Scambio di corrispondenza con l’Istituto Superiore di Sanità sul registro italiano ADHD

Nell’ottobre 2013 il nostro Portavoce, scriveva a nome del Comitato GiùleManidaiBambini ONLUS una dettagliata lettera all’Istituto Superiore di Sanità, in merito dal registro Italiano ADHD, chiedendo delucidazioni circa evidenti e importanti carenze nei report derivanti dal Registro stesso: mancavano, a nostro avviso, numerose e importanti informazioni di grande interesse per il pubblico e gli addetti ai lavori. Leggi qui il testo della nostra lettera.

Nel corso del mese di gennaio 2014 la nostra lettera veniva inoltrata al Ministro della Salute, come da nota di riscontro inviataci proprio a cura del Ministero della Salute, che puoi leggere qui.

A luglio 2014 ricevevamo finalmente una lunga risposta, dall’Istituto Superiore di Sanità, con parziale soddisfazione delle nostre richieste di approfondimento. Qui il testo integrale, con tabelle allegate, inviataci dall’Agenzia Italiana del Farmaco.

La nostra opera di “advocacy” con le istituzioni di controllo non finisce ovviamente qui, ed ecco infatti il testo della lettera da noi inviata in risposta, nel novembre 2014, e l’ulteriore lettera, inviata a maggio 2017.

FacebookEmailBookmark/FavoritesPrintFriendlyCondividi

Centri per la somministrazione ai bambini di metilfenidato in Italia (regione per regione)

Scarica Centri per la somministrazione ai bambini di metilfenidato in Italia (regione per regione)

Progetto ADHD – Istituto Superiore di Sanità

Scarica il Progetto ADHD – Istituto Superiore di Sanità

Protocollo diagnostico ISS

Scarica il Protocollo diagnostico ISS

Consenso Informato ISS

Questo è il modulo per il Consenso Informato nella versione del 2005…

e questo è il modulo del Consenso Informato ISS, nella versione 2007

Replica del Portavoce all’ISS

Scarica la Replica del Portavoce all’ISS

Comunicato stampa sul progetto ISS

Scarica il Comunicato stampa sul progetto ISS

Progetto PrISMA

Qui puoi leggere i dettagli del contestato Progetto PrISMA, finanziato con fondi pubblici ma realizzato in gran parte da strutture di ricerca private, nel corso del quale è stato avviato lo screening di una parte della popolazione studentesca al fine di individuare tramite la compilazione di questionari la percentuale di bimbi italiani sofferenti di malattie mentali, che secondo i risultati si attesterebbe intorno al dieci per cento della popolazione infantile.

Scarica il Progetto PrISMA