Gli antidepressivi aumentano il rischio di suicidio e violenza a tutte le età

Peter C. Gøtzsche, MD
MadinAmerica.com, novembre 2016

Le agenzie farmaceutiche mettono in guardia contro l’uso di antidepressivi nei bambini e negli adolescenti perché aumentano il rischio di suicidio. È più difficile sapere qual è il rischio negli adulti, poiché negli studi controllati con placebo si è verificata una massiccia sottostima e persino frode nella segnalazione di suicidi, tentativi di suicidio e pensieri suicidi (1,2) . La Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha contribuito all’oscurità minimizzando i problemi, scegliendo di fidarsi delle compagnie farmaceutiche, sopprimendo informazioni importanti e con altri mezzi (2) .

In una meta-analisi degli studi controllati con placebo del 2006, la FDA ha riportato solo cinque suicidi in 52.960 pazienti trattati con SSRI (uno su 10.000 pazienti) (3) , ma ci sono stati molti più suicidi in questi studi (2) . Cinque anni prima, nel 2001, Thomas Laughren, responsabile della meta-analisi della FDA, aveva pubblicato un documento utilizzando i dati della FDA in cui riportava 22 suicidi in 22.062 pazienti randomizzati ad antidepressivi (4), che è 10 su 10.000, o 10 volte di più rispetto a quanto riportato nel 2006. Nell’articolo di Laughren del 2001, ci sono stati quattro volte più suicidi con antidepressivi rispetto al placebo, il che era statisticamente significativo (P = 0,03, il mio calcolo). Tuttavia, Laughren non ne ha parlato ai suoi lettori, ma ha scritto: “Ovviamente non vi è alcun suggerimento di un rischio di suicidio eccessivo nei pazienti trattati con placebo”. No, ma sicuramente c’era nei pazienti trattati con farmaci!

Nella sua meta-analisi, la FDA ha scoperto che la paroxetina ha aumentato significativamente i tentativi di suicidio negli adulti con disturbi psichiatrici, odds ratio 2,76 (intervallo di confidenza al 95% da 1,16 a 6,60) (3) . GlaxoSmithKline ha riscontrato anche un aumento dei tentativi di suicidio negli adulti e nel 2006 GSK USA ha inviato una lettera “Dear Doctor” in cui si sottolineava che il rischio di comportamento suicidario era aumentato anche oltre i 24 anni (2) .

La FDA era incoerente. L’agenzia ha affermato nel 2009 che è solo nei soggetti di età inferiore ai 24 anni che questi farmaci sono rischiosi (5) . Ma nel 2007, l’agenzia ha ammesso, almeno indirettamente, che gli SSRI possono provocare il suicidio a tutte le età (6): “Tutti i pazienti in trattamento con antidepressivi per qualsiasi indicazione devono essere monitorati in modo appropriato e osservati attentamente per peggioramento clinico, tendenza al suicidio e cambiamenti insoliti nel comportamento, specialmente durante i primi mesi di un ciclo di terapia farmacologica, o in momenti di modifiche della dose, aumenta o diminuisce. I seguenti sintomi, ansia, agitazione, attacchi di panico, insonnia, irritabilità, ostilità, aggressività, impulsività, acatisia (irrequietezza psicomotoria), ipomania e mania, sono stati riportati in pazienti adulti e pediatrici trattati con antidepressivi. ” La FDA ha anche osservato che “le famiglie e gli operatori sanitari dei pazienti dovrebbero essere avvisati di cercare la comparsa di tali sintomi su base giornaliera, poiché i cambiamenti possono essere improvvisi. “Sembra che la FDA abbia finalmente ammesso che gli SSRI possono causare follia a tutte le età e che i farmaci sono molto pericolosi; altrimenti non sarebbe necessario un monitoraggio quotidiano. Tale monitoraggio quotidiano è, tuttavia, una soluzione falsa. Le persone non possono essere monitorate ogni minuto e molti hanno commesso un suicidio indotto da SSRI entro poche ore dopo che tutti pensavano di essere perfettamente a posto.

Poiché nella letteratura sperimentale pubblicata è presente una diffusa cattiva condotta scientifica relativa al suicidio e all’aggressione agli antidepressivi, abbiamo deciso di cercare altrove. Abbiamo ottenuto 64.381 pagine di rapporti di studi clinici dall’Agenzia europea per i medicinali, che si sono rivelati molto rivelatori (7) . Nel gennaio 2016 abbiamo dimostrato, per la prima volta, che gli SSRI rispetto al placebo aumentano l’aggressività nei bambini e negli adolescenti, odds ratio 2,79 (95% CI 1,62-4,81). Questa è una scoperta importante considerando le numerose sparatorie nelle scuole in cui gli assassini erano sotto SSRI.

A ottobre, abbiamo dimostrato in una revisione sistematica di studi controllati con placebo su volontari sani adulti che gli antidepressivi raddoppiano il verificarsi di eventi che possono portare al suicidio e alla violenza, odds ratio 1,85 (IC 95% da 1,11 a 3,08) (8) . Il numero necessario da trattare per danneggiare una persona adulta sana era solo 16 (IC 95% da 8 a 100).

Il 14 novembre, abbiamo dimostrato che gli effetti avversi che aumentano il rischio di suicidio e violenza erano 4-5 volte più comuni con duloxetina che con placebo negli studi su donne con incontinenza urinaria da stress (9) . I risultati erano simili per gli eventi di attivazione definiti dalla FDA e c’erano anche più donne in trattamento con duloxetina che hanno sperimentato un evento psicotico core o potenziale, rischio relativo RR 2,25 (IC 95% da 1,06 a 4,81). Molte donne sono state colpite dai danni della duloxetina. C’erano 187 che avevano almeno un evento di attivazione principale o potenziale con duloxetina su 958, mentre solo 42 su 955 donne trattate con placebo hanno manifestato tali eventi, vale a dire il 15% in più di donne ha subito danni durante il ogni sette trattati.

Duloxetina non è mai stata approvata per l’uso nell’incontinenza da stress negli Stati Uniti o in Canada mentre è approvata in Europa. Abbiamo eseguito una meta-analisi di 4 studi clinici randomizzati controllati con placebo di duloxetina (che hanno coinvolto un totale di 1913 pazienti) presentati all’Agenzia europea per i medicinali per l’approvazione all’immissione in commercio. Abbiamo utilizzato i dati dei rapporti degli studi clinici (per un totale di 6870 pagine e inclusi i dati dei singoli pazienti). Sarebbe stato del tutto impossibile dimostrare quanto sia pericolosa la duloxetina, se avessimo avuto accesso solo alla ricerca pubblicata.

La nostra revisione sistematica sottolinea che gli antidepressivi non solo aumentano il rischio di suicidio e violenza nei bambini e negli adolescenti, ma anche nelle persone molto più anziane: le donne negli studi avevano un’età media di 52 anni. In base a ciò, la FDA ha precedentemente annunciato che le donne trattate con duloxetina per l’incontinenza nella fase di estensione in aperto degli studi clinici avevano tentato il suicidio 2,6 volte in più rispetto ad altre donne della stessa età (2) .

Non ho dubbi che i produttori di antidepressivi ei loro alleati retribuiti tra gli psichiatri sosterranno che non c’è nulla di cui preoccuparsi perché non abbiamo riscontrato un aumento dei suicidi o dei tentativi di suicidio in volontari adulti sani o in donne con incontinenza urinaria, solo un aumento dei precursori di tali eventi. Ma questa argomentazione è errata. Guardare gli eventi precursori del suicidio è proprio come guardare i fattori prognostici per le malattie cardiache. Diciamo che l’aumento del colesterolo, il fumo e l’inattività aumentano il rischio di attacchi di cuore e morte cardiaca e quindi raccomandiamo alle persone di fare qualcosa al riguardo. I leader psichiatrici, tuttavia, cercano regolarmente di farla franca con argomenti insostenibili. Molti affermano, ad esempio, che gli antidepressivi possono essere somministrati in sicurezza ai bambini sostenendo che non ci sono stati più suicidi nei processi,

Conclusioni

Sebbene l’industria farmaceutica, i nostri regolatori dei farmaci e gli psichiatri leader abbiano fatto il possibile per oscurare questi fatti (2) , non si può più dubitare che gli antidepressivi siano pericolosi e possano causare suicidio e omicidio a qualsiasi età (2,10,11) . Gli antidepressivi hanno molti altri danni importanti e il loro beneficio clinico è dubbio (2) . Pertanto, la mia conclusione è che non dovrebbero essere utilizzati affatto. È particolarmente assurdo usare farmaci per la depressione che aumentano il rischio di suicidio quando sappiamo che la psicoterapia riduce il rischio di suicidio (12) . Gli studi di psicoterapia sono stati criticati per la mancanza di accecamento (12)ma è difficile accecare tali prove. Inoltre, il suicidio è un risultato piuttosto difficile.

Dovremmo fare del nostro meglio per evitare di sottoporre le persone a farmaci antidepressivi e per aiutare coloro che già li assumono a smetterla riducendoli gradualmente sotto stretta supervisione. Le persone con depressione dovrebbero ricevere psicoterapia e supporto psicosociale, non farmaci.


Riferimenti:

1. Healy D. I regolatori hanno fallito sugli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina? BMJ 2006; 333: 92-5.

2. Gøtzsche PC. Psichiatria mortale e negazione organizzata. Copenhagen: People’s Press; 2015.

3. Risate TP. Panoramica per la riunione del 13 dicembre del Comitato consultivo sui farmaci psicofarmacologici (PDAC). 16 novembre 2006 www.fda.gov/ohrms/dockets/ac/06/briefing/2006-4272b1-01-FDA.pdf.

4. Risate TP. La base scientifica ed etica per gli studi controllati con placebo nella depressione e nella schizofrenia: una prospettiva della FDA. Eur Psychiatry 2001; 16: 418-23.

5. Stone M, Laughren T, Jones ML, et al. Rischio di suicidio negli studi clinici di antidepressivi negli adulti: analisi di dati proprietari presentati alla Food and Drug Administration degli Stati Uniti. BMJ 2009; 339: b2880.

6. FDA. Uso di antidepressivi in ​​bambini, adolescenti e adulti. http://www.fda.gov/drugs/drugsafety/informationbydrugclass/ucm096273.htm.

7. Sharma T, Guski LS, Freund N, Gøtzsche PC. Suicidalità e aggressività durante il trattamento antidepressivo: revisione sistematica e meta-analisi basate sui rapporti di studi clinici. BMJ 2016; 352: i65.

8. Bielefeldt AØ, Danborg PB, Gøtzsche PC. Precursori del suicidio e della violenza sugli antidepressivi: revisione sistematica degli studi su volontari sani adulti. JR Soc Med 2016; 109: 381-392.

9. Maund E, Guski LS, Gøtzsche PC. Considerando i benefici e i rischi di duloxetina per il trattamento dell’incontinenza urinaria da stress: una meta-analisi dei rapporti di studi clinici. CMAJ 2016; 14 novembre. http://www.cmaj.ca/lookup/doi/10.1503/cmaj.151104.

10. Healy D. Lascia che mangino il Prozac. New York: New York University Press; 2004.

11. Breggin P. Farmaci follia. New York: St. Martin’s Griffin; 2008.

12. Hawton K, Witt KG, Taylor Salisbury TL, Arensman E, Gunnell D, Hazell P, Townsend E, van Heeringen K. Interventi psicosociali per l’autolesionismo negli adulti. Cochrane Database Syst Rev 2016; 5: CD012189.

Comments are closed.