazioni tra pari, alla prevenzione della violenza nelle scuole e ai programmi di promozione delle competenze di cittadinanza.

Maria Adelaida Lopez è una scienziata politica dell’Universidad de los Andes e ha conseguito un Master in Sociologia culturale presso l’Università di Londra. Ha una vasta esperienza nella gestione di progetti culturali e sociali in Colombia e all’estero. Implementa programmi di Yoga, Shiatsu e Reiki per la promozione della pace.

Natalia Quiñones è una filosofa Summa Cum Laude dell’Universidad de los Andes. Ha conseguito un JD presso l’Universidad del Rosario e un LLM presso la New York University. È una dottoranda dell’Università di Amsterdam. È una praticante di Yoga e membro di diversi gruppi di ricerca, inclusi progetti finanziati dal Norwegian Research Council. Diana Paba Barros è una psicologa dell’Universidad El Bosque e ha conseguito un Master in Salute e Psicologia Clinica presso l’Universidad de los Andes. Ha partecipato a trattamenti per l’iperattività presso il Summer Treatment Program della Florida International University e ha anche condotto consulenza per studenti vulnerabili con il programma RIO della Secretaría de Educación Distrital di Bogotá.

Appunti

1. La maggior parte degli studenti colombiani termina la scuola elementare dopo aver completato il grado 5 e termina la scuola superiore dopo aver completato il grado 11.


Riferimenti

  1. Bayne, TG , Aten, JD , Smith, JA , Greer, T. , & Francisco, CA ( 2007 , agosto). Benefici percepiti dell’intervento yoga: uno studio esplorativo. Documento presentato all’American Psychological Association, San Francisco, CA. 
  2. Berger, DL , Silver, EJ , & Stein, RE ( 2009 ). Effetti dello yoga sul benessere dei bambini dei centri urbani: uno studio pilota . Terapie Alternative in Salute e Medicina , 15 (5), 36 – 42 .
  3. Bukowski, WM , Cillessen, AHN , & Velásquez, AM ( 2011 ). Valutazioni tra pari . In B. Laursen , TD Little , & NA Card (Eds.), Handbook of Developmental Research Methods (pp. 211 – 228 ). New York, NY : Guilford . 
  4. Chaux, E. ( 2013 ). Violencia escolar en Bogotá: Avances y retrocesos en 5 años [Violenza scolastica a Bogotá: progressi e battute d’arresto in 5 anni] (Documento de Trabajo EGOB n. 5). Bogotà, Colombia : Escuela de Gobierno Alberto Lleras Camargo. Universidad de los Andes . 
  5. Chaux, E. , & Velásquez, AM ( 2008 ). Violencia en los colegios de Bogotá: Contraste internacional y algunas recomendaciones [Violenza nelle scuole di Bogotá: confronto internazionale e alcune raccomandazioni] . Revista Colombiana de Educación , 55 , 13 – 37 . 
  6. Culver, KA , Whetten, K. , Boyd, DL , & O’Donnell, K. ( 2015 ). Yoga per ridurre il disagio legato al trauma e le difficoltà emotive e comportamentali tra i bambini che vivono negli orfanotrofi ad Haiti: uno studio pilota . Il giornale di medicina alternativa e complementare .
  7. Da Silva, T. , Ravindran, L. , & Ravindran, A. ( 2009 ). Yoga nel trattamento dei disturbi dell’umore e dell’ansia: una revisione . Giornale asiatico di psichiatria , 2 , 6 – 16 . 
  8. Davidson, R. J , Kabat-Zinn, J. , Schumacher, J. , Rosencrantz, M , Muller, D. , Santorelli, SF , . . . Sheridan, JF ( 2003 ). Alterazioni del cervello e delle funzioni immunitarie prodotte dalla meditazione consapevole . Medicina psicosomatica , 65 , 564 – 570 . 
  9. Farrington, DP ( 1993 ). Comprendere e prevenire il bullismo . Delitto e giustizia , 17 , 381 – 458 . doi: 10.1086/449217 [Rif. incrociato][Google Scholar]
  10. Fombonne, E. , Wostear, G. , Cooper, V. , Harrington, R. , & Rutter, M. ( 2001 ). Il follow-up a lungo termine di Maudsley della depressione infantile e adolescenziale: 1 . Esiti psichiatrici in età adulta. Il British Journal of Psychiatry , 179 , 210 – 217 .
  11. Goodman, R. , Meltzer, H. , & Bailey, V. ( 1998 ). Il questionario punti di forza e difficoltà: uno studio pilota sulla validità della versione self-report . European Child and Adolescent Psychiatry , 7 , 125 – 130 .
  12. Granath J. , Ingvarsson, S. , von Thiele, U. , & Lundberg, U. ( 2006 ). Gestione dello stress: uno studio randomizzato sulla terapia cognitivo comportamentale e lo Yoga . Terapia cognitiva comportamentale , 35 , 3 – 10 .
  13. Harper, JC ( 2010 ). Yoga terapia in pratica: Insegnare yoga nelle scuole elementari urbane . Rivista internazionale di terapia yoga , 20 , 100 – 109 .
  14. Harrist, AW , Zaia, AF , Bates, JE , Dodge, KA , & Pettit, GS ( 1997 ). Sottotipi di ritiro sociale nella prima infanzia: stato sociometrico e differenze socio-cognitive in quattro anni . Sviluppo del bambino , 68 , 278 – 294 
  15. Hoffman, ML ( 2000 ). Empatia e sviluppo morale: implicazioni per la cura e la giustizia . Cambridge, Regno Unito : Cambridge University Press .
  16. Huesmann, LR , Eron, LD , Lefkowitz, MM , & Walder, LO ( 1984 ). Stabilità dell’aggressività nel tempo e nelle generazioni . Psicologia dello Sviluppo , 20 , 1120 – 1134 .
  17. Instituto Colombiano para la Evaluación de la Educación (ICFES). ( 2013 ). Resultados nacionales censales competencias ciudadanas SABRE 3o 5o e 9o 2012. Resumen ejecutivo [Risultati del censimento nazionale delle competenze di cittadinanza SABRE 3, 5 e 9 2012].
  18. Khalsa, SBS , Hickey-Schultz, L. , Cohen, D. , Steiner, N. , & Cope, S. ( 2012 ). Valutazione dei benefici per la salute mentale dello yoga in una scuola secondaria: uno studio preliminare controllato randomizzato . Il Journal of Behavioral Salute Servizi & Research , 39 , l’80 – il 90 . 
  19. Kirkwood, G. , Rampes, H. , Tuffrey, V. , Richardson, J. , & Pilkington, K. ( 2005 ). Yoga per l’ansia: una revisione sistematica delle prove della ricerca . British Journal of Sports Medicine , 39 , 884 – 891 . 
  20. Kochenderfer, BJ , & Ladd, GW ( 1996 ). Vittimizzazione tra pari: causa o conseguenza del disadattamento scolastico ? Sviluppo del bambino , 67 , 1305 – 1317 .
  21. Agnello, T. ( 2004 ). Benefici per la salute dello yoga .
  22. Li, AW e Goldsmith, CW ( 2012 ). Gli effetti dello yoga su ansia e stress . Medicina alternativa Review , 17 , 21 – 35 . 
  23. Miller, DN ( 2012 ). Valutare problemi di interiorizzazione e benessere . In GG Peacock , RA Ervin , EJ Daly, III , & KW Merrel (a cura di), Manuale pratico di psicologia scolastica (pp. 175 – 191 ). New York, NY : Guilford press . 
  24. Perry, D. , Hodges, E. , & Egan, S. ( 2001 ). Determinanti della vittimizzazione cronica da parte dei pari: una revisione e un nuovo modello di influenza familiare . In J. Junoven & S. Graham (a cura di), Le molestie tra pari a scuola. La condizione dei vulnerabili e dei vittimizzati (pp. 73 – 104 ). New York, NY : La stampa di Guilford . Rubin, KH , Bukowski, W. , & Parker, JG ( 2006 ). Interazioni, relazioni e gruppi tra pari . In W. Damon & RM Lerner (serie Ed.) & N. Eisenberg (Vol. Ed.), Manuale di psicologia infantile: vol. 3: Sviluppo sociale, emotivo e della personalità ( 6a ed., pp. 571 – 645 ). Hoboken, NY : Wiley .
  25. Rubin, K. H , Coplan, RJ e Bowker, JC ( 2009 ). Ritiro sociale nell’infanzia . Rassegna annuale di psicologia , 60 , 141 – 171 . 
  26. Saarni, C. , Campos, JJ , Camras, LA , & Witherington, D. ( 2006 ). Sviluppo emotivo: azione, comunicazione e comprensione . In W. Damon & RM Lerner (serie Ed.) & N. Eisenberg (Vol. Ed.), Manuale di psicologia infantile: vol. 3: sociale, emotivo, e sviluppo della personalità ( 6 ° ed, pp.. 226 -299). Hoboken, NY : Wiley . 
  27. Saldarriaga, LM , Velásquez, AM , Bruce-Santo, J. , Bukowski, WM , & Chaux, E. ( 2009 ). Agresión escolar en Colombia y el Salvador: Variaciones contestuales en su frecuencia y efectos [Aggressione scolastica in Colombia ed El Salvador: variazioni contestuali di frequenza ed effetti] . In C. Berger & C. Lisboa (a cura di), Violencia escolar: Estudios y posibilidades de intervención en Latinoamérica (pp. 85 – 107 ). Santiago, Cile :Editoriale Universitaria, Universidad Alberto Hurtado 
  28. Saraswati, SS ( 1990 ). Educazione yoga per bambini . Munger, India : Fiducia delle pubblicazioni di yoga . 
  29. Secretaría de Educación del Distrito. ( 2013 ). Educación para la ciudadanía y la convivencia: Encuesta clima escolar y victimización [Educazione alla cittadinanza e alla convivenza: clima scolastico e indagine sulla vittimizzazione] (Rapporto stampa).
  30. Serwacki, ML , & Cook-Cottone, C. ( 2012 ). Yoga nelle scuole: una revisione sistematica della letteratura . International Journal of Yoga Therapy , 22 , 101 – 110 . 
  31. Shapiro, D. , Cook, IA , Davydov, DM , Ottaviani, C. , Leuchter, AF , & Abrams, M. ( 2007 ). Yoga come trattamento complementare della depressione: effetti di tratti e stati d’animo sull’esito del trattamento . Medicina complementare e alternativa basata sull’evidenza , 4 , 493 – 502 . 
  32. Shonkoff, JP , Boyce, WT , & McEwen, BS ( 2009 ). Neuroscienze, biologia molecolare e le radici infantili delle disparità di salute: costruire un nuovo quadro per la promozione della salute e la prevenzione delle malattie . Journal of American Medical Association , 301 , 2252 – 2259 . 
  33. Skinner, EA e Zimmer-Gembeck, MJ ( 2007 ). Lo sviluppo del coping . Rassegna annuale di psicologia , 58 , 119 – 144 . doi: 10.1146/annurev.psych.58.110405.085705
  34. Steiner, NJ , Sidhu, TK , Pop, PG , Frenette, EC , & Perrin, EC ( 2013 ). Yoga in una scuola urbana per bambini con disturbi emotivi e comportamentali: uno studio di fattibilità . Rivista di Studi Famiglia e Bambino , 22 , 815 – 826 . 
  35. Suldo, SM , Shaunessy, E. , & Hardesty, R. ( 2008 ). Relazioni tra stress, coping e salute mentale negli studenti delle scuole superiori di alto livello . Psicologia nelle scuole , 45 , 273 – 290 . 
  36. Vanderbilt, D. , & Augustyn, M. ( 2010 ). Gli effetti del bullismo . Pediatria e salute dei bambini , 20 , 315 – 320 .
  37. Velásquez, AM e Bayona, H. ( 2014 ). L’effetto della coesione in classe sul comportamento prosociale degli studenti: uno studio longitudinale a breve termine . Manoscritto in preparazione, CIFE, Universidad de los Andes , Bogotá, Colombia . 
  38. Velásquez, AM , Bukowski, WM , & Saldarriaga, LM ( 2010 ). Gli effetti delle norme e della coesione tra pari in classe sulle traiettorie di aggressione . Manoscritto in preparazione, Dipartimento di Psicologia, Concordia University, Montreal, Canada.
  39. Vempati, RP , & Telles, S. ( 2002 ). Il rilassamento guidato basato sullo yoga riduce l’attività simpatica giudicata dai livelli di base . Psychological Reports , 90 , 487 – 494 .
  40. Weissman, MM , Wolk, S. , Wickramaratne, P. , Goldstein, RB , Adams, P. , Greenwald, S. , . . . Steinberg, D. ( 1999 ). I bambini con disturbo depressivo maggiore e ansia a esordio prepuberale sono cresciuti . Archivi di Psichiatria Generale , 56 , 794 – 801 . 
  41. Bianco, LS ( 2012 ). Ridurre lo stress nelle ragazze in età scolare attraverso lo yoga consapevole . Journal of Pediatric Health Care , 26 , 45 – 56 . 
  42. Widom, CS ( 2000 ). Vittimizzazione infantile: prime avversità, poi psicopatologia. Washington, DC : Istituto Nazionale di Giustizia .
  43. Yoshihara, K. , Hiramoto, T. , Sudo, N. , & Kubo, C. ( 2011 ). Profilo degli stati d’animo e degli indici biochimici legati allo stress nei praticanti di yoga a lungo termine . Medicina Biopsicosociale , 5 (1): 6 . 

Comments are closed.